Home / Archivio dei Tag: ETICHETTE (pagina 6)

Archivio dei Tag: ETICHETTE

“Oli vegetali”: perché la scritta generica è ancora presente su molti prodotti? Risponde l’avvocato Dario Dongo

I nostri lettori ci segnalano che su tantissimi prodotti continuano a trovare, nell’elenco degli ingredienti, la dicitura generica “grassi vegetali” od “oli vegetali”. Come mai a distanza di anni dall’entrata in vigore del regolamento (Ue) 1169/2011, che ne vietava l’utilizzo l’indicazione è ancora presente sulle etichette? Abbiamo chiesto all’avvocato Dongo di fare il punto della situazione. Il regolamento (UE) n. …

Continua »

Campbell: la minestra di Andy Warhol è favorevole agli OGM, ma auspica anche un’etichettatura trasparente

Campbell, l’azienda produttrice di minestre in lattina, diventata famosa in tutto il mondo grazie all’arte di Andy Warhol, ha preso posizione a favore dell’obbligo dell’indicazione in etichetta della presenza di Ogm nei prodotti alimentari. La società  ha deciso di ritirare il proprio appoggio a tutti gruppi che osteggiano questa proposta . Campbell chiede una norma di etichettatura unica, decisa a …

Continua »

Nutella e le “DIALETTIchette”: successi e polemiche per la nuova iniziativa della Ferrero

Da circa un mese la Ferrero ha lanciato, con lo slogan ”Nutella parla come te”, il progetto “dialetti”. L’idea è di personalizzare i barattoli con 135 diverse frasi dialettali, scherzose o legate al buongiorno, scelte con l’aiuto di un team di linguisti coordinati da Francesco Avolio dell’Università degli studi dell’Aquila. Le etichette personalizzate – ribattezzate DIALETTIchette – su cui si …

Continua »

“Natural” sulle etichette alimentari: negli Usa la FDA lancia una consultazione pubblica sull’utilizzo del termine

tichette, alimentari, cibo, italian sounding 105938384

La Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha lanciato una consultazione pubblica online sull’utilizzo del termine “natural” nelle etichette alimentari. L’iniziativa è stata assunta dopo che due petizioni hanno chiesto chiarimenti, mentre un’altra, promossa dall’organizzazione Consumer Reports, ha chiesto che la FDA vieti l’utilizzo di questo termine. A queste iniziative si aggiungono le decine richieste di chiarimento da parte di …

Continua »

Diciture in etichetta: ancora troppa confusione. Indagine su spreco alimentare, date di scadenza e termine minimo di conservazione

tichette, alimentari, cibo, italian sounding 105938384

Eurobarometro, il servizio di ricerca e analisi demoscopica dell’Unione europea, ha condotto un’indagine sui temi dello spreco alimentare e del comportamento dei cittadini di fronte alle date di scadenza e al termine minimo di conservazione (TMC). In particolare, l’indicazione “consumare preferibilmente entro il …”, se interpretata scorrettamente, può contribuire ad aumentare i rifiuti alimentari, incoraggiando i consumatori a gettare prodotti …

Continua »

Etichette intelligenti: cambiano colore se il prodotto resta fuori dal frigo o se l’alimento è scaduto. Come funzionano e perché evitano lo spreco

Capire immediatamente, dalla confezione, se un prodotto che deve restare lungo tutta la filiera dal confezionamento al produttore a 4°C, è stato esposto a temperature più elevate, e per quanto tempo, e se può quindi rappresentare un pericolo per la sicurezza. Questo promette di fare l’etichetta cromo-termica messa a punto dai ricercatori del Dipartimento di scienza dei materiali dell’Università Milano-Bicocca …

Continua »

Etichette, made in Italy e diciture: cosa ne sanno gli italiani? Un’indagine Granarolo su mille persone evidenzia dubbi e confusione

Etichette, made in Italy, materie prime. Cosa ne sanno gli italiani e quanto interesse racchiude questo tema? Granarolo ne ha intervistati poco più di mille, equidistribuiti tra nord, centro e sud Italia. Dall’analisi si è visto che la metà degli intervistati non sa cosa significhi precisamente “Made in Italy” per quanto riguarda il settore alimentare poiché confonde il concetto di …

Continua »

Mozzarella vera o finta? Chi usa la cagliata dovrebbe dichiararla in etichetta. Il parere dell’avvocato Dario Dongo

Gentile Redazione sul vostro articolo dedicato alla mozzarella, leggo che la legge non obbliga a riportare il termine “cagliata”, ma non sono d’accordo. Le mozzarelle prodotte a partire da cagliata, utilizzano un ingrediente composto, la cagliata, appunto, costituita almeno da latte, sale, caglio. La normativa, ossia l’allegato VII, parte E del Reg 1169/2011 prevede infatti che: 1. Un ingrediente composto …

Continua »

Francia in arrivo l’etichetta nutrizionale a cinque colori simile al modello a semaforo della Gran Bretagna. Il governo esamina la legge

Il 14 settembre, il Senato francese inizierà a esaminare la proposta di legge del governo sulla modernizzazione del sistema sanitario. L’art. 5 prevede la possibilità di affiancare alle indicazioni nutrizionali obbligatorie per i prodotti alimentare anche frasi, immagini e indicazioni grafiche sulla parte anteriore della confezione, per facilitare l’informazione ai consumatori, consentendo anche una facile comparazione tra prodotti simili. Il …

Continua »

Frutta e verdura fresca confezionata, pronta al consumo e insalate in busta: entra in vigore la nuova normativa

Dal 13 agosto 2015 ci saranno novità per i prodotti ortofrutticoli di IV gamma, cioè quelli pronti al consumo come insalate in busta, le macedonie, ecc: diventeranno infatti vincolanti i nuovi parametri igienico sanitari e le nuove etichette. Su Il Fatto Alimentare avevamo già parlato di questi criteri poco dopo il varo della legge 77/2011 del 13 maggio 2011 (“Insalate in busta: …

Continua »

L’Efsa avvia una consultazione pubblica sulle linee guida relative alle indicazioni sulla salute nei prodotti alimentari

consultazione pubblica

L’Efsa ha avviato una consultazione pubblica sulle proprie linee guida generali aggiornate per la valutazione delle indicazioni sulla salute nei prodotti alimentari. Chi è interessato può presentare osservazioni sulla bozza del documento entro l’11 settembre. Le linee guida originarie sono state pubblicate nel 2011 e da allora il gruppo di esperti scientifici dell’Efsa sui prodotti dietetici, l’alimentazione e le allergie …

Continua »

La “Zuppa Quinoa” è composta solo dal 5% dell’ingrediente da cui prende il nome. Una lettrice si sente ingannata, la risposta dell’avvocato Dario Dongo

Buongiorno, recentemente ho acquistato la “Zuppa Quinoa” della Germinal, arrivata a casa ho controllato gli ingredienti ed ho scoperto che la Quinoa è presente solo per il 5%, mentre il rimanente 95% è composto da riso precotto, grano saraceno, piselli precotti. È inutile che dica che mi sono sentita un po’ presa in giro, io pensavo di aver comprato della …

Continua »

“Leggere le etichette per sapere cosa mangiamo”, la nuova guida pratica di Altroconsumo a cura di Marta Strinati e Dario Dongo

In che modo è stato allevato il pollo che stiamo comprando? E le uova provengono da un allevamento biologico? La risposta alla maggior parte di queste domande si trova sulle etichette delle confezioni che in molti casi hanno bisogno di un po’ di abilità e pazienza per essere decodificate. Destreggiarsi tra numeri, bollini e termini tecnici non è facile: capita spesso di lasciarsi …

Continua »

Ingredienti composti: nella lista sull’etichetta vanno inseriti tutti o si possono omettere? Risponde l’avvocato Dario Dongo

ingredienti

Leggendo tra gli ingredienti della salsa di pomodoro, mi capita quasi sempre di leggere tra questi “succo di pomodoro”. Vorrei sapere se il succo di pomodoro deriva da una semplice riduzione del pomodoro o se contiene a sua volta altri ingredienti. Il dubbio mi è sorto poiché spesso le polpe che acquisto sono molto dolci; questo potrebbe essere dovuto al …

Continua »

L’infuso di lamponi e vaniglia non contiene aromi naturali ottenuti da questi ingredienti. La Corte di giustizia europea censura: le etichette non devono contrastare con l’elenco ingredienti

Se sulle etichette alimentare compaiono scritte e immagini che contrastano con quanto riportato nell’elenco degli ingredienti, il giudice può punire il produttore per aver indotto in errore il consumatore. Lo ha stabilito la Corte di giustizia europea, pronunciandosi sul caso di un infuso ai frutti di produzione tedesca, sulla cui confezione sono raffigurate immagini di lamponi e di fiori di …

Continua »