Home / Nutrizione (pagina 60)

Nutrizione

bocca mangiare

Controllare le porzioni e ridurre le dimensioni di piatti e bicchieri può aiutare a combattere l’obesità, ma non è una ricetta infallibile

Per non aumentare di peso, nulla è meglio di porzioni piccole. O no? In realtà, le porzioni contenute o ridotte funzionano nella maggior parte dei casi, ma non in tutti. Se da lato aiutano i bambini a non assumere un numero eccessivo di calorie soprattutto in mensa, dall’altro inducono i ragazzi al ristorante o al fast food a bere più …

Continua »
acqua fontana

Acqua potabile: meglio del rubinetto o quella distribuita nelle “case”? Secondo Altroconsumo sono uguali

La certezza è unanime: l’acqua fa bene ed è l’unico alimento di cui l’uomo non può fare a meno. Quale bere, però, è spesso una domanda senza risposta: conviene affidarsi alla soluzione domestica o è meglio acquistare l’acqua minerale in bottiglia? Un responso che vada bene per tutti non c’è. L’acqua erogata dagli acquedotti può essere estremamente diversa anche in …

Continua »
hot dog fast food donna grasso

Acidi grassi trans: come ridurre il contenuto nei cibi industriali. Le strategie messe a punto in alcuni Paesi

Che siano nazionali, locali o volontarie, poco importa: le politiche messe in atto per ridurre gli acidi grassi trans nei prodotti alimentari funzionano e sembrano avere un effetto reale sulla salute dei consumatori. Lo dimostra uno studio australiano recentemente pubblicato sul Bulletin of the World Health Organization, il bollettino dell’Organizzazione Mondiale della Sanità: tre ricercatori dell’Università di Sidney mostrano l’efficacia …

Continua »
bambina tavola gli italiani e il cibo mangiare

I menu per bambini? Negli Usa sono un trionfo di grassi, zuccheri e calorie. I dati dell’ultimo rapporto sono sconfortanti

Nei fast food italiani i menu riservati ai bambini e ai ragazzi sono diffusi da tempo e anche altre catene della ristorazione hanno adottato questa formula. Nel giro di qualche anno succederà da noi quel che è già capitato nei Paesi anglosassoni e nord-europei dove i children’s meals e i kids’ menu sono la norma un po’ ovunque.   Tuttavia, …

Continua »
video-bibite-pasti

Bibite zuccherate: portano a consumare più cibo spazzatura. Ecco 10 buoni motivi per evitarle

Bere bevande zuccherate è un’abitudine alimentare dannosa e spesso si accompagna ad altri comportamenti scorretti. Si  potrebbe riassumere così il risultato di uno studio condotto dagli esperti del Dipartimento di nutrizione dell’Università della Carolina del Nord di Chapell Hill, appena pubblicato sull’American Journal of Preventive Medicine. La ricerca evidenzia che i bambini abituati a bere tante bibite dolci sono anche …

Continua »
pillole medicine integratori

Libro bianco sugli integratori alimentari: un testo edito da Federfarma e Aiipa fa il punto sulla situazione

Un libro bianco sugli integratori, dedicato ai professionisti del settore e a chi vuole utilizzare correttamente questi prodotti: a proporlo è Federfarma Milano che l’ha realizzato insieme al Gruppo “Integratori Alimentari e prodotti salutistici” di Aiipa (Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari) e all’aiuto di alcuni esperti . Il documento (scaricabile sia in una pagina del sito di Aiipa, sia grazie …

Continua »
donna bilancia dieta peso

La dieta del digiuno intermittente sta spopolando in Gran Bretagna. Un buon metodo per perdere peso o l’ennesimo regime sconsiderato?

È l’ultima dieta del momento: in Gran Bretagna la definiscono “digiuno intermittente” e sul grado di pervasività che rischia di avere nei prossimi mesi c’è quasi da scommetterci. Detta anche “5:2”, questa fast diet proposta dal giornalista della BBC Michael Mosley, di concerto con la collega Mimi Spencer, è già un must in Inghilterra e prima ancora di diffondersi nel …

Continua »
mercato pesce

Il pesce burro e il ruvetto possono provocare disturbi gastrointestinali: tutto quello che c’è da sapere per evitare la dissenteria

Sono pesci dalle carni morbide e gustose, tanto da essere stati battezzati in lingua inglese butterfish, “pesce burro”, e olifish, “pesce olio”. Ma c’è un piccolo problema, contengono grassi non digeribili (simili a quelli di alcuni prodotti dimagranti), che possono causare disturbi gastrointestinali acuti, spiacevoli e potenzialmente pericolosi, soprattutto nelle donne in gravidanza o in chi soffre di disturbi all’apparato …

Continua »
latte male

Allergie e intolleranze alimentari: i test proposti in rete promettono miracoli ma sono privi di validità scientifica. “Non fidatevi” dice la società di allergologia SIAIP

Il 20% della popolazione ritiene di essere affetto da un’allergia o da un’intolleranza alimentare, ma in realtà solo un decimo di questi casi viene confermato in seguito ad un corretto iter diagnostico. Negli ultimi anni queste patologie si sono diffuse a macchia d’olio e spesso si tende a classificare i disturbi come collegati al cibo, molto più frequentemente di quanto …

Continua »
bibite

Cibo spazzatura e bevande zuccherate: una ricerca conferma gli aspetti negativi di questo abbinamento

Un’abitudine alimentare dannosa è spesso abbinata ad altri comportamenti scorretti. Si  potrebbe riassumere così il risultato di uno studio condotto dagli esperti del Dipartimento di nutrizione dell’Università della Carolina del Nord di Chapell Hill, appena pubblicato sull’American Journal of Preventive Medicine.   La ricerca evidenzia che i bambini abituati a bere tante bibite dolci sono anche quelli che mangiano più …

Continua »
frutta verdura

Frutta e verdura più economiche fanno aumentare il consumo di cibo sano, l’interessante esperimento del Sudafrica

Le multinazionali del fast-food hanno capito da tempo che vendere a prezzi convenienti è una strategia commerciale vincente. La stessa strategia dovrebbe essere adottata anche dalle autorità sanitarie quando cercano di convincere le persone a mangiare meglio. In vari Paesi sono in corso studi per capire se una riduzione dei prezzi degli alimenti classificati come “sani” sia in grado di …

Continua »
inran sangue

La dieta dei gruppi sanguigni non ha validità scientifica. Il parere di Fabio Virgili, ricercatore dell’Inran, specializzato in genetica e alimentazione

La dieta dei gruppi sanguigni, o emodieta, è l’ennesima scorciatoia proposta a chi vuole ritrovare la salute tramite l’alimentazione. Si tratta di un regime ideato nel 1997 dallo statunitense Peter J. D’Adamo. L’idea di base è che la razza umana possa essere divisa in quattro gruppi, corrispondenti ai gruppi sanguigni formatisi durante l’evoluzione della specie, ognuno con esigenze alimentari diverse. …

Continua »
inran ristorante

Il menu con le calorie e le indicazioni dei piatti più leggeri serve davvero? Uno studio europeo realizzato con il contributo dell’Inran dà alcune risposte

Tra le possibili iniziative di informazione e di educazione alimentare, suscita interesse quella di inserire nei menu le informazioni nutrizionali (calorie, contenuto in macronutrienti) dei piatti  in lista. La questione riguarda soprattutto le mense e i ristoranti con frequentatori assidui, non occasionali e interessati a una scelta alimentare più consapevole, non unicamente guidata dal principio del piacere.   Questo è …

Continua »
semi quinoa

L’Onu battezza il 2013 “anno della quinoa”, uno pseudo cereale venduto anche al supermercato. Il parere di Marina Carcea dell’Inran

In Italia, da qualche anno è facile trovare la quinoa sugli scaffali dei negozi, nei punti vendita del commercio biologico o equo-solidale, nei corridoi della grande distribuzione. Come abbiamo già scritto in un articolo passato, è una pianta originaria della regione andina del Perù, facile da coltivare, ricca di sali minerali, proteine, vitamine e fibre e senza glutine. Sebbene culturalmente …

Continua »
donna alcol malessere

Alcol: aumentano i consumi e anche le malattie correlate. L’allarme è firmato dai ricercatori dell’Organizzazione mondiale della sanità

È al terzo posto nel mondo come causa di morte non trasmissibile, dopo l’ipertensione e il fumo di tabacco. Parliamo dell’alcol e del suo consumo ovunque in crescita. Lanciano l’allarme i ricercatori canadesi che hanno firmato la sezione dedicata agli alcolici all’interno del 2010 Gobal Burden Disease, il rapporto annuale dell’Organizzazione mondiale della sanità (World Health Organization) che fotografa la …

Continua »