;
Home / Archivio dei Tag: plastica

Archivio dei Tag: plastica

Operativo il decreto che vieta piatti, posate e contenitori monouso in plastica

piatti carta compostabile usa e getta plastica packaging

Procede a passi lenti, ma procede, la battaglia contro l’inquinamento da plastica. Dal 14 gennaio, dopo due anni e mezzo dalla pubblicazione della direttiva europea contro i cosiddetti Sup (Single use plastic), entra infatti in vigore il decreto (196/21) che vieta di immettere sul mercato piatti, posate e alcuni contenitori monouso in plastica, prodotti in plastica oxo-degradabile (contenenti additivi in …

Continua »

Stoviglie e articoli in plastica contenenti bambù: l’Italia si allinea alle indicazioni europee

bambù, tazza e contenitore per alimenti

Attenzione alle stoviglie di plastica contenenti bambù e altre fibre vegetali: spesso sono vendute come ecologiche, ma rischiano di contenere sostanze pericolose e, soprattutto, non idonee all’uso con alimenti. A questo proposito, lo scorso luglio Commissione europea ha lanciato un piano d’azione per assicurare che questi articoli venissero respinti alle frontiere e non fossero più commercializzati sul territorio. Si tratta …

Continua »

Deposito cauzionale: l’obiettivo è recuperare tutti i contenitori dei liquidi alimentari, non solo il Pet

plastica, Greenpeace, bottiglia galleggiante

Il problema ambientale non è rappresentato tanto dalla plastica in sé, quanto piuttosto dal fatto che questo materiale resistente, leggero, lavabile e riutilizzabile (quindi destinato a una lunga durata) è diventato la materia prima per eccellenza dei prodotti monouso. L’eliminazione o la drastica riduzione della plastica usa e getta è quindi oggi uno degli obiettivi principali del green deal europeo. …

Continua »

Plastica monouso: l’Italia recepisce finalmente la direttiva europea, con qualche deroga  

stoviglie posate piatti bicchieri plastica monouso usa e getta scaffali carrello

Anche nel nostro paese è stato fatto un passo decisivo verso la messa al bando delle plastiche usa e getta. Il 4 novembre, infatti, il Consiglio dei ministri ha approvato in via definitiva ben 18 decreti di attuazione di norme europee. Tra questi c’è anche la “direttiva (Ue) 2019/904 sulla riduzione dell’incidenza di determinati prodotti di plastica sull’ambiente”, meglio nota …

Continua »

Ftalati, decine di migliaia di morti e miliardi di costi sanitari attribuibili agli interferenti endocrini

plastica pollo imballaggio packaging carne piatti pronti interferenti endocrini ftalati

Gli ftalati, noti interferenti endocrini, continuano a danneggiare la salute umana, perché anche se alcuni di essi sono stati vietati in specifiche categorie di prodotti come quelli per bambini, molti altri sono tuttora utilizzati, e si ritrovano soprattutto nel packaging degli alimenti e nei cosmetici. Ma che conseguenze ha il contatto quotidiano con queste sostanze sulla probabilità di ammalarsi soprattutto …

Continua »

Dal 2030 plastica addio nel prodotti alimentari? Le iniziative adottate dai francesi

plastica bottiglie inquinamento

La legge antispreco francese intende accelerare un cambiamento del modo di produzione e di consumo per  preservare le risorse naturali, la biodiversità e il clima. La norma mira a trasformare un’economia lineare basata su produzione, consumo e rifiuto, in un’economia circolare più articolata. Gli step da portare avanti sono cinque, il primo consiste nel ridurre la plastica usa e getta coinvolgendo meglio …

Continua »

Stop alla plastica per l’ortofrutta. La Spagna e la Francia dicono no a frutta e verdura venduta in confezioni di plastica

La Spagna dice stop alla vendita di frutta e verdura in imballaggi di plastica a partire dal 2023. Come riporta El Pais, si tratta di una delle misure più importanti contenute nel regio decreto sugli imballaggi e sui rifiuti che il governo sta finalizzando. Il divieto di confezionamento per i prodotti ortofrutticoli, interesserà tutte le attività commerciali al dettaglio indipendentemente dalla …

Continua »

Plastica monouso, Greenpeace denuncia i legami tra multinazionali e giganti del fossile

L’Italia è tra i maggiori utilizzatori al mondo di bottiglie di plastica monouso. Questo tipo di contenitori, però, contribuisce notevolmente all’inquinamento ambientale, non solo nella forma più visibile della dispersione nell’ambiente, ma anche, e soprattutto, in relazione al loro ciclo di vita, a partire dall’origine da petrolio e gas fossile. Per ridurre l’impatto del cambiamento climatico, contenendo il riscaldamento globale …

Continua »

Plastica, le giovani tartarughe messe a rischio da una “trappola” evolutiva: habitat trasformati in hotspot di inquinamento

tartaruga marina

La plastica che inquina gli oceani è un pericolo per tutte le specie marine. In particolare, per le tartarughe che la ingurgitano scambiandola per cibo. Ma questa non è l’unica ragione: gli habitat una volta ideali per lo sviluppo dei giovani esemplari nel tempo si sono trasformati in hotspot di inquinamento da rifiuti plastici. È la conclusione di uno studio …

Continua »

Bioplastica dalla cellulosa e acqua: un materiale innovativo dalla Germania

I ricercatori dell’Università di Gottinga, in Germania, hanno realizzato una nuova bioplastica dalle caratteristiche quasi ideali: ottenuta a partire dalla cellulosa, cioè dal polimero più presente in natura, richiede solo acqua a temperatura ambiente più una sostanza innocua, l’acido cinnamico, e può essere rimodellata in diverse dimensioni teoricamente all’infinito. Come riferito su Nature Sustainability il risultato, chiamato cinnamato di cellulosa, …

Continua »

Microplastiche: cosa sono e dove si trovano. Dall’acqua alle cozze, dai biberon alle api

Le nano e microplastiche hanno dimensioni da 0,0001 a 5 millimetri. Si dividono in primarie, ossia realizzate intenzionalmente dall’uomo e rappresentate da granuli e pellet di vari materiali*, oppure secondarie, originate dalla degradazione per invecchiamento ed esposizione del materiale ad agenti atmosferici, chimici e fisici di sacchetti, pneumatici, bottiglie, materiali tessili e altro. Ancora non si conoscono gli eventuali danni …

Continua »

Plastica, mascherine e inquinamento. Il Wwf lancia l’allerta contro l’incremento degli imballagi e degli oggetti dispersi nei mari

Il 16 giugno è la giornata mondiale delle tartarughe marine, una delle specie maggiormente colpite dalla plastica, costrette a vivere in un mondo sempre più popolato che produce ogni anno 2 miliardi di tonnellate di rifiuti. Come ricorda il Wwf si tratta di un a quantità enorme che potrebbe crescere del 70% entro il 2050. Il fenomeno ha ormai da qualche …

Continua »

Cannucce: quali alternative alla plastica?
 I pro e i contro di ogni materiale secondo il BfR

Say No to Plastic Straws, Plastic Pollution Concept, Top View cannucce plastica

La Direttiva Europea 904 del 5 giugno 2019 vieta dal 2021 l’utilizzo delle cannucce in plastica monouso. Ma dovendo rispettare contemporaneamente il regolamento (1935/2004) per i materiali a contatto con gli alimenti (che prevede l’assenza di trasferimenti di sostanze dagli oggetti al cibo), quali alternative ci sono? Alla domanda risponde un documento dell’Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio (BfR). …

Continua »

Inquinamento: oggetti di plastica e specie aliene, è questo il mare Mediterraneo descritto da Ispra

plastica inquinamento mare

Specie aliene di nuova introduzione, stock ittici sovrasfruttati, rifiuti in grande quantità: è un mare in sofferenza quello monitorato e analizzato dall’Ispra nell’ambito della Strategia Marina. In occasione della giornata mondiale degli oceani l’Istituto superiore per la ricerca e la protezione ambientale, fa il punto sullo stato di salute dei mari italiani e sul loro inquinamento. Più precisamente sono 243 …

Continua »

Plastica, l’Italia è ancora indietro con il recupero. Siamo solo al 41%

plastica

Come ogni anno arriva puntuale la relazione sulla gestione 2020 di Corepla (il consorzio che presiede al riciclo degli imballaggi in plastica) che ci mostra a che punto siamo sulla gestione degli imballaggi nel nostro Paese. Sebbene i risultati della gestione siano presentati dal consorzio come estremamente positivi, il monito della Corte dei Conti europea dello scorso ottobre, secondo cui …

Continua »