Home / Archivio dei Tag: ETICHETTE (pagina 7)

Archivio dei Tag: ETICHETTE

La pasta non sempre parla italiano, oltre il 40% prodotta con grano straniero. Le aziende non lo dicono. Corriere della sera rilancia la campagna de Il Fatto Alimentare

La pasta non sempre parla italiano, oltre il 40% prodotta con grano che arriva dall’estero. E’ il titolo del filmato realizzato da Francesco de Augustinis per il sito del Corriere della sera. Il servizio  rilancia i temi portati avanti da diverse inchieste firmate da Il Fatto Alimentare che evidenziano la scarsa trasparenza delle aziende ostili ad indicare sulle etichette l’origine della materia …

Continua »

Workshop “La nuova etichettatura dei Prodotti Alimentari”: per sciogliere i dubbi sull’applicazione del Reg. UE 1169/11

L’11 maggio a Roma si terrà un workshop sulla corretta interpretazione della nuova normativa sull’etichettatura entrata in vigore a dicembre 2014, ma ancora difficile da decodificare. Dopo alcuni mesi dell’effettiva applicazione del Reg. UE 1169/11, molti sono ancora i dubbi interpretativi da parte di aziende, oltre agli organi di ispezioni e vigilanza.   Green Line Group, in collaborazione con G.I.F.T. …

Continua »

Colori, frecce e semafori: tutte le strategie per rendere l’etichetta nutrizionale comprensibile a colpo d’occhio e scegliere gli alimenti più sani

In un recente comunicato, il ministro della Salute francese, Marisol Touraine, ha dichiarato che l’etichetta nutrizionale volontaria con cinque colori, verso cui si sta indirizzando il governo per rendere comprensibili le informazioni sulle confezioni, è stata voluta dal mondo scientifico e dalle associazioni dei consumatori. Ora, però, una delle associazioni, Foodwatch si è sfilata dal fronte, affermando che l’utilizzo di …

Continua »

Semaforo nutrizionale, l’industria alimentare contro il ministro della salute francese. I rappresentanti non si sentono considerati e giudicano semplicistica la proposta

Il parlamento francese ha iniziato a discutere il progetto di legge del governo sulla sanità, che all’art. 5 prevede “per facilitare l’informazione dei consumatori e per aiutarli a scegliere consapevolmente”, di affiancare alle informazioni nutrizionali obbligatorie, una rappresentazione con simboli o grafici.   Pochi giorni prima dell’inizio del dibattito parlamentare, il ministro della salute, Marisol Touraine, ha convocato una riunione …

Continua »

Biscotti Mulino Bianco Fiori di latte: 40% in meno di grassi dice lo spot ma quasi lo stesso numero di calorie degli altri frollini, mentre il prezzo raddoppia

Gli spot tv dei frollini Barilla “Fiori di latte”  hanno un notevole impatto perché nella pubblicità si dice che contengono  il 40% in meno di grassi rispetto agli altri. Osservando però la confezione qualcosa non convince. A dispetto del nome, i Fiori di latte contengono solo il 5,2% di latte in polvere scremato!  Perché allora Barilla ha scelto questo nome per un prodotto …

Continua »

Laboratorio artigiano con rivendita: come si devono informare i consumatori? Risponde Dario Dongo

maiale carne carcasse

Ho appena aperto un laboratorio artigiano di trasformazione carne suina con rivendita annessa. Questi salumi: salame, coppa, culatello… devono essere etichettati? Con quali informazioni? Non può bastare un semplice “cartello ingredienti” esposto? Ho già scaricato il libro “L’etichetta” dell’avvocato Dongo, ma mi rimangono questi interrogativi. Silvia —-  Risponde l’avvocato Dario Dongo esperto di diritto alimentare   Un laboratorio, sia pure artigiano, che …

Continua »

Allergeni: troppi errori sulle etichette dei prodotti a causa di ritardi ingiustificati, inerzia dei produttori e illeciti

Ci occupiamo di allergeni da quando abbiamo fondato Il Fatto Alimentare per diffondere il più possibile le regole e salvaguardare i consumatori più vulnerabili. Abbiamo denunciato i colpevoli ritardi del governo (1) nell’introdurre norme applicative e sanzionatorie, e così pure l’inerzia dei controllori rispetto a illeciti diffusi sui prodotti venduti sfusi (2). Ma la frustrazione aumenta, nell’osservare una miriade di …

Continua »

Piadina ritirata dal mercato per etichetta scorretta. Nessun problema per la salute

Artigianpiada ha ritirato dal commercio le confezioni di piadina da 3 pezzi ( 360 g) per un errore in etichetta. Il prodotto ritirato riporta sull’etichetta il nome “La mia fattoria” e contiene una quantità minima di acido sorbico non dichiarato sulla confezione. L’azienda precisa che l’acido sorbico è un additivo utilizzato abitualmente con la funzione di conservante nei prodotti da …

Continua »

Kebab Amadori e Aia: carne pronta ma con troppi ingredienti. Il prezzo è interessante anche se le porzioni indicate sono sottostimate

Il kebab rientra in una nuova categoria di prodotti di piatti di carne pronti da mangiare che possiamo comprare al supermercato. La nostra analisi ha interessato i prodotti di due marche leader: Aia e Amadori.  Premesso che nella tradizione culinaria per kebab si intende  un piatto di carne accompagnato da carboidrati, molto diffuso in Turchia, nel bacino mediterraneo e da …

Continua »

L’etichetta semaforo orienta le scelte dei consumatori: uno studio tedesco ha dimostrato che funziona come rinforzo e aziona le zone dell’autocontrollo

semafori in etichetta

I semafori posti sulle etichette nutrizionali sono efficaci nell’orientare le scelte dei consumatori verso prodotti più sani? Sembra di sì, secondo uno studio tedesco, condotto da ricercatori dell’Università di Bonn, e pubblicato su Obesity. Gli autori hanno infatti combinato due approcci, uno strumentale e uno psicologico, e sottoposto 35 volontari di diverso peso corporeo a due tipi di valutazioni. Ai partecipanti …

Continua »

La lista nera dei supermercati italiani che non indicano in etichetta lo stabilimento di produzione. La petizione continua. Grave l’assenza di associazioni di categoria e sindacati

La petizione lanciata da Il Fatto Alimentare e Great Italian Food Trade per chiedere al Ministero dello sviluppo economico di mantenere sulle etichette dei prodotti alimentari l’indicazione dello stabilimento di origine, ha superato 7.000 firme che si sommano alle 23 mila già raccolte sul blog “Io leggo l’etichetta”.   Ai gruppi della grande distribuzione che nelle scorse settimane hanno dichiarato di …

Continua »

Etichette: mancano le sanzioni. Il Ministero dello sviluppo economico aggiunge incertezza al vuoto normativo in cui si trovano tutti gli attori della filiera

Da parecchi anni seguiamo l’evoluzione delle norme in materia di informazione al consumatore relativa ai prodotti alimentari, mediante puntuali aggiornamenti sullo stato dell’arte che ha raggiunto il culmine con la pubblicazione del regolamento UE 1169/2011 (vedi ebook L’Etichetta). Il regolamento è entrato in vigore da più di tre anni e la sua applicazione nei 28 Paesi membri ha avuto luogo 14 dicembre …

Continua »

È arrivato Edo, la nuova app che ti spiega cosa stai mangiando. Su smartphone, ora disponibile sia per IOS, sia per Android

Una nuova applicazione telefonica per facilitare la comprensione delle etichette alimentari, riassumendone le informazioni e rielaborandole in modo chiaro ma scientificamente puntuale. Ideata dall’incubatore e acceleratore d’impresa CesenaLab, in particolare da quattro giovani, tre informatici e una tecnologa alimentare, l’app è disponibile sia nella versione Android, su Google Play, sia nella versione IOS, su Apple Store. Una volta inquadrato il codice a barre …

Continua »

Carrefour ed Esselunga decidono di lasciare sulle etichette l’indicazione dello stabilimento di produzione. Su Repubblica.it un articolo spiega l’importanza della scritta e il senso delle petizioni in corso

La petizione per mantenere l’obbligo di indicare in etichetta lo stabilimento di produzione sta coinvolgendo sempre più l’opinione pubblica, come mostrano i tanti articoli sui media e l‘interrogazione parlamentare del Movimento 5 Stelle.  La questione ha coinvolto anche molte aziende che hanno deciso di mantenere sulle confezioni il nome dello stabilimento di origine. Anche le catene di supermercati più importanti  …

Continua »

Con il nuovo obbligo di evidenziare gli allergeni in etichetta, è superflua la scritta “senza glutine”? Risponde Dario Dongo

carboidrati pasta

Leggo negli articoli di Dario Dongo che la normativa europea entrata in vigore il 13 dicembre 2014 impone di segnalare in etichetta gli eventuali allergeni presenti nel prodotto, anche se in tracce. Essendo celiaca, sono interessata in particolare al glutine, e sono abituata a scegliere sempre i prodotti dove viene specificata la dicitura “senza glutine” in etichetta. Mi chiedevo se …

Continua »