Home / Archivio dei Tag: junk food (pagina 3)

Archivio dei Tag: junk food

YouTube Kids di Google è sotto accusa negli Usa per pubblicità occulta: si cerca di trarre vantaggio dalla vulnerabilità dei bambini

fun with technology

Diverse associazioni di consumatori e di tutela dei bambini statunitensi hanno presentato un esposto alla Federale Trade Commission, chiedendo l’apertura di un’inchiesta per pratiche sleali e ingannevoli nei confronti di Google, in relazione alla sua nuova applicazione telefonica YouTube Kids, lanciata lo scorso 23 febbraio. Le associazioni denunciano l’elevato utilizzo di pubblicità non dichiarata, attraverso l’inserimento di prodotti a fini …

Continua »

Tassare il cibo spazzatura e incentivare frutta e verdura è efficace per promuovere un’alimentazione più sana. I risultati di uno studio dell’Oms

L’ufficio europeo dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha pubblicato uno studio su come i prezzi possono influenzare le abitudini a tavola e favorire una dieta più sana, riducendo i costi sociali e sanitari delle malattie correlate a un’alimentazione scorretta. La regione europea dell’Oms comprende 53 Paesi e le statistiche sulle malattie non trasmissibili indicano la necessità di politiche efficaci a favore …

Continua »

Cibo spazzatura: nella riserva dei Navajo inizia l’esperienza di una tassa del 2% su cibi e bevande ricchi di zuccheri, grassi e sale

Dal 1° aprile, la Nazione Navajo è la prima area degli Stati Uniti ad applicare una tassa del 2% su tutte le bevande e il cibo spazzatura, ossia quello ricco di sale, zucchero e grassi saturi, con un valore nutrizionale scarso o nullo. Contemporaneamente, è stata abolita una tassa del 5% su tutti i cibi sani, come frutta e verdura. …

Continua »

Tasse e restrizioni alle pubblicità del cibo spazzatura per combattere l’obesità infantile. La proposta dell’Oms

Un rapporto provvisorio dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), aperto ai commenti delle parti interessate, indica le azioni necessarie per combattere e prevenire l’obesità giovanile. Il documento parte dalla constatazione che, tra il 1980 e il 2013, la percentuale di persone obese è cresciuta del 27,5% tra gli adulti e del 47,1% tra bambini e adolescenti fino ai 19 anni. Il …

Continua »

Un bambino obeso vale oro: negli States il consumo maggiore di cibo si traduce in un mercato di cibo e bevande pari a 60 miliardi di dollari

Per l’industria alimentare, un bambino obeso è un investimento sulle vendite future. Lo scrivono sulla rivista medica The Lancet il presidente della britannica World Obesity Federation, Tim Lobstein e alcuni suoi colleghi, basandosi sui dati relativi agli Stati Uniti, dove oggi i bambini pesano in media cinque chili più di quelli di trent’anni fa. Il che significa che oggi i …

Continua »

Tassazione sulle bibite zuccherate, etichette nutrizionali e regole per la pubblicità del cibo spazzatura: l’Australia combatte l’obesità

L’Australia vuole cambiare rotta e perdere il poco invidiabile titolo di Paese nelle prime posizioni della classifica dell’obesità nel mondo, con il 63% di adulti e il 25% di bambini in sovrappeso od obesi. Nei giorni scorsi, per la prima volta, quattro tra le più autorevoli associazioni di consumatori e mediche, cioè il Consumers Health Forum, la Heart Foundation, la …

Continua »

“Grassi, dolci, salati” libro dell’anno. Un testo sconvolgente che rivela le strategie delle aziende alimentari per creare la dipendenza da cibo spazzatura

Il libro dell’anno selezionato dalla redazione de Ilfatoalimentare.it  è “Grassi, dolci, salati” di Michael Moss.  Il sottotitolo in copertina “Come l’industria alimentare  ci ha ingannato  e continua a farlo” sintetizza molto bene il contenuto del libro. Non si tratta della solita e noiosa filippica contro le industrie alimentari e contro il cibo spazzatura. La narrazione intrigante e scorrevole di Moss …

Continua »

Il taglio delle calorie realizzato negli USA dai colossi del junk food si rivela un fallimento. L’unica soluzione è cambiare le abitudini alimentari

La guerra contro le calorie in eccesso non può essere lasciata in mano alle aziende. Negli Stati Uniti infatti hanno il compito – attraverso la Healthy Weight Commitment Foundation, la fondazione lanciata nel 2010 da 16 dei più importanti marchi USA e non solo –  di abbassare la triade mortale composta da zuccheri, sali, grassi. La Fondazione, partita con un …

Continua »

Bambini, adolescenti e cibo spazzatura in tv: i codici di autoregolamentazione sono inefficaci a tutelare dalla pubblicità

Dalla Nuova Zelanda e dall’Australia arrivano nuovi dati preoccupanti sull’esposizione di bambini e adolescenti alle pubblicità di cibo spazzatura. L’Università neozelandese di Auckland ha fatto una ricerca sulle pubblicità alimentari nelle cinque principali riviste rivolte a lettori tra i 10 e i 17 anni d’età, rilevando che quelle di cibi non sani sono le più frequenti, mentre sono rare (3%) …

Continua »

Il cibo spazzatura riduce il naturale impulso verso una dieta diversificata e bilanciata: si mangia di più e con poche variazioni

Una dieta ricca di junk food, non solo favorisce l’aumento di peso, ma può anche indurre modificazioni nelle preferenze alimentari, tra cui una riduzione del naturale desiderio che induce alla ricerca di cibi diversificati e quindi verso una dieta bilanciata. Quel che si è verificato nei topi può avere implicazioni anche per gli esseri umani, perché i circuiti di risposta …

Continua »

Coca-Cola Park Lives per combattere l’obesità: in programma sport e giochi nei parchi inglesi. Marketing furbo per nascondere lo zucchero delle lattine

A Coca-Cola può bastare un programma di organizzazione del tempo libero per proclamarsi paladina della lotta all’obesità? È questo il ruolo in cui oggi si vorrebbe identificare la multinazionale leader nel mercato di produzione e distribuzione di bevande dolci analcoliche, con l’iniziativa Park Lives lanciata un anno fa in Gran Bretagna. La prima città  coinvolta è stata  Birmingham seguita da …

Continua »

Dal 2018 stop alla pubblicità di alimenti e bevande nutrizionalmente poveri diretta ai minori di 12 anni

Venticinque grandi compagnie alimentari, aderenti al Consumer Goods Forum, hanno annunciato che dal 2018 non faranno più pubblicità, rivolta ai bambini al di sotto dei 12 anni, di prodotti alimentari che non soddisfano determinati requisiti nutrizionali approvati dalla World Federation of Advertiser, basati su evidenze scientifiche e su linee guida nazionali e internazionali per una dieta corretta. La scadenza del …

Continua »

“Grassi, dolci, salati”: il libro di Michael Moss svela tutti i segreti delle aziende alimentari per creare la dipendenza da cibo

“Grassi, dolci, salati” è il titolo dell’edizione italiana del libro firmato dal premio Pulitzer Michael Moss, di cui Dario Dongo ha parlato un anno fa prendendo spunto da un servizio pubblicato su Der Spiegel.  Il volume, edito in Italia da Mondadori, tratta uno degli aspetti più caldi nell’ambito della nutrizione: la costante lotta tra i tentativi dei governi di risolvere …

Continua »

Contro il junk food le stesse strategie utilizzate per il tabacco: 3,4 milioni i decessi attribuibili all’obesità

L’obesità va trattata con un approccio simile a quello messo in campo alla fine degli anni sessanta nei confronti del fumo di tabacco: è l’appello provenuto, negli stessi giorni, da fonti diverse e autorevoli riunite in un summit organizzato a Ginevra da Consumer International, insieme ad altre agenzie e organizzazioni internazionali tra le quali l’OMS, affinché il mondo si muova …

Continua »

Firma la petizione per dire basta alla vendita di snack, caramelle e dolci posizionati in bella vista vicino alle casse dei supermercati

Il Fatto Alimentare ha lanciato una petizione online su Change.org rivolta alle catene di supermercati per dire stop alla vendita di dolci, caramelle e snack in prossimità delle casse. Si tratta di prodotti disposti appositamente in quella posizione per attirare l’attenzione dei bambini e incentivare l’acquisto di impulso. Siamo di fronte a una scelta di marketing molto aggressiva  perché rivolta …

Continua »