Home / Archivio dei Tag: BfR

Archivio dei Tag: BfR

Semi di chia, bacche di goji, quinoa: la moda dei superfood tra i consumatori. L’indagine del BfR

I cosiddetti superfood sono tra i grandi protagonisti delle mode salutistiche degli ultimi anni. Complici campagne pubblicitarie ben congegnate, e assenza di regolamenti specifici, numerosi alimenti vengono etichettati come tali dai produttori, e guadagnano immediatamente una reputazione che, molto spesso, è infondata. Per capire meglio quali siano i sentimenti e i convincimenti del pubblico l’Istituto per la valutazione del rischio tedesco, …

Continua »

Ghiaccio secco, attenzione al rischio incidenti e intossicazioni. Il documento del BfR

Barman making red smoking cocktail

Un cocktail che ribolle fumando. Una nebbiolina artificiale che discende sui partecipanti di una festa in un locale. Che cos’hanno in comune? Il ghiaccio secco. Tradizionalmente usato per il trasporto di prodotti congelati, il ghiaccio secco è sempre più usato, anche a livello domestico, per creare effetti speciali durante le feste, per cocktail particolari e persino in cucina. Ma bisogna …

Continua »

Coronavirus: ci si può contagiare con prodotti da forno, frutta e verdura, carne e surgelati? E la vitamina D è protettiva? Le ultime Faq del BfR

Ecco la terza e ultima parte delle domande frequenti (e delle risposte) raccolte dall’Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio (BfR) sulla trasmissione del coronavirus attraverso il cibo, gli oggetti e le superfici. Questa volta ci concentriamo sugli alimenti: esiste un rischio di contagio attraverso il consumo di prodotti da forno, frutta e verdura, carne e surgelati? I coronavirus possono essere trasmessi …

Continua »

Coronavirus: piatti, posate, bicchieri e cibo sono a rischio di contagio? Le domande e le risposte del BfR tedesco

Female hands with cutlery and empty plate on color background

Continua la rassegna delle frequently asked question, le domande frequenti, redatte dall’Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio (BfR) sulla trasmissione del coronavirus attraverso il cibo, gli oggetti e le superfici. Nella seconda parte ci concentriamo su piatti e posate. Il Sars-CoV-2 può essere trasmesso tramite piatti e posate nelle mense e in altri luoghi in cui le persone mangiano insieme? …

Continua »

Coronavirus, domande e risposte su cibo, oggetti e superfici contaminate. La prima parte delle Faq del BfR

Cook woman washes an apple under running water from a water tap.

Ora che, dopo un’estate relativamente tranquilla, il coronavirus è tornato prepotentemente al centro delle nostre vite con una nuova ondata di contagi. Per questo è importante ricordare quali sono le buone norme di comportamento per ridurre il rischio di infezione, anche su temi come la gestione della spesa settimanale, gli alimenti e la pulizia di casa. A questo proposito, possono …

Continua »

Pesce affumicato, occhio al rischio Listeria. Attenzione anche a cibi da mangiare crudi e piatti pronti. Il documento del Bfr

Secondo tutte le raccomandazioni nutrizionali, il pesce dovrebbe far parte della dieta ed essere presente almeno una-due volte alla settimana (nelle Linee guida italiane l’indicazione è di almeno 2-3 volte). Quando però è crudo o affumicato, può rappresentare anche un veicolo di infezioni pericolose, come quella da Listeria monocytogenes. Lo ricorda l’Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio, il …

Continua »

Peste suina africana, nessun rischio per i consumatori. Le rassicurazioni del BfR dopo la scoperta del virus in Germania

Cresce, nel pubblico, la preoccupazione per il focolaio di peste suina africana, o ASF, segnalato nella regione del Brandeburgo, in Germania. E per evitare che si diffonda un panico immotivato, l’Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio, il BfR, ha pubblicato un documento incentrato sui rischi per gli esseri umani e sui comportamenti da tenere per minimizzare qualunque rischio; a …

Continua »

Alluminio e cibo: tutti i consigli ai consumatori per ridurre i rischi nelle Faq del BfR tedesco

L’alluminio è il terzo elemento più presente in natura e quindi si trova ovunque, anche nel cibo. È però anche uno dei più utilizzati per gli scopi più diversi, dalla farmaceutica alla cosmetica, passando per la chimica di base e per la filiera alimentare. In passato sono state ipotizzate connessioni con varie patologie, tra le quali quella mai dimostrata con …

Continua »

Il coronavirus si può trasmettere attraverso la carne? Il parere del BfR dopo l’emergenza contagi nei macelli tedeschi

In Germania la situazione dei contagi nei macelli è grave: al momento sono almeno 1.500 i lavoratori positivi al tampone, e com’è noto questa crisi ha portato a un nuovo lockdown di due zone dove abitano più di 600 mila persone. Per fare chiarezza sul ruolo della carne in tutto ciò, l’Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio, il …

Continua »

L’influenza aviaria arriva in Germania: improbabile la trasmissione all’uomo da uova e carne. I consigli del BfR

Mentre gli occhi del mondo seguono il vagabondare del coronavirus da un paese all’altro, in Germania ci si preoccupa anche per un altro virus potenzialmente pericoloso: quello dell’influenza aviaria, scoperto in un’oca selvatica e nel pollame da cortile. Il ceppo, H5N8, già presente negli anni scorsi in Europa, è stato identificato nelle regioni del Brandeburgo e del Baden-Wurttemberg, dopo la …

Continua »

Microplastiche: cosa sono, dove si trovano e che effetti hanno sulla salute. Tutto quello che si sa (e non si sa) spiegato dal BfR

Micro plastic.Small Plastic pellets on the finger.

Nello scorso mese di febbraio i tedeschi preoccupati per le microplastiche nel cibo erano il 56% della popolazione. Il dato è segnalato dalla rilevazione Consumer Monitor che il BfR, l’istituto federale per la valutazione del rischio, realizza due volte all’anno. Nel mese di agosto 2019, la percentuale era salita di 7 punti, attestandosi al 63%. L’incremento aiuta a capire perché …

Continua »

Energy drink per bambini e ragazzi: il parere negativo dell’agenzia per la sicurezza alimentare tedesca BfR

energy drink lattine

L’agenzia per la sicurezza alimentare tedesca BfR, si è espressa sul consumo di energy drink  assunti da bambini e ragazzi. Anche se non ci sono novità eclatanti, perché è giunta a conclusioni sovrapponibili a quelle già elaborate dall’Efsa nel 2015, si tratta di un documento interessante. Il dossier riporta la sintesi degli studi condotti negli ultimi anni, e rafforza quanto …

Continua »

Il sucralosio potrebbe essere pericoloso per la salute. Se riscaldato dà origine a diossine e furani, secondo il Bfr tedesco

White pills

Il sucralosio, dolcificante artificiale 600 volte più dolce dello zucchero (saccarosio), due volte più della saccarina e quattro volte più dell’aspartame, potrebbe essere pericoloso per la salute, se scaldato. Lo afferma l’Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio (Bfr) in un comunicato dove spiega che, in seguito a un riscaldamento pari a  120°C, il composto inizia a liberare gli …

Continua »

Uova al fipronil, nuovo scandalo in Germania. Le autorità tedesche richiamano 73.000 uova provenienti dall’Olanda. Indagini in corso

uova fipronil

In Germania e Olanda è di nuovo allarme per le uova contaminate dal fipronil, l’insetticida utilizzato contro gli acari rossi ma che in Europa è vietato negli allevamenti avicoli. Sei Lander tedeschi hanno ritirato dal mercato circa 73 mila uova, che secondo le autorità della Bassa Sassonia provengono da un’azienda agricola biologica olandese. La Germania è il principale mercato delle …

Continua »

Patate verdi con germogli: non mangiatele! I consigli dell’Agenzia tedesca per la sicurezza alimentare per ridurre il rischio di intossicazione

“Non mangiate patate verdi e con molti germogli”. Questo è il consiglio diffuso dall’Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio (BfR), che ha recentemente riesaminato il rischio associato all’ingestione di glicoalcaloidi, in particolare della solanina che si forma nelle patate quando assumono la colorazione verde. Gli studi per rivedere il giudizio sulle componenti tossiche sono stati avviati  nel 2015 scattata …

Continua »