Home / Etichette & Prodotti / Semi di chia, bacche di goji, quinoa: la moda dei superfood tra i consumatori. L’indagine del BfR

Semi di chia, bacche di goji, quinoa: la moda dei superfood tra i consumatori. L’indagine del BfR

I cosiddetti superfood sono tra i grandi protagonisti delle mode salutistiche degli ultimi anni. Complici campagne pubblicitarie ben congegnate, e assenza di regolamenti specifici, numerosi alimenti vengono etichettati come tali dai produttori, e guadagnano immediatamente una reputazione che, molto spesso, è infondata. Per capire meglio quali siano i sentimenti e i convincimenti del pubblico l’Istituto per la valutazione del rischio tedesco, il BfR, ha condotto un’indagine su mille cittadini, dalla quale è risultato che il livello di disinformazione è elevato. Le persone hanno spesso idee che non corrispondono alla realtà. Un tedesco su due pensa che i superfood abbiano proprietà benefiche e debbano far parte di una dieta sana, e solo l’8% ritiene che possano esserci dei rischi.

Ecco alcune delle principali domande e relative risposte:

– Innanzitutto, sette cittadini su dieci hanno sentito parlare dei superfood e, di questi, il 37% pensa che siano sani, e il 17% che contengano vitamine. Quando si va nel dettaglio, i partecipanti indicano come superfood, nell’ordine, i semi di chia, le bacche di goji, la quinoa, i semi di lino, il ribes nero e l’avena, cioè piante che contengono principi attivi quali vitamine, antiossidanti e acidi grassi omega tre che si possono trovare anche in piante non importate.

– Quando si analizzano i consumi, si vede che metà degli intervistati non ne mangia mai, ma metà lo fa più o meno regolarmente, con un 30% di persone che ne assume almeno una volta alla settimana. Tra i consumatori, la preferenza va all’avocado, mangiato la settimana prima del questionario da quattro partecipanti su dieci, seguito dai semi di chia (23%) e dalla quinoa (12%).

Half avocado fruit holding by hand, healthy fruit
Tra i consumatori la preferenza va all’avocado

– Le motivazioni sono molto interessanti: un terzo afferma di consumare i superfood perché fanno bene alla salute e poco di meno perché il gusto è buono. Mentre chi non ne mangia ritiene che non ci siano informazioni sufficienti (11%) o che   non ci sia bisogno perché  basta una dieta normale (5% dei casi).

– Quando poi si chiede di esprimere una valutazione su rischi e benefici, emergono tutti i pregiudizi. Per quanto riguarda le virtù, infatti, quasi uno su due ne attribuisce molte ai superfood, un altro quarto abbastanza e solo circa il 20% poche. Al contrario, se si chiede di valutare i rischi, si vede che meno di uno su tre considera questi alimenti a rischio alto o medio, mentre più del 50% ritiene che non ci siano pericoli, o che siano bassissimi. Ciò che ci si aspetta di trovare in un superfood sono soprattutto vitamine (per il 19% degli intervistati) e un’azione benefica generale (15%), seguita da un beneficio sul sistema immunitario (11%) o sulla digestione (9%).

superfood
L’80% degli intervistati pensa che alcuni nutrienti si possano assumere soltanto attraverso superfood

I rischi più temuti, invece, sono quelli relativi agli ingredienti di scarsa qualità (per il 13% de campione) e per le allergie e intolleranze (7%), ma per lo più i superfood sono considerati sicuri, anche se il 55% risponde che non ha idea di eventuali pericoli.

– Infine, una domanda fa emergere quanto la pubblicità influenzi i giudizi, perché più della metà degli intervistati crede a frasi che enfatizzano i benefici (che siano cioè alimenti a elevato valore nutrizionale), o pensa che i superfood debbano essere inseriti in una dieta sana. E questo anche se più della metà pensa che il termine sia stato coniato dalle aziende a fini pubblicitari.

– Ma ciò che colpisce sono le false informazioni: quattro su dieci pensano che i benefici siano stati provati scientificamente, e quattro su dieci non sanno rispondere; la stessa percentuale ritiene che vi siano state prove specifiche prima delle autorizzazioni all’immissione in commercio, e quasi l’80% pensa che alcuni nutrienti si possano assumere soltanto attraverso un superfood.

Il quadro che ne emerge è in definitiva un’opinione molto, spesso troppo positiva di alimenti e sostanze che non sono sottoposte a regolamenti specifici e le cui virtù sono esaltate dalle aziende. Non solo. Sono anche cibi spesso di importazione che potrebbero essere sostituiti da diversi tipi di frutti meno cari e più che sufficienti a garantire tutti i nutrienti “super” di cui si ha bisogno.

© Riproduzione riservata

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

carne di coniglio

Nessun obbligo per l’origine della carne di coniglio. La Commissione UE non lo esclude ma non si impegna

La Commissaria UE alla Salute Stella Kyriakides non esclude di rendere obbligatoria l’indicazione dell’origine della …