Home / Nutrizione / Tra alcol e junk food, i post delle celebrità influenzano le scelte alimentari dei follower

Tra alcol e junk food, i post delle celebrità influenzano le scelte alimentari dei follower

post, immagine di cellulare che inquadra pizza e bibita

I post dei personaggi celebri possono rappresentare un problema quando si tratta di cibo o di bevande. Questo vale a prescindere dal fatto che chi li mette online sia sponsorizzato dalle aziende produttrici. In uno studio pubblicato su Jama Network Open un gruppo di studiosi dell’Università di Chicago ha esaminato migliaia di post pubblicati su Instagram da oltre 181 personalità. I ricercatori hanno selezionato 5.180 immagini di alimenti e bevande contenuti in oltre 3 mila post, messi online tra il 2019 e il 2020, da personaggi molto noti dell’età media di 32 anni (66 tra attori, attrici e celebrità televisive, 64 musicisti e 51 atleti).

Le immagini sono state passate al vaglio del Nutrient Profile Index (Npi), una scala di valutazione che misura il contenuto di zuccheri, sale, acidi grassi saturi, calorie, fibre, proteine e vegetali (frutta o verdura) ogni 100 grammi di alimento o bevanda. La scala va da zero (i cibi meno sani) a 100 (quelli migliori) e il valore-limite tra sano e non sano per gli alimenti è 64, mentre per le bevande 70. In alcuni paesi, come la Gran Bretagna, questo valore separa ciò che è legale pubblicizzare da ciò che non lo è.

post, ragazze con bicchieri di birra
Più della metà dei post delle celebrità che mostravano bevande, conteneva immagini di alcolici

In base a tale valutazione, l’87,3% dei cibi e l’89,5% delle bevande pubblicate ricadeva nella categoria dei prodotti non sani. Per quanto riguarda le bevande in particolare, spesso si trattava di alcolici con quantitativi al di sopra di quelli permessi ai minorenni in molti paesi, postati senza alcun avviso specifico. I post che promuovevano consumi sani rappresentavano un’esigua minoranza ed erano anche quelli che riscuotevano meno like e meno commenti, a riprova di un minor coinvolgimento degli oltre 5,7 miliardi di follower considerati.

Quanto alla tipologia: per le bevande, più della metà riguardava alcolici, poco meno di uno su cinque tè o caffè, il 13,8% bibite dolci e solo il 12% acqua. Per gli alimenti, il vertice era occupato da dolci e prodotti da forno zuccherati, con il 21,2%, seguiti da frutta (12,8%) e verdura (8,1%), caramelle (6,5%), snack salati (4,5%), pane (4%), gelati e simili 3,9%, sandwich compresi i cheeseburger (3,4%), pollo (3%) e, da ultimo, piatti a base di amidi, come le lasagne (2,8%). Interessante il rapporto con gli sponsor: anche se solo il 4,8% dei post è risultato associato esplicitamente a un’azienda, quelli che lo erano promuovevano alcolici in quantità mediamente doppie rispetto a quelle presenti nei post spontanei.

post, food blogger influencer Instagram
L’influenza dei personaggi famosi, già associata ai disturbi del comportamento alimentare, potrebbe invece essere utilizzata in senso positivo

“I personaggi famosi hanno naturalmente il diritto di postare ciò che vogliono, relativamente ai loro gusti – ha commentato uno degli autori del lavoro, Bradley Turnwald –. Tuttavia, se volessero, e se fossero sensibilizzati in tal senso, potrebbero far passare tra i follower il messaggio che un’alimentazione sana sia da preferire. A conferma di quanto siano ascoltati, la loro influenza è già stata associata ai disturbi del comportamento alimentare e della percezione del proprio corpo. È noto che sono percepiti come più attendibili sia rispetto alle persone non famose, sia rispetto alla pubblicità: hanno un patrimonio di credibilità che può fare danni, ma potrebbe anche essere sfruttato in senso positivo”.

© Riproduzione riservata; Foto: Depositphotos, Fotolia

Il Fatto Alimentare da 12 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

giornalista scientifica

Guarda qui

bambina integratore

Bambini e dieta, negli USA un genitore su due dà integratori alimentari ai propri figli

Negli Stati Uniti circa il 50% dei genitori di bambini al di sotto dei dieci …