Home / Etichette & Prodotti / Nuggets Findus di pollo impanati e integrali: quali differenze con quelli tradizionali? Confronto di ingredienti e di prezzo tra le due versioni

Nuggets Findus di pollo impanati e integrali: quali differenze con quelli tradizionali? Confronto di ingredienti e di prezzo tra le due versioni

bastoncini findus integrali
Da qualche tempo si trovano tra i surgelati anche i panati integrali

Da circa un anno negli scaffali dell’area surgelati di super e ipermercati si possono acquistare prodotti panati integrali Findus e anche preparati in modo tradizionale. L’azienda ha infatti ampliato la propria offerta aggiungendo alle versioni classiche di pollo e pesce, panato o gratinato, le versioni integrali. Tra queste, con il bollino novità ci sono i Nuggets Delizie di Pollo Integrali che per l’occasiona hanno adottato la denominazione inglese identica a quella usata da McDonald’s nei menù. Si tratta di bocconcini di pollo panati con una porzionatura adatta ad essere trasformarti in finger-food.

Per capire quanto cambia il prodotto nella nuova versione, abbiamo confrontato i nuggets integrali con quelli tradizionali. Entrambi i sono preparati con petto di pollo che in questo caso rappresenta il 50% circa. L’altra metà delle crocchette integrali e tradizionali è infatti panatura arricchita di aromi. Si tratta di una percentuale superiore anche rispetto alla classica cotoletta di pollo.

La differenza tra le due versioni risiede nell’utilizzo di pangrattato realizzato con farina integrale per i nuggets integrali che  rappresenta il 17% degli ingredienti. Subito dopo il pangrattato integrale troviamo: farina di frumento e di mais, amido di frumento, di mais e di riso, aromi e vegetali in polvere nonché olio vegetale di colza, acqua, sale e destrosio.la farina di frumento quindi l’olio vegetale di colza, l’acqua e poi tutti gli altri elementi già citati.  Nella versione classica la panatura è composta da farina di frumento non integrale e dagli stessi ingredienti. Il pangrattato integrale sostituisce soltanto parzialmente le farine utilizzate.

nuggets findus integrali
I nuggets di pollo integrali Findus si distinguono da quelli classici solo per il contenuto di fibre

La nuova versione dei nuggets integrale ha di fatto contenuti nutrizionali simili alla versione tradizionale.  L’apporto calorico è analogo, così pure i grassi, le proteine e i carboidrati. I nuggets integrali hanno una maggiore quantità di fibre: 2,3 grammi contro 1,0 grammi della versione classica. L’incremento del contenuto di fibre è positivo sebbene siano comunque marginali in un prodotto a base di carne. Mangiando un pasto tradizionale, il secondo piatto dovrebbe prevedere anche un contorno di verdure.

Nulla da eccepire nell’utilizzo di ingredienti integrali anzi, bisogna però comprendere che il prodotto non è poi così diverso da quello tradizionale, come dimostrano le tabelle degli ingredienti e dei valori nutrizionali (vedi sotto). Le aziende produttrici utilizzano questo elemento per introdurre una novità, per rassicurare i consumatori sulla salubrità e per creare valore aggiunto. In altre parole significa poter vendere ad un prezzo più alto la novità di mercato. I Nuggets Integrali Findus costano 50 centesimi in più a confezione e 2 euro in più al kg dei Nuggets Findus classici. E’ una differenza significativa considerando che è determinata sostanzialmente dal 17% di pangrattato integrale in più. A noi risulta però difficile giustificare questo incremento.

nuggets findus

nuggets findus tabelle nutrizionali

  Valeria Torazza

Valeria Torazza
analisi di mercato

Guarda qui

riso nero avocado frutta esotica mais cetriolo

Il riso nero si trasforma. Trend e nuovi prodotti raccontati da Günther Karls Fuchs di Papille Vagabonde

Una delle mode del momento è il grande utilizzo del riso nero in cucina. Ne …

2 Commenti

  1. Il riferimento “integrale” fuori dall’elenco degli ingredienti è fuorviante.

    Il reg.1169/2011 non indica un consumo di riferimento per le fibre, ma con solo il 2.3% il prodotto non arriva a qualificarsi come “fonte di fibre” ai sensi del reg.1924/2006 (“l’indicazione che un alimento è fonte di fibre e ogni altra indicazione che può avere lo stesso significato per il consumatore sono consentite solo se il prodotto contiene almeno 3 g di fibre per 100 g o almeno 1,5 g di fibre per 100 kcal”); per la circolare MAP n.168/2003 “Il termine «integrale», infatti, implica la presenza di crusca e/o di cruschello in quantita’ tale da assicurare un significativo apporto nutrizionale di fibre nel prodotto finito”.

    Qui il contenuto di fibre, per quanto più che doppio della versione non integrale, non è per niente signiicativo.
    Per assumere 3 grammi di fibre dal prodotto è necessario consumare più di 6 nuggets, che però comportano l’assunzione dell’86% dei VNR di grassi e il 72% dei VNR di sale, il tutto a due EUR al kg in più.

  2. Grazie per la chiarezza , non siamo ben tutelati !!