Home / Etichette & Prodotti / Usa, i medici chiedono avvertenze in etichetta per gli alimenti ad alto contenuto di zuccheri aggiunti

Usa, i medici chiedono avvertenze in etichetta per gli alimenti ad alto contenuto di zuccheri aggiunti

Gli alimenti che contengono un’alta quantità di zuccheri aggiunti dovrebbero apporre un’avvertenza sul fronte della confezione, in modo da aumentare la consapevolezza dei consumatori su ciò che ingeriscono, consentendo loro di acquistare cibi meno dolci e aiutando a prevenire malattie come il diabete di tipo 2 e le malattie cardiache, che colpiscono milioni di statunitensi. La Food and Drug Administration (FDA), da parte sua, dovrebbe stabilire una quantità massima giornaliera raccomandata di zuccheri aggiunti.

È quanto sostiene l’American Medical Association (AMA), che chiede alla FDA di sviluppare un modello di etichetta contenente questa avvertenza e di imporre un limite agli zuccheri aggiunti per i prodotti che sulle confezioni hanno affermazioni su proprietà nutrizionali legate al loro contenuto di energia, proteine, grassi, carboidrati, fibre alimentari, vitamine o minerali. Secondo l’AMA, queste affermazioni possono indurre il consumatore a ritenere un prodotto sano, nonostante contenga un’elevata quantità di zuccheri aggiunti. Secondo l’AMA gli studi sulle risposte a questo tipo di messaggi  pubblicitari  hanno rilevato che “i consumatori generalizzano eccessivamente la salubrità di un prodotto sulla base di affermazioni più limitate”.

Contraria alla proposta dei medici statunitensi si dichiara la Sugar Association, che ricorda come la quantità di zuccheri aggiunti dovrà essere indicata nella nuova etichetta nutrizionale obbligatoria a partire dal 2020, facendo riferimento a una quantità giornaliera consigliata di 50 grammi.  Secondo le industrie dello zucchero, però, trasformare questo limite calorico in una soglia motivata con ragioni mediche significa fuorviare i consumatori e sostenere qualcosa di non fondato scientificamente.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

È guerra alle Fake Meat. Ma vietare la parola “carne” sulle etichette delle alternative vegetali e coltivate aiuterà i consumatori?

I produttori di carne americani, dopo quelli francesi, dichiarano una guerra semantica alla finta carne …

Un commento

  1. Avatar

    devo dire che, purtroppo, in nord America i consumatori non hanno una forte rappresentanza, in quanto le corporazioni produttive sono molto più potenti, dato che dispongono di una forza economico-finanziaria non paragonabile…