Home / Etichette & Prodotti / Mercati rionali: troppi i banchi di ortofrutta, carne e pesce non espongono tutte le informazioni

Mercati rionali: troppi i banchi di ortofrutta, carne e pesce non espongono tutte le informazioni

mercati fragole
In regola per l’ortofrutta solo il 34% dei banchi

Il 70% dei banchi dei mercati rionali non rispetta  le regole sull’etichettatura dei prodotti. È questo il risultato di una ricerca curata dal Movimento Difesa del Cittadino (MDM) esaminando 110 bancarelle adibite alla vendita di: frutta, verdura, pesce e carne in otto città: Milano, Siena, Ascoli Piceno, Roma, Avellino, Cagliari, Crotone e Reggio Calabria.

Per quanto riguarda l’ortofrutta solo il 34% delle bancarelle riporta le quattro indicazioni previste dalla norma (origine, categoria, prezzo e denominazione commerciale). Più precisamente l’indicazione dell’origine è riportata nel 63,9% dei campioni, mentre il cartellino del prezzo è quasi sempre presente  (93.4%). Per il pesce ii banchi in regola sono solo il 15,9%. I dati più sacrificati sono il metodo di produzione (presente nel 49% dei casi) e la categoria degli attrezzi da pesca (18%). Quest’ultima dicitura è stata introdotta a dicembre del 2014 e serve per valutare meglio il rapporto qualità/prezzo e l’impatto ambientale. In questo caso l’origine del pescato è presente in percentuale maggiore rispetto alla frutta e verdura, ma risulta insufficiente, dato che la norma è in vigore dal 2002.

mercato
Nei mercati il prezzo è quasi sempre presente

Per la carne i banchi in regola sono il 45.5%, e l’informazione meno presente riguarda proprio l’origine. Solo nel 20% dei casi le indicazioni sono riportate sul cartellino e sul libro informativo come prevede la norma.

«Servono controlli, educazione dei consumatori e formazione dei venditori – spiega Silvia Biasotto responsabile dell’area alimentazione del Movimento difesa del cittadino – per riportare a una situazione di vera trasparenza.  Sono ancora troppi i banchi considerati carenti dal punto di vista delle indicazioni: in alcuni casi sulle cassette di ortofrutta, di pesce o nei banchi di carne abbiamo trovato solo il prezzo. Questo è inaccettabile, perché nel caso dell’origine le leggi esistono ma non vengono rispettate».

Guarda l’infografica di MDM

Schermata 2016-06-27 a 14.07.05

Schermata 2016-06-27 a 14.07.27 carne

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

rapporto bio bank 2019 edizione 13

Il biologico continua a crescere, ma non tutto: calano le attività legate al cibo bio. I dati del rapporto Bio Bank 2019

Il mondo del biologico continua a correre, ma il settore degli alimenti rallenta. Dopo anni …

2 Commenti

  1. Avatar

    mi sembra che queste ricerche non includano mai la fascia est dell’Italia, da Nord a Sud. Come mai questa dimenticanza?

  2. Avatar

    In un mondo dominato dalle regole del profitto a tutti costi come si può controllare che anche le etichette con le dichiarazioni corrette non siano taroccate?