Home / Archivio dei Tag: calorie (pagina 3)

Archivio dei Tag: calorie

L’indicazione delle calorie sui menu influenza più i ristoranti che i clienti. Due studi realizzati negli Stati Uniti e pubblicati dalla rivista Health Affairs

Dal 2008, a New York le catene di ristoranti che hanno più di 15 locali sono obbligate a indicare le calorie dei loro menu. Dalla fine del 2016, una legge analoga entrerà in vigore in tutti gli Stati Uniti, per le catene con più di venti ristoranti in tutto il paese. Alcuni ricercatori della New York University Langone Medical Center …

Continua »

Attività fisica inutile per dimagrire: quando si sceglie il fast food è la qualità del cibo a fare la differenza sull’introito calorico

In un articolo sul New York Times, Aaron E. Carroll spiega che per perdere 350 kcal è necessario correre per 30 minuti: in realtà per ottenere lo stesso risultato sarebbe sufficiente rinunciare a 2 lattine e mezza (139 cal per 33 cl) di Coca-Cola. Diversi studi indicano che l’attività fisica, che ogni persona dovrebbe praticare perché apporta molti benefici per …

Continua »

Un pianeta che ingrassa: in 39 anni sono aumentati sia l’indice di massa corporea sia le calorie disponibili per abitante. Il junk food alla base del problema denuncia l’OMS

Gli abitanti del pianeta continuano a ingrassare quasi ovunque, e sono sempre più in sovrappeso od obesi. Questo il dato denunciato da molte indagini realizzate negli ultimi anni, non è mai emersa come fenomeno globale. La colpa è di una serie di cofattori (il cambiamento delle abitudini di vita e di lavoro, la sedentarietà, la dipendenza dai mezzi meccanici di locomozione) …

Continua »

Bevande alcoliche: il Parlamento europeo chiede alla Commissione che siano indicate le calorie sulle etichette

Il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione sulla strategia da adottare in materia di alcol. Il documento sottolinea la “necessità di indicare chiaramente e al più presto sulle etichette almeno il contenuto calorico delle bevande alcoliche” e chiede alla Commissione Ue di presentare una proposta legislativa “al più tardi nel 2016”. La risoluzione, inoltre, chiede alla Commissione europea di produrre …

Continua »

Ingredienti artificiali inaccettabili: la catena statunitense Panera Bread ha compilato una black list. Ma quanto contano se un panino contiene mille calorie?

La catena di bakery-café Panera Bread, che negli Stati Uniti gestisce  1.800 locali, ha pubblicato una lista di oltre 150 ingredienti artificiali giudicati “inaccettabili”, che ha già eliminato dai propri menù o che lo saranno entro la fine del 2016. La lista, compilata con la consulenza di scienziati ed esperti esterni alla compagnia, comprende coloranti, aromatizzanti, dolcificanti e conservanti, alcuni dei …

Continua »

Il bambino preferisce l’Happy Meal alla pizza, ma l’hamburger di McDonald’s è preparato con anteriore di carne di vacca. Un taglio di mediocre qualità, e la catena di fast food cosa dice?

Lo spot del bambino che preferisce l’Happy Meal di McDonald’s alla pizza ha varcato i confini arrivando sulle pagine dei giornali inglesi. Dopo la richiesta di censura all’Istituto di autodisciplina Pubblicitaria e all’Antitrust un’associazione di pizzaioli ha inviato un esposto all’Agcom e oggi anche su Change.org Alfonso Pecoraro Scanio ha avviato una petizione contro la pubblicità di zio Mac. In …

Continua »

Tassare il cibo spazzatura e incentivare frutta e verdura è efficace per promuovere un’alimentazione più sana. I risultati di uno studio dell’Oms

L’ufficio europeo dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha pubblicato uno studio su come i prezzi possono influenzare le abitudini a tavola e favorire una dieta più sana, riducendo i costi sociali e sanitari delle malattie correlate a un’alimentazione scorretta. La regione europea dell’Oms comprende 53 Paesi e le statistiche sulle malattie non trasmissibili indicano la necessità di politiche efficaci a favore …

Continua »

Pizza o Happy Meal? La nuova pubblicità di McDonald’s scredita la pizza in favore del fast food. Un pasto da evitare dicono i nutrizionisti

La polemica sulla pubblicità di McDonald’s che invita a preferire un Happy Meal alla pizza continua. Nelle scorse ore Il Fatto Alimentare ha richiesto la censura dello spot all’Agcom e all’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria (vedi articolo) e la storia è finita sulle prime pagine di molte testate. La scena si svolge in una pizzeria cupa. Al tavolo siedono padre, madre …

Continua »

Lo spot di McDonald’s contro le pizzerie è scorretto. Il Fatto Alimentare chiede immediata censura a Giurì e Antitrust

Il bambino in pizzeria che nello spot di McDonald’s chiede un Happy Meal è scorretto perché discredita la categoria dei pizzaioli, induce in errore sulle corrette abitudini alimentari dei bambini, abusa dei naturali sentimenti dei genitori verso i figli, e gioca sulla naturale credulità e mancanza di esperienza dei piccoli in materia alimentare. Per questi motivi Il Fatto Alimentare ha …

Continua »

Calorie degli alcolici: è scontro sull’indicazione in etichetta tra i produttori di birra e quelli di superalcolici. I prodotti sono troppo diversi tra loro

L’associazione dei produttori europei di birra, la Brewers of Europe, ha annunciato l’inserimento volontario dell’indicazione degli ingredienti e dei valori nutrizionali sulle etichette delle birre, per dimostrare che contengono meno calorie del vino e dei superalcolici.   Una tabella pubblicata dall’associazione indica che 100 millilitri di whisky hanno 245 kcal, mentre la stessa quantità di vino rosso ne ha 96, il vino …

Continua »

Semaforo nutrizionale, l’industria alimentare contro il ministro della salute francese. I rappresentanti non si sentono considerati e giudicano semplicistica la proposta

Il parlamento francese ha iniziato a discutere il progetto di legge del governo sulla sanità, che all’art. 5 prevede “per facilitare l’informazione dei consumatori e per aiutarli a scegliere consapevolmente”, di affiancare alle informazioni nutrizionali obbligatorie, una rappresentazione con simboli o grafici.   Pochi giorni prima dell’inizio del dibattito parlamentare, il ministro della salute, Marisol Touraine, ha convocato una riunione …

Continua »

Biscotti Mulino Bianco Fiori di latte: 40% in meno di grassi dice lo spot ma quasi lo stesso numero di calorie degli altri frollini, mentre il prezzo raddoppia

Gli spot tv dei frollini Barilla “Fiori di latte”  hanno un notevole impatto perché nella pubblicità si dice che contengono  il 40% in meno di grassi rispetto agli altri. Osservando però la confezione qualcosa non convince. A dispetto del nome, i Fiori di latte contengono solo il 5,2% di latte in polvere scremato!  Perché allora Barilla ha scelto questo nome per un prodotto …

Continua »

Il panino vegetariano di McDonald’s arriva anche in Italia dopo Germania e Svizzera. Confronto diretto con hamburger di manzo, pollo e pesce

McDonald’s Italia ha confermato che entro l’anno arriverà il panino vegetariano, anche se tutt’ora non ci sono informazioni precise sugli ingredienti. L’opzione senza carne della famosa catena di fast food, è già in vendita nei ristoranti di alcuni paesi europei, come la Germania, dove si chiama Veggie Burger, e la Svizzera, ribattezzato Vegi Mac.   Per avere un’idea sugli ingredienti e …

Continua »

Il metabolismo basale: verità, dubbi e luoghi comuni. I segreti svelati dal Centro di Riabilitazione Nutrizionale

Il metabolismo basale è la quantità di energia che serve all’organismo per mantenersi in vita, per far funzionare i quattro sistemi vitali: respirazione, cuore, reni e cervello. Questo metabolismo copre circa il 60-70% del consumo calorico giornaliero. Se ogni persona brucia mediamente 2.000 calorie al giorno, 1.300 sono spese per mantenere in vita l’organismo, anche se restasse a letto per …

Continua »

Le indicazioni nutrizionali nei menù: da McDonald’s, il 60% le legge, ma solo il 16% si lascia condizionare. Sono soprattutto persone con alto reddito e buona scolarizzazione

Le indicazioni nutrizionali, che negli Stati Uniti (come stabilito nell’Affordable Care Act, la riforma sanitaria di Barack Obama) saranno obbligatorie dalla fine del 2015 in tutti i ristoranti che abbiano più di 20 punti vendita, non sempre ottengono lo scopo per il quale sono state introdotte. Dovrebbero infatti aumentare la consapevolezza di ciò che si mangia, soprattutto tra le fasce …

Continua »