Home / Archivio dei Tag: greenpeace (pagina 4)

Archivio dei Tag: greenpeace

Greenpeace: gli italiani favorevoli al pesce sostenibile. Il 91% degli intervistati è disposto a cambiare abitudini

pesce Mediterraneo

Pesce più sostenibile? Gli italiani dicono sì.  Secondo l’ultimo sondaggio di Greenpeace condotto dall’Istituo Ixè il 91% degli intervistati si dice disposto a cambiare abitudini alimentari per evitare lo sfruttamento eccessivo delle risorse ittiche. Alla domanda: “Quanto sarebbe disposto a spendere di più, rispetto a un prodotto standard, per acquistare, in casa o fuori casa, un prodotto ittico pescato nel …

Continua »

Olio di palma sostenibile e deforestazione. Il gruppo malese IOI riammesso dalla RSPO, ma Unilever e Greenpeace non sono d’accordo

olio di palma

La Tavola rotonda sull’olio di palma sostenibile (Roundtable on Sustainable Palm Oil – RSPO), che certifica l’olio prodotto in modo sostenibile, ha revocato la sospensione della certificazione all’IOI Group, un grande gruppo industriale della Malesia  fondatori della stessa RSPO. La sospensione era stata decisa lo scorso 25 marzo, perché IOI Group era stato riconosciuto colpevole di aver violato le leggi sulla …

Continua »

OGM e Golden Rice, 110 Nobel contro Greenpeace. “È solo un fallimentare e costoso esperimento”, replica l’organizzazione ecologista

riso india

110 premi Nobel hanno sottoscritto un appello in cui attaccano le posizioni di Greenpeace e di altre organizzazioni contrarie agli OGM. I firmatari  focalizzano l’attenzione in particolare sul riso  Golden Rice, sostenendo che le posizioni ambietaliste non hanno alcun fondamento scientifico, visto che tutte le evidenze dimostrano un buon livello di sicurezza per  uomini,  animali e ambiente. Nella lettera, in …

Continua »

Greenpeace accusa un grande produttore di olio di palma sostenibile (IOI) di deforestazione selvaggia e di danni all’ambiente

Ci sono voluti più di sei anni prima che la Tavola rotonda sull’olio di palma sostenibile (RSPO) sospendesse lo IOI Group, una delle maggiori compagnie che producono e vendono olio tropicale. La decisione è scaturita dall’azione di analisi e denuncia portata avanti da Greenpeace, insieme ad altre undici ONG. Tutto è iniziato quando l’associazione ambientalista ha sollevato i primi dubbi, denunciando …

Continua »

Leonardo DiCaprio non viene espulso dall’Indonesia, ma il ministro si dichiara disposto a collaborare

Il governo indonesiano ha fatto una rapida retromarcia dopo il clamore suscitato a livello internazionale dalle minacce di espulsione nei confronti di Leonardo DiCaprio. L’attore era stato anche inserito nella blacklist delle persone indesiderate, così che da assicurarsi che non mettesse piede nemmeno in futuro. Le minacce erano state fatte dal direttore generale del Dipartimento all’immigrazione, dopo che DiCaprio, durante …

Continua »

Radiazioni: Chernobyl e Fukushima ancora gravemente contaminate. Scarsi i provvedimenti dei governi. I risultati del rapporto di Greenpeace

Sono passati più di trent’anni dal disastro nucleare di Chernobyl, e cinque da quello di Fukushima. Eppure la situazione non è tranquillizzante.In entrambi i casi ci sono  ancora migliaia di chilometri quadrati di territorio contaminati, e la popolazione che vive nelle aree circostanti continua a nutrirsi con alimenti radioattivi, con gravi ripercussioni sulla salute. Il risultato è un aumento di …

Continua »

Glifosato: Commissione UE rimanda la votazione per rinnovo autorizzazione. Alcuni Paesi pongono problemi sulla sicurezza

erbicida glifosato pesticidi erbicidi campi agricoltura

È stato rimandato il voto della Commissione che avrebbe dovuto decidere se autorizzare l’uso del glifosato per altri quindici anni. La decisione di rinvio è stata dettata dalle preoccupazioni serpeggianti in alcuni paesi, tra cui l’Italia, in merito alle implicazioni che l’utilizzo di questo erbicida ha sulla salute umana. Lo Iarc infatti lo ha definito “probabilmente cancerogeno” inserendolo nel gruppo …

Continua »

Olio di palma: Greenpeace analizza quattordici aziende per verificare i risultati delle politiche “zero deforestazione”. Ferrero la più virtuosa, tra le peggiori c’è PepsiCo

Greenpeace ha preso in esame 14 aziende – Colgate-Palmolive, Danone, Ferrero, General Mills, Ikea, Johnson & Johnson, Kellogg, Mars, Mondelez, Nestle, Orkla, PepsiCo, P&G e Unilever – per verificare gli effetti delle politiche “zero deforestazione” sulle foreste pluviali indonesiane. Questi marchi si occupano di prodotti che utilizzano l’olio di palma, sia nel settore alimentare sia nella cura della persona e …

Continua »

Indonesia, il presidente vieta la piantumazione delle torbiere bruciate, con coltivazioni come la palma da olio e il caucciù

Il presidente dell’Indonesia Joko Widodo, ha deciso che le torbiere bruciate dagli incendi negli ultimi mesi siano protette. Questo vuol dire impedire il riutilizzo del terreno per piantare coltivazioni come la palma da olio e il caucciù. Gli incendi, nella  maggior parte dei casi di natura dolosa, hanno causato l’emissione di circa 1,7 miliardi di tonnellate di CO2, e il …

Continua »

L’Indonesia brucia e gli incendi dolosi provocati per fare spazio all’olio di palma causano 110 mila vittime l’anno. La denuncia di Greenpeace

Gli incendi in Indonesia sono una piaga preoccupante e pericolosa. E non si tratta di qualche fenomeno naturale, ma di un intervento doloso, a opera dell’uomo. Gli incendi  – come si legge su un comunicato stampa di Greenpeace –  “da diversi anni tra giugno e ottobre ricoprono le città del Sud-est asiatico uccidendo ogni anno circa 110 mila persone”.  In …

Continua »

I test di Greenpeace documentano l’abuso di pesticidi nella produzione europea di mele

Greenpeace ha pubblicato i risultati delle analisi sulle mele acquistate nei supermercati di 11 Paesi europei, tra cui l’Italia. Mentre i test sulle mele biologiche non hanno evidenziato tracce di pesticidi, ben l’83 per cento dei frutti coltivati in modo convenzionale sono risultati contaminati da residui di pesticidi, e nel 60 % di questi campioni sono state trovate due o …

Continua »

Tonno in scatola la classifica della sostenibilità: promosso ASdoMAR, bene Esselunga, Conad e Rio Mare. Maglia nera per Mareblu

ASdoMAR in fascia verde, maglia nera per Mareblu: sono i risultati della quarta edizione della campagna “Rompiscatole” di Greenpeace. La classifica valutare l’indice di sostenibilità  del tonno in scatola venduto in Italia, analizzando undici marche scelte tra quelle più vendute sul mercato. A distanza di due anni dall’ultima rilevazione, l’Associazione ambientalista ha finalmente promosso in fascia verde un prodotto, ASdoMAR, …

Continua »

Pesticidi in agricoltura: dipendenza e intossicazione. Il nuovo rapporto di Greenpeace contro le abitudini dell’agricoltura industriale

I pesticidi sono i protagonisti del rapporto di Greenpeace dal titolo “Tossicodipendenza da pesticidi. Come l’agricoltura industriale danneggia il nostro ambiente”. L’associazione mira ad analizzare le sostanze chimiche utilizzate nell’agricoltura industriale e ne illustra gli effetti dannosi a livello ambientale. La soluzione? Avere più finanziamenti per sostenere un’agricoltura più ecologica. Come si legge nel comunicato di Greenpeace, “nel 2015 la …

Continua »

L’Italia ha notificato all’Unione europea la richiesta per il divieto di coltivazione degli Ogm su tutto il territorio

Il ministro dell’Agricoltura, d’intesa con i ministri dell’Ambiente e della Salute, ha notificato alla Commissione europea la richiesta per il divieto di coltivazione, su tutto il territorio italiano, degli Ogm autorizzati a livello europeo. La richiesta è stata fatta in base alla nuova direttiva europea 2015/412 dell’11 marzo 2015, che consente agli Stati membri di vietare al proprio interno la …

Continua »

La pubblicità dell’olio di palma su La Repubblica, Corriere della sera, La Stampa è ingannevole. Richiesta censura immediata all’Antitrust

Aidepi (associazione industriale che raccoglie marchi come Ferrero, Mulino Bianco, Bauli, Nestlé…) da 3 settimane pubblica su Il Corriere della sera, La Repubblica, La Stampa e altri quotidiani locali come Il Resto del Carlino, La Sicilia, Il secolo XIX, pagine per sostenere l’impiego dell’olio di palma nei prodotti alimentari italiani. Si tratta di un investimento vicino a 500 mila euro …

Continua »