Home / Archivio dei Tag: BfR

Archivio dei Tag: BfR

Pesce affumicato, occhio al rischio Listeria. Attenzione anche a cibi da mangiare crudi e piatti pronti. Il documento del Bfr

Secondo tutte le raccomandazioni nutrizionali, il pesce dovrebbe far parte della dieta ed essere presente almeno una-due volte alla settimana (nelle Linee guida italiane l’indicazione è di almeno 2-3 volte). Quando però è crudo o affumicato, può rappresentare anche un veicolo di infezioni pericolose, come quella da Listeria monocytogenes. Lo ricorda l’Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio, il …

Continua »

Peste suina africana, nessun rischio per i consumatori. Le rassicurazioni del BfR dopo la scoperta del virus in Germania

Cresce, nel pubblico, la preoccupazione per il focolaio di peste suina africana, o ASF, segnalato nella regione del Brandeburgo, in Germania. E per evitare che si diffonda un panico immotivato, l’Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio, il BfR, ha pubblicato un documento incentrato sui rischi per gli esseri umani e sui comportamenti da tenere per minimizzare qualunque rischio; a …

Continua »

Alluminio e cibo: tutti i consigli ai consumatori per ridurre i rischi nelle Faq del BfR tedesco

L’alluminio è il terzo elemento più presente in natura e quindi si trova ovunque, anche nel cibo. È però anche uno dei più utilizzati per gli scopi più diversi, dalla farmaceutica alla cosmetica, passando per la chimica di base e per la filiera alimentare. In passato sono state ipotizzate connessioni con varie patologie, tra le quali quella mai dimostrata con …

Continua »

Il coronavirus si può trasmettere attraverso la carne? Il parere del BfR dopo l’emergenza contagi nei macelli tedeschi

In Germania la situazione dei contagi nei macelli è grave: al momento sono almeno 1.500 i lavoratori positivi al tampone, e com’è noto questa crisi ha portato a un nuovo lockdown di due zone dove abitano più di 600 mila persone. Per fare chiarezza sul ruolo della carne in tutto ciò, l’Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio, il …

Continua »

L’influenza aviaria arriva in Germania: improbabile la trasmissione all’uomo da uova e carne. I consigli del BfR

Mentre gli occhi del mondo seguono il vagabondare del coronavirus da un paese all’altro, in Germania ci si preoccupa anche per un altro virus potenzialmente pericoloso: quello dell’influenza aviaria, scoperto in un’oca selvatica e nel pollame da cortile. Il ceppo, H5N8, già presente negli anni scorsi in Europa, è stato identificato nelle regioni del Brandeburgo e del Baden-Wurttemberg, dopo la …

Continua »

Microplastiche: cosa sono, dove si trovano e che effetti hanno sulla salute. Tutto quello che si sa (e non si sa) spiegato dal BfR

Micro plastic.Small Plastic pellets on the finger.

Nello scorso mese di febbraio i tedeschi preoccupati per le microplastiche nel cibo erano il 56% della popolazione. Il dato è segnalato dalla rilevazione Consumer Monitor che il BfR, l’istituto federale per la valutazione del rischio, realizza due volte all’anno. Nel mese di agosto 2019, la percentuale era salita di 7 punti, attestandosi al 63%. L’incremento aiuta a capire perché …

Continua »

Energy drink per bambini e ragazzi: il parere negativo dell’agenzia per la sicurezza alimentare tedesca BfR

energy drink lattine

L’agenzia per la sicurezza alimentare tedesca BfR, si è espressa sul consumo di energy drink  assunti da bambini e ragazzi. Anche se non ci sono novità eclatanti, perché è giunta a conclusioni sovrapponibili a quelle già elaborate dall’Efsa nel 2015, si tratta di un documento interessante. Il dossier riporta la sintesi degli studi condotti negli ultimi anni, e rafforza quanto …

Continua »

Il sucralosio potrebbe essere pericoloso per la salute. Se riscaldato dà origine a diossine e furani, secondo il Bfr tedesco

White pills

Il sucralosio, dolcificante artificiale 600 volte più dolce dello zucchero (saccarosio), due volte più della saccarina e quattro volte più dell’aspartame, potrebbe essere pericoloso per la salute, se scaldato. Lo afferma l’Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio (Bfr) in un comunicato dove spiega che, in seguito a un riscaldamento pari a  120°C, il composto inizia a liberare gli …

Continua »

Uova al fipronil, nuovo scandalo in Germania. Le autorità tedesche richiamano 73.000 uova provenienti dall’Olanda. Indagini in corso

uova fipronil

In Germania e Olanda è di nuovo allarme per le uova contaminate dal fipronil, l’insetticida utilizzato contro gli acari rossi ma che in Europa è vietato negli allevamenti avicoli. Sei Lander tedeschi hanno ritirato dal mercato circa 73 mila uova, che secondo le autorità della Bassa Sassonia provengono da un’azienda agricola biologica olandese. La Germania è il principale mercato delle …

Continua »

Patate verdi con germogli: non mangiatele! I consigli dell’Agenzia tedesca per la sicurezza alimentare per ridurre il rischio di intossicazione

“Non mangiate patate verdi e con molti germogli”. Questo è il consiglio diffuso dall’Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio (BfR), che ha recentemente riesaminato il rischio associato all’ingestione di glicoalcaloidi, in particolare della solanina che si forma nelle patate quando assumono la colorazione verde. Gli studi per rivedere il giudizio sulle componenti tossiche sono stati avviati  nel 2015 scattata …

Continua »

Quasi metà dei tedeschi cerca di evitare il contatto dei cibi con l’alluminio. Indagine dell’Istituto BfR sulla percezione del rischio da parte dei consumatori

linguine gamberi frutti di mare cartoccio alluminio

Dopo la plastica, l’alluminio è la sostanza che solleva le maggiori preoccupazioni sulla sua possibile migrazione da imballaggi o contenitori negli alimenti. Questo almeno in Germania, dove l’istituto di valutazione del rischio (BfR) ha condotto un’indagine telefonica tra mille consumatori dai 14 anni in su. Quasi la metà degli interpellati ritiene che l’alluminio a contatto con gli alimenti rappresenti un rischio …

Continua »

Bambini: le caramelle dure di forma sferica possono causare soffocamento anche dopo i 5 anni. Attenzione alle dimensioni. Il documento del BfR tedesco

Le caramelle dure sferiche possono causare il soffocamento dei bambini dai 5 anni in su. È l’Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio ad affermarlo in un’opinione recentemente pubblicata. Una prima valutazione era stata effettuata nel 2010, in seguito ad alcuni casi di soffocamento che si erano verificati negli Stati Uniti. Sotto accusa erano finite proprio le caramelle dure di …

Continua »

Scandalo glifosato, l’Efsa copia-incolla documenti della Monsanto. Rivelazioni della stampa sul rinnovo dell’autorizzazione Ue all’erbicida

Alcune parti importanti del parere scientifico del novembre 2015, con cui l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha stabilito che “è improbabile che il glifosato sia genotossico (cioè che danneggi il DNA) o che rappresenti una minaccia di cancro per l’uomo”, sono state copiate dai documenti delle industrie che avevano chiesto il rinnovo dell’autorizzazione all’erbicida,in scadenza a fine dicembre. …

Continua »

Trasferimento di alluminio dalle vaschette per alimenti al cibo: lo studio del BfR tedesco

Il cibo contenuto in vassoi e vaschette di alluminio può esserne contaminato. Sono questi i risultati di uno studio condotto dall’istituto di valutazione del rischio tedesco (BfR) che ha valutato diversi tipi di cibo sottoposto a ‘Cook and Chill’, un processo di conservazione che prevede dopo la cottura, un raffreddamento rapido a basse temperatura e il riscaldamento prima del consumo, che …

Continua »

Spezie ed erbe aromatiche: quali rischi di contaminazione? I risultati di un progetto di ricerca triennale finanziato dall’Ue

Lemon Rice

Dopo tre anni di ricerche, si sono conclusi i lavori del progetto SPICED sulla sicurezza della filiera delle spezie e delle erbe aromatiche e sui rischi di contaminazioni biologiche e chimiche intenzionali, accidentali e naturali. L’Unione europea è uno dei maggiori mercati mondiali di spezie ed erbe aromatiche, per la maggior parte importate da paesi non europei sotto forma di …

Continua »