Home / Archivio dei Tag: CAMPYLOBACTER (pagina 2)

Archivio dei Tag: CAMPYLOBACTER

Campylobacter nel pollo: i primi risultati (positivi) della strategia per ridurre la contaminazione, dei supermercati Mark & Spencer in Gran Bretagna

La catena di supermercati britannica Mark & Spencer (M&S) ha diffuso i risultati dei primi tre mesi di applicazione della sua strategia in cinque punti, per la riduzione del Campylobacter nel pollo, attuata anche attraverso un accordo con il suo fornitore 2Sisters Food Group. I primi risultati della sperimentazione effettuata su 336 campioni di pollo, indicano una significativa riduzione della …

Continua »

Le infezioni da Campylobacter si sono stabilizzate, in calo quelle da Salmonella, in aumento quelle da Listeria. La relazione sul 2013 in Europa dell’Efsa/Ecdc

mal di pancia

Il Campylobacter è la causa di infezioni di origine alimentare più diffusa nell’Unione europea, ma il numero dei casi si è stabilizzato dopo una continua crescita negli ultimi anni. Sono invece aumentate le infezioni provocate da Listeria e da Escherichia Coli, mentre sono in calo quelle causate da Salmonella e da Yersinia Enterocolitica. Questi sono i principali dati che presenti …

Continua »

Il governo degli Stati Uniti propone nuovi standard per ridurre la presenza di Salmonella e Campylobacter nel pollame

Una media di 50.000 infezioni alimentari in meno ogni anno. È quanto prevede il Dipartimento dell’Agricoltura statunitense come effetto delle nuove misure proposte per la riduzione della Salmonella e del Campylobacter nei polli venduti sia interi che sezionati. Negli USA il pollame venduto in parti rappresenta l’80% del mercato ma nonostante ciò non è  sottoposto a limiti microbici specifici per  …

Continua »

Latte crudo: l’Efsa raccomanda una migliore comunicazione sui rischi. Basta una breve bollitura per eliminare molti batteri

latte donna cattivo

Per prevenire o rallentare la crescita dei batteri nel latte crudo, è essenziale ma non sufficiente mettere in atto corrette e moderne pratiche igieniche nelle aziende agricole e mantenere la catena del freddo. Non basta: il modo migliore per eliminare molti dei batteri, che possono far ammalare le persone, è bollire il latte crudo prima di consumarlo. Lo affermano gli …

Continua »

In Gran Bretagna la catena di supermercati Marks & Spencer vara nuovi provvedimenti per ridurre il Campylobacter nel pollo

In Gran Bretagna, la catena di supermercati Marks & Spencer ha adottato cinque misure per ridurre la portata e la diffusione del Campylobacter nella carne di pollo, anche attraverso un accordo con il suo fornitore 2Sisters Food Group. Le misure comprendono un’etichettatura più chiara sul fronte della confezione dei polli interi, dove viene indicato che il pollo è lavato e …

Continua »

Carne di pollo contaminata da Campylobacter: in Gran Bretagna siamo al 70%. Diffuse per la prima volta percentuali e nomi supermercati

petto pollo

Per la prima volta, la Food Standars Agency britannica ha pubblicato le percentuali di carne di pollo risultata contaminata da Campylobacter in Gran Bretagna, indicando anche le catene di supermercati in cui è venduta. La campagna di controllo, iniziata il febbraio scorso duerrà un anno. Sinora, sono stati analizzati 1.995 campioni di carne di pollo in vendita nella grande distribuzione …

Continua »

Neutralizzare il Campylobacter nei polli? L’azienda avicola britannica Faccenda sperimenta una nuova tecnologia contro il batterio

In Gran Bretagna, l’azienda avicola Faccenda ha annunciato che intende investire un milione di sterline per adottare una nuova tecnologia finalizzata a ridurre la carica batterica dei microrganismi nei polli macellati. L’obiettivo è ridurre la presenza del Campylobacter (considerato l’agente patogeno responsabile del maggior numero d’infezioni alimentari in Europa)  particolarmente presente nel pollame. In Gran Bretagna, si stimano 280.000 casi …

Continua »

Negli Stati Uniti, le patologie causate dagli alimenti comportano spese per 15,6 miliardi di dollari l’anno e oltre mille decessi

pollo crudo Campylobacter

Il Dipartimento dell’Agricoltura statunitense ha pubblicato i dati dettagliati sui costi delle principali malattie di origine alimentare, causate dai quindici principali agenti patogeni, responsabili di oltre il 95% delle infezioni alimentari negli Stati Uniti. I dati, pubblicati su fogli Excel, si riferiscono al 2013 e contengono i disturbi specifichi causati da questi agenti patogeni, comprese le morti e i disturbi …

Continua »

Paese che vai, pollo (e uova) che trovi: una ricerca confronta le abitudini nella manipolazione in cucina di questi alimenti

Il rischio di contrarre infezioni alimentari varia a seconda delle norme e delle abitudini del paese in cui si vive. È quanto emerge da una ricerca condotta dalla Kansas State University su consumatori di tre nazioni asiatiche – India, Corea e Thailandia – mettendoli a confronto con quelli di altre nazioni. Dopo avere selezionato complessivamente 30o consumatori dei tre paesi …

Continua »

Carne di pollo cruda al supermercato: attenzione a cosa si tocca dopo aver maneggiato le confezioni

Uno studio condotto dalla Kansas State University, per conto del Dipartimento dell’agricoltura statunitense, indica che quando si compra al supermercato carne di pollo o di tacchino cruda, anche se sigillata in contenitori di plastica, si rischia di contaminare altri oggetti e prodotti che si mettono nel carrello, nonché oggetti personali e i propri figli, a causa dei liquidi di scolo …

Continua »

Polli contaminati da Campylobacter: un’inchiesta del Guardian denuncia situazioni di grave negligenza igienica e sanitaria

Un’inchiesta del quotidiano britannico Guardian sta mettendo in discussione tutto il sistema di controlli alimentari riguardante gli allevamenti di polli. L’idea di verificare le condizioni dei grandi allevamenti industriali e gli impianti di macellazione è nata come conseguenza di una serie di focolai di tossinfezioni da Campylobacter, registrata negli ultimi mesi. I casi segnalati sono circa 280.000 ogni anno, le …

Continua »

Sicurezza alimentare: troppi errori quando si cucina il pollo nelle case dei cittadini USA

L’Università della California-Davis ha condotto una ricerca su come gli americani preparano e cucinano il pollo e sui più comuni di contaminazione incrociata. Lo studio, che sarà pubblicato sul numero di settembre della rivista Food Protection Trends, ha esaminato i video girati da 120 partecipanti nelle proprie case, mentre preparano un piatto di pollo, a loro scelta, con insalata. Si …

Continua »

Intossicazioni alimentari: in Gran Bretagna oltre 1 milione di casi l’anno. Campylobacter tra i principali responsabili

L’agenzia per la sicurezza alimentare britannica, la Food Standards Agency (FSA), ha pubblicato una nuova ricerca sui casi di intossicazione alimentare che si registrano annualmente in Gran Bretagna e quali sono i cibi maggiormente coinvolti. Di solito le statistiche ufficiali sottostimano questi fenomeni e segnalano solo i casi più gravi. La maggior parte delle persone infatti non si rivolge al …

Continua »

Non lavare il pollo crudo prima di cucinarlo: aumenta il rischio di contaminazione. La Food Standards Agency inglese mette in guardia contro i rischi da Campylobacter

Lavare il pollo crudo prima di metterlo in forno è una pratica da evitare: così dice la Food Standards Agency, l’ente governativo non ministeriale britannico deputato al controllo della salute pubblica in merito agli alimenti (come l’EFSA, ma esclusivamente per la Gran Bretagna) contro la diffusione del Campylobacter. «Non esiste alcun motivo per lavare il pollo – commenta Antonia Ricci, Direttore …

Continua »

Happy Hour: le insidie e i pericoli nascosti quando sul bancone sono esposti alimenti contaminati. Gli esiti di una ricerca in corso a Milano

Operatori che non si lavano le mani, insufficiente pulizia delle cucine, dei banconi e delle attrezzature oltre ad alimenti conservati a temperature più alte di quanto previsto dalla legge. Sono queste le irregolarità più frequenti che, dal punto di vista igienico, si possono riscontrare durante un happy hour. Almeno a Milano dove, dal 2012, l’Asl sta conducendo un’indagine conoscitiva sugli …

Continua »