Home / Archivio dei Tag: aia

Archivio dei Tag: aia

Allerte alimentari, comunicazione ed etica. La brutta storia dei würstel di pollo e il silenzio del Ministero

würstel su tagliere

Tre morti e 71 persone ricoverate negli ospedali italiani negli ultimi due anni per avere contratto la Listeria presente in confezioni di würstel di pollo consumati senza la necessaria cottura di 3-4 minuti, come riportato sulle etichette. Nonostante questa situazione, il ministero della Salute non ritiene che vi siano sufficienti motivi per indicare quali sono le marche ritirate dagli scaffali …

Continua »

I würstel non si mangiano “crudi”. 4 milioni di confezioni ritirate dagli scaffali in pochi giorni

Mangiare i würstel di pollo e tacchino senza averli fatti cuocere prima per alcuni minuti  è una cattiva abitudine degli italiani. Secondo una ricerca di mercato condotta da un’azienda del settore anni fa il 30% delle persone non li fa bollire prima di portarli a tavola. La cosa avviene soprattutto in estate, quando nelle insalate di riso insieme a prosciutto cotto, …

Continua »

Würstel mangiati “crudi”: 3 morti e 71 persone colpite. È allerta nei supermercati. Fra le marche coinvolte Wudy Aia. Articolo aggiornato

La notizia di tre persone che sarebbero morte in Italia a per avere mangiato würstel crudi contaminati da Listeria monocytogenes è passata quasi inosservata, anche se è scattato l’allarme in molte catene di supermercati. Il Fatto Alimentare è l’unico sito che ne parlato in un articolo che abbiamo pubblicato il 26 settembre dopo avere visionato documenti del Sistema di allerta rapido europeo (Rasff). …

Continua »

Ritirati würstel per Listeria: coinvolti Wudy Aia classici e al formaggio (aggiornamento del 29/9)

wurstel salsicce

Aggiornamento del 26 settembre 2022. Il ministero della Salute ha pubblicato oggi sul suo sito un avviso che rivela come la contaminazione microbiologica dei würstel prodotti dall’azienda Agricola Tre Valli sia dovuta alla presenza del ceppo di Listeria monocytogenes ST 155. Il problema è stato rilevato nel corso delle indagini disposte in seguito dell’aumento di casi clinici di listeriosi alimentare registrati in diverse …

Continua »

Aggiornamento: revocato il richiamo del kebab Aia per scadenza. Richiamati sugo alle verdure Carrefour Bio e mini grissini bio

kebab pollo aia sugo verdure carrefour bio mini grissini il viaggiator goloso

Aggiornamento del 23 gennaio 2021: il ministero della Salute ha revocato il richiamo precauzionale e volontario del lotto di kebab di pollo Aia per la scadenza del prodotto. Bennet, Carrefour, Coop, Penny Market e Unes hanno diffuso il richiamo precauzionale e volontario di un lotto di kebab di pollo Aia per la possibile presenza di frammenti di plastica, rilevata durante le …

Continua »

Coronavirus, focolaio in un’azienda di macellazione polli: 182 contagi su 560 test. Aia riduce la produzione

aviaria, allevamento

Riduzione della produzione del 50%, distanziamento fra le postazioni operative e diminuzione del numero di lavoratori per turno. Sono le decisioni assunte oggi nel corso di un vertice convocato dalla Prefettura di Treviso con organizzazioni sindacali, autorità sanitarie e municipali di Vazzola (Treviso) per affrontare la gestione del focolaio di contagi da coronavirus Sars-CoV-2 fra i dipendenti dello stabilimento agroalimentare …

Continua »

Aia richiama Spinacine e Bigger XXL: possibile presenza di frammenti di plastica. Il problema scoperto in autocontrollo. Aggiornamento: richiamo revocato per la scadenza dei prodotti

richiamo aia bigger xxl spinacine

Aggiornamento dell’11 giugno 2019: il ministero della Salute ha revocato il richiamo delle Spinacine di pollo e tacchino e Bigger XXL di tacchino Aia per la scadenza dei prodotti. Con un avviso sul suo sito web, Aia ha richiamato volontariamente i prodotti panati Spinacine di pollo e tacchino e Bigger XXL di tacchino per la possibile presenza di frammenti di …

Continua »

Stop alla bugia dei conigli allevati a terra. Aia deve cambiare l’etichetta avallata dal Ministero e dagli animalisti

etichetta conigli allevati a terra aia censura iap

Non esistono conigli allevati a terra, tutti gli animali cresciuti nei capannoni vivono in gabbie più o meno grandi. Per questo motivo Aia deve cambiare la dicitura “allevati a terra” proposta a carattere cubitali sulle etichette (vedi foto sopra). Lo ha deciso, con un certo ritardo, il Comitato di Controllo dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria in risposta a una richiesta inviata …

Continua »

Aia: i conigli crescono in gabbie sopraelevate, ma l’etichetta dice “allevati a terra”. Il Ministero è d’accordo ma i consumatori sono ingannati

Conigli allevati a terra

Se la lingua italiana non ha cambiato significato, la dicitura “allevato a terra” sull’etichetta di una confezione di carne di coniglio, dovrebbe indicare animali allevati al coperto con la possibilità di correre, saltare e muoversi su un terreno annesso. Una struttura di questo tipo si trova in Toscana nell’agriturismo Badiola  dove piccoli gruppi di animali sono alloggiati in capanni con …

Continua »

La bufala dei “Conigli allevati a terra”. Gli animali crescono in gabbie benessere e non toccano mai terra

conigli Aia etichetta

Qualche giorno fa abbiamo ricevuto la mail di un lettore che ci segnalava una scritta sulla confezione di carne di coniglio “Più Libero” Aia. Pubblichiamo la lettera e le fotografie che ci ha inviato e, di seguito, la risposta dell’azienda. Ieri ho comprato al supermercato una confezione di coniglio Aia (vedi foto allegata), e sull’etichetta ho notato in evidenza la …

Continua »

Benessere animale: per i conigli è il momento dei recinti, perché non possono essere allevati a terra come sostiene qualcuno

ALLEVAMENTO CONIGLI MODELLO PARK O RECINTO

Dopo il pollo allevato all’aperto e le uova di galline che razzolano libere all’interno di capannoni o sui prati, adesso nei supermercati si trova il coniglio “allevato a terra”. La vaschetta con la scritta “Più Libero”, affiancata dalla frase sulla modalità di allevamento, è firmata dall’azienda leader di mercato Aia. La novità è stata accolta con soddisfazione dagli animalisti e da molti …

Continua »

Pollo insostenibile: l’allevamento intensivo amplifica i rischi sanitari ed economici. Ne parla un articolo di Corrado Fontana su Valori.it

L’allevamento intensivo, anche quello dei polli, è sempre più spesso sotto i riflettori per le problematiche sanitarie, ambientali ed etiche che porta quasi sempre con sé. Riproponiamo un articolo pubblicato su Valori, a firma di Corrado Fontana, che descrive le criticità e la scarsa sostenibilità della filiera avicola. Il pollo e le uova sono buoni e piacciono ai bambini. La …

Continua »

Würstel di pollo e tacchino: il prezzo non è sempre garanzia di qualità. Attenzione all’etichetta quando ci sono troppi additivi e la mediocre carne separata meccanicamente

Wurstel Hot dog in a bun with mustard and vegetables

I würstel sono insaccati tipici di Germania, Austria e Belgio, molto diffusi anche nel nostro Paese. Piacciono ai bambini, si conservano a lungo in frigorifero e per prepararli basta una rapida cottura. Peccato che, come tutte le carni processate (salumi, salsicce, ecc.), si tratta di alimenti da consumare con moderazione. Sono preparati con carni magre e grasse di varia specie, …

Continua »

Würstel di pollo e tacchino senza carne separata meccanicamente? Ecco la lista dei prodotti fatti con vera carne bianca. Mandateci le vostre segnalazioni

wurstel

La carne separata meccanicamente (CSM) è ancora oggi l’ingrediente principale di molti würstel di pollo e tacchino. Questo ingrediente, sconosciuto ai più, è composto dai ritagli di carne che rimangono attaccati alla carcassa degli animali macellati dopo aver rimosso petto, ali, fusi e sovracoscia, oltre a pelle, interiora, zampe e collo. Il recupero viene fatto utilizzando un procedimento meccanico ad …

Continua »

Esselunga ritira le salsicce in vaschetta per presenza di frammenti metallici

Esselunga comunica il ritiro da tutti i punti vendita del prodotto “salsiccia punta di coltello”, confezionata in vaschetta e del peso netto di 300/400 grammi e venduta a marchio del supermercato. Il ritiro è stato disposto a causa della presenza di frammenti metallici avvenuta accidentalmente. I consumatori dovrebbero controllare che la data di incarto corrisponda a quella del prodotto in …

Continua »