Polli in un allevamento intensivo

Ross 308 è il nome di svariati miliardi di polli tutti uguali venduti in oltre 80 Paesi del mondo, compresa l’Italia. Nelle altre nazioni ci sono polli con caratteristiche simili chiamati Cobb 500. Il successo di questi ibridi ottenuti dopo anni di selezione genetica è dovuto al fatto che in cinque settimane crescono in modo rapidissimo, sviluppando un petto enorme. Si tratta di elementi importantissimi perché il petto è la parte più pregiata del pollo, quello pagato di più dai consumatori.

Ottenere in 35 giorni un pollo che pesa 2,5 kg e ha un petto da 500 g anziché 300 come succedeva 40 anni fa, modifica in modo sostanziale il fatturato aziendale. Per capire meglio, il peso di questi animali incrementa di 50-100 g al giorno, tre volte di più rispetto ai polli allevati negli anni ’50. Il vantaggio innegabile è che la carne ha un prezzo conveniente e viene preferita proprio per questo motivo.

allevamento avicolo allevamento intensivo polli animali carne proteine pollo Depositphotos_603639910_L
I polli a crescita rapida arrivano a 2,5 kg di peso in soli 35 giorni, sviluppando un petto importante, ma anche problemi

Il prezzo è sicuramente un aspetto importante del successo dei polli, anche se esistono effetti collaterali che la maggior parte dei consumatori non conosce. Gli animali a crescita rapida come Ross 308 e Cobb 500 incrementano il peso così velocemente che lo scheletro in formazione fatica a sostenere il corpo.

I problemi dei polli a crescita rapida

Per questo motivo i polli, che sarebbe meglio chiamare pulcinotti, nelle ultime settimane di vita si muovono a fatica, molti soffrono di dolori alle articolazioni perché i legamenti e i tendini non riescono a supportare la massa corporea in aumento, per questo zoppicano e l’indice di mortalità risulta quasi il doppio rispetto alle razze a crescita lenta. C’è di più: la stragrande maggioranza di questi animali mostra delle strisce bianche nel petto di tessuto fibroso e grasso (white striping), ben visibili nelle confezioni in vendita nei supermercati. Si tratta di una miopatia, ovvero di un’infiammazione ai muscoli causata dallo sviluppo accelerato. Secondo autori come Francesco Prisco e altri ricercatori è una vera e propria malattia che ne modifica anche la composizione nutrizionale.

Se le strisce bianche modificano solo in parte le caratteristiche organolettiche, altri difetti come la carne legnosa o i muscoli a spaghetti sono un problema serio per gli allevatori. I petti di pollo con questi problemi perdono valore commerciale e le aziende li utilizzano per spiedini, nugget, crocchette e quant’altro.

Pollo petti AIA da Esselunga white striping 10 marzo 2024
La formazione di strisce bianche di grasso e tessuto fibrose nel petto (white striping) è  una miopatia del tutto comune nei polli a crescita rapida

Non solo white striping

C’è un altro problema sconosciuto ai più: stiamo parlando delle ustioni alle zampe (hock burns) che però non si vedono perché di solito vengono surgelate ed esportate in Cina dove sono molto utilizzate nello street food. Il problema delle ustioni è però diffusissimo perché i polli a crescita rapida hanno poco spazio a disposizione, si muovono pochissimo e la maggior parte del tempo restano accucciati su una lettiera con troppe deiezioni. Se la lettiera non è asciutta si formano ustioni molto vistose alle zampe e ai garretti.

Secondo stime approssimative, il 50%dei polli registra ustioni agli arti. Le bruciature riguardano sia le zampe che le dita e sono un indice per valutare il benessere animale. Da noi i dati sulle ustioni non ci sono, e i veterinari pubblici che operano nei macelli non comunicano questo dato quasi fosse un segreto. L’anno scorso è iniziata una raccolta dati sulle ustioni promossa dal Ministero della Salute, ma ancora non ci sono risultati. Questi problemi sono ben conosciuti dalle centinaia di allevatori presenti in Italia che nel 90% dei casi fanno riferimento a tre aziende – Amadori, Aia e Fileni – che non hanno voluto rilasciare dichiarazioni al riguardo.

Polli ustioni Aia
Le ustioni alle zampe e al garretto si verificano a causa di un ricambio insufficiente della lettiera e delle difficoltà di deambulazione dei polli

L’alternativa

Ma esiste un’alternativa? La risposta è sì, anche se non è semplice e, soprattutto a buon mercato. Secondo uno studio recente pubblicato dall’Associazione delle aziende di trasformazione e del commercio di pollame nell’UE (Avec), un pollo a crescita lenta macellato dopo 60-70 giorni e cresciuto in condizioni di minor sovraffollamento con maggior comfort ambientale (luce naturale, minore ore di luce artificiale, più spazio) verrebbe a costare il 37% in più. Nel Regno Unito ci sono catene di supermercati e di ristorazione come Marks & Spencer, Waitrose, KFC e Premier Foods, che hanno aderito al Better Chicken Commitment, un protocollo che prevede di eliminare gradualmente l’uso di razze in rapida crescita. Anche diverse catene francesi hanno sottoscritto l’impegno.

I polli italiani

In Italia, il protocollo è stato siglato da Fileni, ma solo per il pollo bio che rappresenta il 20% circa delle produzione aziendale. Non riguarda l’80% dei polli allevati dall’azienda, venduti ai supermercati come Coop, Conad, Esselunga per essere etichettati con il marchio della catena. La scelta di non allevare polli a crescita lenta è quindi solo una questione di costi. Il prezzo estremamente competitivo di polli diventati macchine da carne è l’unico elemento che conta per Aia, Amadori (*) e Fileni. Non importa che siano animali squilibrati, con una vita disgraziata, dal peso esagerato, con vistose ustioni alle zampe, gravi infiammazioni muscolari evidenziate dalle strisce bianche del petto e carne a spaghetti o legnosa.

Il paradosso di questa situazione è che ormai i polli sono un prodotto di massa proposto a prezzi stracciati, per cui  il pollo arrosto costa meno delle verdure bollite. Basta navigare su Esselunga online per scoprire che gli spinaci, hanno lo stesso prezzo delle alette di pollo arrostite marcate Aia Durango (9,98 €/kg). Non si tratta di un’offerta speciale, nel gennaio 2023 da Esselunga le verdure cotte costavano il 10 al 20% in più del pollo arrosto.

(*) L’assortimento di Amadori presenta il pollo Campese come razza a crescita lenta

© Riproduzione riservata Foto: Depositphotos, Il Fatto Alimentare

Siamo un sito di giornalisti indipendenti senza un editore e senza conflitti di interesse. Da 13 anni ci occupiamo di alimenti, etichette, nutrizione, prezzi, allerte e sicurezza. L'accesso al sito è gratuito. Non accettiamo pubblicità di junk food, acqua minerale, bibite zuccherate, integratori, diete. Sostienici anche tu, basta un minuto.

Dona ora

4.3 31 voti
Vota
Iscriviti
Notificami
guest

15 Commenti
Feedbacks
Vedi tutti i commenti
luigiR
luigiR
5 Luglio 2024 14:11

è triste leggere questi dati, ma se la gran parte del popolo dei consumatori non vuole considerare o vuole continuare a non informarsi su tali problemi, non vedo come la situazione possa migliorare in futuro.

donprohel
donprohel
Reply to  luigiR
7 Luglio 2024 18:02

Però, per dare a Cesare quel che è di Cesare, un plauso va al Fatto Alimentare che informa regolarmente sulla questione (questo non è il primo articolo che leggo sui problemi dei polli di allevamento)

Francesco
Francesco
5 Luglio 2024 14:34

Solo fare presente che l’azienda Martini Alimentare ha investito e ottenuto ottimi risultati sulla lenta crescita, linea Ruspantino polli allevati a lenta crescita (70/80 giorni) senza uso di antibiotici con il rispetto degli spazi per cui l’animale può crescere in modo graduale e razzolare senza essere stressato.

Sabina
Sabina
5 Luglio 2024 22:49

Ottima informazione,qui in Italia rimaniamo sempre indietro su qualsiasi tematica.
Il benessere animale deve essere il primo obbiettivo da raggiungere.

Roger
Roger
6 Luglio 2024 01:09

Continuate così bravi a tenere informata la gente.

Manuela
Manuela
6 Luglio 2024 14:57

Noi non compriamo questa triste carne!

Mario
Mario
6 Luglio 2024 16:38

Molto moltissimo interessante colpisce chi sta x diventare vegano

Ornella Brughitta
Ornella Brughitta
7 Luglio 2024 06:20

Purtroppo la gente continua a mangiare gli animali fregandosene della loro sofferenza. A dispetto di quello detto dal signor Lollobrigida tutti gli animali sono esseri senzienti e in questo caso provano un’enorme dolore

Antonello
Antonello
7 Luglio 2024 20:35

Condivido per portare a conoscenza

Claudio
Claudio
7 Luglio 2024 20:56

Caro Roberto le faccio i complimenti x l’impegno e la costanza delle inchieste una domanda ma altre marche biologiche (io compro solo quello e anche poco 2/3 volte mese) hanno aderito al protocollo o fanno x fatti loro e quindi non si sa come si comportano . Diciamo che la cosa che sto attento sono le strisce bianche che non ci sono nelle altre marche bio … però non su sa mai
Grazie Claudio

Alessandro
Alessandro
8 Luglio 2024 09:10

Tutto vero, purtroppo il pollo a lenta crescita ha un altro enorme problema: maggiore impatto ambientale, più CO2 prodotta, maggiore consumo di acqua, maggiore consumo di suolo.
Tutto moltiplicato per alcune decine di miliardi di polli.

Gabriella
Gabriella
8 Luglio 2024 09:58

Diventare vegetariano per mandare un messaggio chiaro a questi allevatori .

Rita R
Rita R
8 Luglio 2024 11:07

Non è possibile tagliare i costi altrove nella produzione e fare vivere meglio le povere bestie?

klaudio
klaudio
8 Luglio 2024 17:15

ma perchè sembra che non si viva senza uccidere animali ? Polli a crescita lenta o veloce , vanno sempre ammazzati , fate a meno di comprarli e il problema è risolto .

15
0
Ci piacerebbe sapere che ne pensi, lascia un commento.x