Home / Archivio dei Tag: Istituto Superiore di Sanità

Archivio dei Tag: Istituto Superiore di Sanità

Per perdere peso basta saltare i pasti? La dieta “in bianco” è davvero un toccasana per le gastroenteriti? L’Iss sfata due miti duri a morire

Female hands with cutlery and empty plate on color background

Per dimagrire, tante persone cedono alla tentazione di saltare i pasti, nella convinzione che, per esempio, togliendo al corpo le calorie del pranzo si otterrà in cambio un calo della massa grassa. Ma questo non è affatto un metodo efficace per perdere peso, e per di più fa male alla salute. Lo spiegano gli esperti dell’Istituto superiore di sanità sul …

Continua »

Resistenza agli antibiotici in calo, ma l’Italia è sempre la maglia nera in Europa. La fotografia dell’Istituto superiore di sanità

White pills on blue background

La resistenza agli antibiotici è in calo, ma in Italia resta più alta della media europea. Lo rivela l’Istituto superiore di sanità, che in occasione dello European Antibiotic Awareness Day (18 novembre) e della World Antibiotic Awareness Week (18–24 novembre) ha pubblicato due documenti che descrivono lo stato della resistenza agli antibiotici e delle infezioni nel 2018: il rapporto di …

Continua »

È vero che l’ananas brucia i grassi? ISSalute sfata il mito

ananas brucia grassi metro

Spesso si sente dire che l’ ananas bruci i grassi. Verità o bufala? Sulla capacità del frutto di agire come dimagrante risponde l’Istituto superiore di sanità in un articolo pubblicato sul portale ISSalute. L’ananas è un frutto ricco d’acqua (circa 86%) con poche calorie (40 kcal per 100 grammi) e ha un discreto apporto in potassio, vitamina A e C, …

Continua »

La banana è il cibo più ricco di potassio? L’Istituto superiore di sanità risponde alla falsa credenza

potassio banana spinaci mandorle funghi patate

Chi pratica frequentemente attività fisica lo sa bene, con l’arrivo dell’estate la sudorazione aumenta e con essa i crampi muscolari. Molti pensano che la causa principale sia la carenza di potassio, anche se non è solo così, e spesso per prevenire o lenire questa contrazione la soluzione è lei: la banana. Ma è vero che la banana è l’alimento più …

Continua »

Pfas: acqua, latte e uova sono le principali fonti di esposizione alimentare. Il rapporto dell’Istituto superiore di sanità

bere acqua

È l’acqua la principale fonte di esposizione ai famigerati Pfas, seguita dagli alimenti prodotti a livello locale, soprattutto latte e uova. La conferma arriva da una relazione pubblicata dall’Istituto superiore di sanità che ha valutato l’esposizione alimentare dei cittadini a queste sostanze che hanno contaminato una vasta area del Veneto, e il rischio che ne deriva. I Pfas (sostanze perfluoroalchiliche), …

Continua »

Grandi quantità di vitamine fanno stare meglio? L’Istituto superiore di sanità sfata il mito

Il mercato degli integratori alimentari è in costante crescita, e tra i più conosciuti e pubblicizzati ci sono quelli vitaminici. L’idea che grandi quantità di vitamine possano fare solo bene è un messaggio che spesso passa, ma è proprio così? La risposta la da’ l’Istituto superiore di sanità in un articolo pubblicato sul portale ISSalute. In passato le malattie dovute …

Continua »

Non diminuisce il consumo di alcol in Italia: sono più di 8 milioni i bevitori a rischio. Sempre più preoccupante l’impatto su salute e società

alcol birra alcolici sovrappeso obesità

Sono 8,6 milioni e non accennano a diminuire i bevitori a rischio in Italia, tra i quali si contano anche 2,7 milioni di anziani e 700 mila minorenni, con un aumento significativo tra le ragazze. Non si riducono nemmeno i consumi pro-capite. Ogni anno gli italiani bevono 7,5 litri di alcol (*), che salgono a 12 se si tolgono dall’equazione …

Continua »

NanoFood 2019, a Roma il terzo convegno sulla sicurezza di nanomateriali e nanotecnologie nel cibo dell’Istituto superiore di sanità

nanoparticelle biossido di titanio

I nanomateriali possono essere una grande opportunità per la ricerca nel settore alimentare. Ma possono rappresentare anche un rischio per la salute umana, come dimostrano le controversie che circondano l’additivo alimentare biossido di titanio, che si trova in forma di nanoparticelle nel cibo. Per questo motivo, il prossimo 18 febbraio 2019, l’Istituto superiore di sanità terrà a Roma NanoFood 2019, il …

Continua »

Walter Ricciardi, ex direttore dell’Iss, contro le decisioni del governo che non difende la salute degli italiani e ignora la verità scientifica

Walter Ricciardi ISS

Water Ricciardi, ex presidente dell’Istituto superiore di sanità, in un’intervista pubblicata il 2 gennaio sul Corriere della sera a firma di Federico Fubini, motiva le dimissioni anticipate di sei mesi rispetto alla scadenza, con alcune posizioni prese dal governo in contrasto con la verità scientifica. Ricciardi dice che “quando un vicepresidente del Consiglio (Matteo Salvini, ndr) dice che per lui, …

Continua »

Interferenti endocrini: preoccupante l’esposizione di bambini e adolescenti. La plastica monouso è tra le fonti principali. Lo studio dell’Iss

posate di plastica usa e getta

Quali sono i possibili rischi derivanti dalle plastiche usate per imballaggi e contenitori per alimenti? E come limitarli? Il problema degli interferenti endocrini è da tempo al centro dell’attenzione, ma ora nuove informazioni arrivano dal progetto europeo LIFE PERSUADED, una ricerca durata quattro anni, nel corso dei quali l’Istituto superiore di sanità (Iss), in collaborazione con il Cnr di Pisa, …

Continua »

Bauli, Paneangeli, Coop, Parmareggio: 4 richiami revocati in pochi giorni. La contaminazione non c’è. Cosa non funziona nel sistema di allerta

cibo grida paura allerta frode 177789713

Un mese fa il Ministero della salute ha revocato il richiamo dei croissant con crema di latte Bauli, dopo che le analisi di revisione condotte dall’Istituto superiore di sanità hanno confermato l’assenza di Salmonella nel prodotto. Ieri Cameo ha annunciato la revoca del richiamo del 26 ottobre di un lotto di gelatina in fogli Paneangeli per possibile presenza di Salmonella, dopo …

Continua »

Cameo: revocato il richiamo della gelatina in fogli Paneangeli. Niente Salmonella nel prodotto, lo certificano le analisi dell’Iss

revoca richiamo gelatina paneangeli cameo

Cameo ha revocato il richiamo della gelatina in fogli a marchio Paneangeli, deciso in via precauzionale lo scorso 25 ottobre 2018, diffuso da numerose catene di supermercati. Le analisi condotte dall’Istituto superiore di sanità hanno infatti accertato l’assenza di contaminazione da Salmonella nel prodotto con il numero di lotto 24052/3 con il termine minimo di conservazione 05/06/2021. Il richiamo era stato …

Continua »

Sugar tax: favorevoli Iss, nutrizionisti, società scientifiche e Oms, contrari Coldiretti, Confagricoltura, Federalimentare e Mipaaft

sugar tax zucchero

Coldiretti, Confagricoltura, Ferderalimentare sono scese in campo contro la decisione di tassare del 20% le bevande zuccherate e contro le etichette a semaforo che ormai decine di Paesi hanno adottato per informare meglio i consumatori sui profili nutrizionali dei prodotti. Si tratta di provvedimenti proposti anche dall’Organizzazione mondiale della sanità e già in atto in Paesi come la Francia e il …

Continua »

Dieta chetogenica e iperproteica: attenzione al “fai da te”! Perché non sono regimi alimentari adatti a tutti? Lo spiega l’Istituto superiore di sanità

Ketogenic low carbs diet concept.

Negli ultimi anni hanno guadagnato una grande popolarità le diete iperproteiche e, più recentemente, lo stesso è accaduto per la dieta chetogenica, grazie anche a fitness blogger e guru nutrizionali dalle credenziali discutibili. Questi due regimi alimentari non devono però essere intrapresi alla leggera per perdere qualche chilo di troppo, come spesso accade, perché possono avere conseguenze negative sulla salute. …

Continua »

La dieta degli italiani? Poco calcio per gli adolescenti, livelli bassi di ferro per donne e bambini. Ma in generale la qualità è buona

fresh food

Gli italiani hanno una dieta di buona qualità, ma per alcune fasce della popolazione c’è il rischio di sviluppare carenze di nutrienti: il calcio per gli adolescenti, il ferro per bambini e donne in età fertile, lo zinco per adulti e anziani di entrambi i sessi. C’è anche il problema dell’esposizione dei bambini ad alcune sostanze contaminanti potenzialmente pericolose. Questo …

Continua »