Home / Lettere (pagina 30)

Lettere

I fermenti lattici tindalizzati FRAU non sono vivi, ma allora come fanno ad essere efficaci? Gli interrogativi di un lettore

Qualche giorno fa, al supermercato ho notato tra gli integratori alimentari i Fermenti lattici tindalizzati con FOS (fibre naturali) di FRAU: 10 flaconcini pronti da bere, da 10 ml ciascuno.   La tindalizzazione è un processo di sterilizzazione di solito utilizzato per distruggere le spore più resistenti. Il riscaldamento a 80-100°C per 30 minuti complessivi viene effettuato in modo discontinuo: …

Continua »

Filetti di pesce Findus "A regola d`arte": un lettore chiede chiarimenti sui metodi di cottura

L’ ufficio stampa della Findus ha prontamente risposto ai dubbi di un nostro lettore sui nuovi prodotti “A regola d’arte” (vedi articolo). Di seguito la lettera.   Gent.le redazione, premetto che ho già provato i filetti di pesce “A Regola d’Arte” Findus in entrambe le versioni e mi sono piaciuti, ma solo dopo ho fatto caso del divieto di cottura …

Continua »

Etichetta: un lettore chiede chiarimenti sulle informazioni da inserire

Nuovo regolamento sulle etichette  alimentari Dalla lettura dell’articolo 8 (Responsabilità), comma 1 e dell’articolo 9 (Elenco delle indicazioni obbligatorie), comma 1, lettera h. del nuovo Regolamento (UE) N. 1169/2011 sembra che un produttore o confezionatore di alimenti extra UE non potrà più figurare in etichetta (con la qualifica di responsabile commerciale); se non accompagnato da nome o ragione sociale dell’importatore …

Continua »

Un lettore ci segnala l`imballaggio di una pasta, bio e prodotta con gli scarti delle mele

Un paio di settimane fa ho pranzato da Eataly e ho acquistato la pasta Afeltra, in offerta ad un prezzo calmierato.   Per una volta tralascio la qualità del prodotto per esprimere il mio apprezzamento per la scelta di ricavare i sacchetti della pasta dai resti delle mele, recuperando uno scarto e dando vita ad un imballaggio biodegradabile al 100%. …

Continua »

Pasta: una lettrice chiede se ci saranno modifiche nell`indicazione d`origine in etichetta

Ho un dubbio riguardo l’applicazione del nuovo regolamento UE sull’etichettatura dei prodotti alimentari. Nello specifico, in merito alla pasta, non ho compreso ancora se sulle confezioni troveremo in futuro indicata obbligatoriamente l’origine della semola di grano. Leggo infatti dell’obbligatorietà a riportare l’origine della materia prima per carni, pollame, uova. Si dice che entro tre anni la Commissione valuterà se obbligare …

Continua »

Le etichette di Parmareggio e di Granarolo aiutano a riciclare meglio

Tempo fa, influenzato dai simpatici topolini degli spot televisivi, ho acquistato i formaggini Parmareggio.       Il prodotto mi piace, ma ancor di più mi piace l’approccio verso il riciclo dell’imballaggio. Le istruzioni sul retro della scatola orientano al meglio il consumatore su dove buttare l’imballaggio.           Anche lo stracchino Granarolo  usa lo stesso sistema …

Continua »

Anisakis: una lettrice trova del pesce infestato. Dove segnalare lo spiacevole fatto?

Vorrei sapere se quando si trova il pesce infestato dal parassita “Anisakis” si può o si deve denuciare il fatto. E se sì, quali sono gli organi che devono essere informati. Cordiali saluti.   Gent. ma lettrice, Il mio consiglio, se pensa si tratti davvero di Anisakis, è quello di informare il responsabile del punto vendita dove ha acquistato il …

Continua »

Il 2 febbraio ci ha lasciato Claudio, appassionato lettore, al quale dobbiamo preziosi contributi di informazione e analisi critica su diversi temi trattati dal sito. La redazione esprime cordoglio e affettuosa vicinanza

Continua »

Le etichette del vino: un lettore chiede chiarimenti sull`elenco ingredienti

Leggendo la presentazione del Regolamento in oggetto (L’Etichetta di Dario Dongo) ho un dubbio. La nota 87 a pag. 35 indica il vino come non soggetto ad obbligo di elenco degli ingredienti (come da Art.7 comma 2 del D. Lgs. 109/92); la cosa non sembra però trovare più conferma all’Art. 19 del nuovo Regolamento. Con ciò, a far data dal …

Continua »

Le etichette dei ghiaccioli: un lettore chiede chiarimenti su scadenza e lotto

Produco ghiaccioli e la legge attuale non prevede l’indicazione della scadenza o del lotto sulla singola confezione dei gelati monodose, ma solo sulla scatola e di conseguenza sul documento fiscale. La nuova norma europea prevede dei cambiamenti? Potrebbe essere sufficiente la tabella nutrizionale sulla scatola assieme alla data di scadenza/lotto? Chiedo questo perchè oltre ad essere piuttosto oneroso modificare l’impianto …

Continua »

Made in Italy: solo il produttore garantisce che gli alimenti siano fatti davvero nel nostro Paese

Gentile redazione de Ilfattoalimentare.it scrivo per conto di un’azienda produttrice di pasta fresca la quale intende apporre un logo, un’immagine, un segno con la dicitura “Made in Italy”. Fermo restando che le materie prime e la lavorazione sono fatte in Italia e alla luce della legge n°166 del 20 novembre 2009 (art. 16), l’azienda può liberamente e volontariamente apporre il …

Continua »

Tonno in scatola: una sigla svela l`anno di produzione

«Sulle etichette delle scatolette di tonno c’è una lettera dell’alfabeto che indica in modo preciso quando il pesce è stato inscatolato. La lettera D è forse quella riferita al 2010?»   Daniele Marotta     Ilfattoalimentare.it ha girato la domanda a Mareblu, una delle aziende produttrici di tonno che si distingue per chiarezza e trasparenza dell’etichetta (ne abbiamo parlato nell’articolo …

Continua »

I panettoni artigianali non sono tutti uguali e non sempre sono venduti a prezzi esagerati

Pubblichiamo questa lettera spedita dal pasticcere  Francesco Manico  sulla questione  dei  prezzi dei panettoni a Milano. Scrivo in merito al suo servizio “Re panettone” pubblicato il primo dicembre scorso sulle pagine del Corriere della Sera. Sono un artigiano pasticciere di Sesto San Giovanni. Da oltre 30 anni produco instancabilmente il mio panettone artigianale, con la convinzione di aver scelto le …

Continua »

Sicurezza alimentare: qual è il significato del bollino sulle etichette di latte e formaggi?

Vorrei chiedere se attraverso le sigle e i numeri  riportati  sul bollino ovale presente sulle confezioni di latte e formaggi come ad esempio : IT 05 087 CE,  si può risalire allo stabilimento di produzione? Esistono dei database pubblici? Andrea Furin Ecco la risposta dell’ avvocato Dario Dongo esperto di diritto alimentare Il  regolamento CE n. 853/2004, nell’ambito del ‘Pacchetto …

Continua »

Frutta e verdura, come si calcolano le porzioni? Le linee guida dell`Inran

Sento sempre parlare di “porzioni”, relativamente a frutta e verdura. Ma si può sapere quanto pesa questa benedetta “porzione”? Altrimenti come si fa ad essere sicuri di quanti grammi bisogna ingerirne? -Luca-    Gentile Luca, Secondo le linee guida dell’Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (Inran) ogni giorno dovremmo consumare 3 porzioni di frutta e 2 …

Continua »