Home / Pianeta / Usa, dopo otto anni e tre rinvii entra in vigore l’indicazione delle calorie sui menu. La norma vale per catene con più di venti punti vendita

Usa, dopo otto anni e tre rinvii entra in vigore l’indicazione delle calorie sui menu. La norma vale per catene con più di venti punti vendita

menuIl 7 maggio la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha reso operativa la norma che obbliga i ristoranti a indicare la quantità di calorie dei piatti standard sui propri menu e a garantire l’accesso dei consumatori alle informazioni nutrizionali dei vari piatti.

Approvata nel 2010, la disposizione avrebbe dovuto entrare in vigore nel 2015, ma è stata rimandata per tre volte, per la pressione degli operatori interessati. L’obbligo riguarda le catene di ristoranti e le strutture al dettaglio con più di venti punti vendita con lo stesso nome, dove si propongono sostanzialmente gli stessi menu, come pizzerie, caffetterie, fast food, supermercati e cinema.

Oltre ad indicare le calorie i gestori dovranno fornire, su richiesta del consumatore, informazioni scritte sul contenuto nutrizionale dei menu standard: grassi totali, grassi saturi, grassi trans, colesterolo, sodio, carboidrati totali, zuccheri, fibre e proteine.

Il primo obbligo sull’indicazione delle calorie sui menu era stato deciso dalla città di New York nel 2006 ed era entrato in vigore due anni dopo. Nello stesso anno lo aveva fatto lo Stato della California e  una ventina di contee e città. Ora la  norma vale per tutti gli Stati Uniti.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

spreco alimentare

Combattere lo spreco alimentare ‘umanizzando’ frutta e verdura imperfetta, la strana strategia di alcuni ricercatori americani

Si moltiplicano, a livello internazionale, gli sforzi per ridurre lo spreco alimentare. Negli ultimi giorni …

2 Commenti

  1. Avatar

    Le provano tutte pur di togliersi di dosso il primato della nazione più obesa al mondo, e presumibilmente dell’universo.

  2. Valeria Nardi

    La norma riguarda gli Stai Uniti d’America.