;
Home / Coronavirus / Covid-19: variante inglese ormai dominante, rappresenta l’87% delle infezioni secondo l’Iss

Covid-19: variante inglese ormai dominante, rappresenta l’87% delle infezioni secondo l’Iss

coronavirus malattia influenzaLa variante inglese non solo ha preso il sopravvento in Italia, ma rappresenta ormai più di tre quarti delle nuove infezioni da Sars-CoV-2. Lo rivela il rapporto della terza indagine rapida sulla prevalenza delle varianti dell’Istituto superiore di sanità (Iss), pubblicata il 30 marzo e realizzata insieme a ministero della Salute, laboratori regionali e Fondazione Bruno Kessler sui tamponi positivi al coronavirus notificati il 18 marzo. Il terzo monitoraggio è stato svolto a un mese esatto dallo studio precedente, quando la prevalenza della variante identificata per la priva volta nel Regno Unito era al 54%.

Secondo i dati dell’Iss, la cosiddetta variante inglese (B.1.1.7 ), dunque, si è ampiamente diffusa su tutto il territorio nazionale e ha ormai raggiunto una prevalenza dell’86,7%. Si registrano comunque variazioni importanti tra le regioni, con percentuali che oscillano tra il 63,6% della Liguria e il 100% della provincia autonoma di Trento e della Valle d’Aosta, dove però sono stati presi in considerazione solo due campioni per l’indagine.

Secondo la terza indagine dell’Iss, la variante inglese è ormai dominante in Italia, con una prevalenza di circa l’87%

Per quanto riguarda, invece, la variante brasiliana (P.1), la prevalenza è rimasta stabile al 4% (un mese prima era al 4,3%), seppur con differenze notevoli sul territorio. Le regioni in cui è più diffusa sono l’Umbria, dove circa un terzo dei casi è ancora rappresentato da questa variante (32%), anche se in diminuzione, seguita dal Lazio, dove la prevalenza è al 20,5% in aumento, e poi Liguria, Molise e Toscana sopra il 10%. Nove regioni e province autonome, invece, non ne hanno rilevato la presenza.

Resta invece molto bassa (inferiore all’1%) la prevalenza delle altre tre varianti monitorate nel corso di questa indagine, con alcune eccezioni locali. La sudafricana (B.1.351), ad esempio è al 4,8% in Sardegna, mentre la B.1.525, un’altra variante scoperta nel Regno Unito, ha raggiunto addirittura il 13,3% nella provincia autonoma di Bolzano.

In conclusione, gli esperti dell’Iss ribadiscono la necessità di mantenere le azioni di contenimento della pandemia di Covid-19 in tutto il Paese, per ridurre la diffusione del coronavirus riportare i valori di Rt inferiori a 1. Solo così si può garantire il tracciamento di tutti i casi e ridurre l’impatto sul sistema sanitario

© Riproduzione riservata Foto: stock.adobe.com

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

A female Waiter of European appearance in a medical mask serves Latte coffee.

Da oggi ristoranti e pub aperti nel Regno Unito. Boris Johnson (in quarantena) dà il via libera, ma gli scienziati sono contrari

Da oggi Boris Johnson, nonostante i numeri non siano favorevoli, ha proclamato in tutto il Regno …