Home / Pianeta / Stop agli imballaggi di plastica usa e getta! L’appello di Greenpeace a Coca-Cola, McDonald’s e altre multinazionali del cibo

Stop agli imballaggi di plastica usa e getta! L’appello di Greenpeace a Coca-Cola, McDonald’s e altre multinazionali del cibo

bottiglie di plastica PET spiaggiaBasta confezioni in plastica usa e getta. È l’appello lanciato dall’associazione ambientalista Greenpeace alle grandi multinazionali del cibo (e non solo) come Coca-Cola, Pepsi, Nestlé, Unilever, Starbucks, Procter & Gamble e McDonald’s a cui si chiede di abbandonare l’uso di plastica monouso e utilizzare alternative più sostenibili per confezionare i propri prodotti.

Solo in Europa, ogni anno si producono 25 milioni di tonnellate di rifiuti plastici, di cui in media solo il 30% viene riciclato. L’Italia fa meglio, ma il 30% dei materiali plastici finisce ancora in discarica (31%), negli inceneritori (39%) o peggio nei mari. Si stima che ogni anno negli oceani vengano riversate tra le 150 mila e le 500 mila tonnellate di plastica, equivalente, secondo Greenpeace a un camion di rifiuti ogni minuto.

Di fronte a queste cifre spaventose, appare sempre più chiaro che il riciclo – che rimane una pratica fondamentale – non può essere l’unica misura da adottare per fermare la trasformazione degli oceani (e non solo) in enormi discariche a cielo aperto. Non è più possibile, secondo Greenpeace, scaricare tutta la responsabilità della salvaguardia dell’ambiente sui consumatori, ma deve essere condivisa con chi la plastica “continua a produrla, venderla e utilizzarla, anche se non necessaria.”

Per firmare la petizione di Greenpeace e chiedere alle grandi aziende di smettere di vendere prodotti, confezioni e imballaggi in plastica usa e getta clicca qui.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

6 pack ring underwater plastic ocean

Plastica, i rifiuti che inquinano di più il Mar Adriatico? Sono bottiglie, buste e imballaggi. I risultati di uno studio dell’Ispra

Come tutti i mari del mondo, anche l’Adriatico sta soffocando nella plastica monouso. La conferma …