;
Home / Redazione Il Fatto Alimentare (pagina 140)

Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Tutte le regole per cuocere pietanze o piatti pronti in vaschetta o in busta direttamente nei forni ed evitare cessioni di contaminanti. Le raccomandazioni dell’Anses

Pochi consumatori controllano se l’imballaggio di un prodotto alimentare da  riscaldare, o se il contenitore di una pietanza pronta da cuocere riporta la temperatura massima da utilizzare nel forno. In realtà si tratta  di informazioni importanti  da seguire scrupolosamente.  L’Agenzia nazionale francese per la sicurezza alimentare (ANSES) ha diffuso un comunicato sul rilascio di sostanze da parte di contenitori per …

Continua »

Le ricette proposte in tv sono quelle più caloriche. I piatti dei programmi televisivi sono peggiori rispetto ai piatti pronti in vendita al supermercato

chef

Chi segue le trasmissioni televisive di cucina e poi prepara le ricette descritte in questi show pesa in media cinque chili in più. Alcuni ricercatori della statunitense Cornell University hanno seguito 501 donne tra i 20 e i 35 anni, analizzando la correlazione tra l’indice di massa corporea (BMI) e la fonte a cui s’ispiravano per la preparazione dei piatti. …

Continua »

È junk food oppure no? Un modo di dire sempre più utilizzato dai media, in realtà non ha una definizione precisa. Ecco il nostro quadro di riferimento

Junk food o cibo spazzatura è un’espressione popolare in lingua inglese per indicare alimenti ricchi di sale, zuccheri semplici e grassi, ma poveri dal punto di vista nutrizionale di vitamine, fibra, proteine… Nonostante  ciò si tratta di un modo di dire sconosciuto in ambito medico-scientifico: in uno dei trattati più importanti al mondo di nutrizione su 1600 pagine, l’espressione Junk food …

Continua »

Integratori alimentari dimagranti ed energizzanti con uno stimolante simile all’anfetamina. In Usa, l’FDA interviene tardi per un conflitto d’interessi

ntegratori vegetali

La statunitense Food and Drug Administration (FDA) ha intimato a cinque aziende di ritirare gli integratori alimentari dimagranti ed energetizzanti, che contengono una sostanza chimica stimolante, chiamata Bmpea, molto simile alle anfetamine. Si tratta di un isomero, il β-methylphenylethylamine, sintetizzato nel 1930, che non è mai stato autorizzato. Nel 2013, la FDA aveva pubblicato i risultati di un’indagine, da cui …

Continua »

Ingredienti artificiali inaccettabili: la catena statunitense Panera Bread ha compilato una black list. Ma quanto contano se un panino contiene mille calorie?

La catena di bakery-café Panera Bread, che negli Stati Uniti gestisce  1.800 locali, ha pubblicato una lista di oltre 150 ingredienti artificiali giudicati “inaccettabili”, che ha già eliminato dai propri menù o che lo saranno entro la fine del 2016. La lista, compilata con la consulenza di scienziati ed esperti esterni alla compagnia, comprende coloranti, aromatizzanti, dolcificanti e conservanti, alcuni dei …

Continua »

“Sappiamo quel che mangiamo?” Su Twitter, una campagna dei consumatori spagnoli per migliorare le etichette alimentari

L’associazione dei consumatori spagnola OCU (Organización de Consumidores y Usuarios) ha lanciato la campagna “Sappiamo quel che mangiamo?”, per migliorare le informazioni delle etichette alimentari, denunciando pubblicamente quelle che, pur rispettando dal punto di vista formale la normativa europea, di fatto la aggirano con espedienti grafici, creando confusione. Ad esempio, basta enfatizzare nella presentazione del prodotto la presenza di un particolare ingrediente, …

Continua »

Non tutti i mali arrivano dagli allevamenti intensivi: la risposta di Unaitalia alle critiche di CIWF

Il tema degli antibiotici negli allevamenti, trattato in questo articolo pubblicato su Il Fatto Alimentare,  ha sollevato numerosi commenti. Riportiamo la lettera di Lara Sanfrancesco, direttrice di Unaitalia, l’unione nazionale filiere alimentari carni e uova, in risposta al precedente intervento di Annamaria Pisapia, direttrice di CIWF Italia Onlus, l’associazione per il benessere degli animali da allevamento. Nella sua lettera la …

Continua »

Antibiotici negli allevamenti: è solo uno dei dannosi effetti collaterali. La posizione di CIWF Italia Onlus

polli

Il tema degli antibiotici negli allevamenti, presentato  in questo articolo pubblicato su Il Fatto Alimentare,  ha sollevato numerosi commenti. In particolare, riportiamo  il pensiero di Annamaria Pisapia, direttrice di CIWF Italia Onlus, l’associazione per il benessere degli animali da allevamento. A seguire pubblicheremo in un altro articolo la risposta di Lara Sanfrancesco, direttrice di Unaitalia, l’unione nazionale filiere alimentari carni …

Continua »

Si riaccende il focolaio di listeria in Danimarca e i morti salgono a diciannove. La fonte non è stata individuata

salute, dieta, medico che ausculta il cuore

In aprile, in Danimarca, ci sono stati cinque casi di persone infettate dal batterio della listeria in una sola settimana, due delle quali sono decedute in meno di un mese, andando ad aggiungersi alle 17 persone morte per listeriosi lo scorso anno, di cui 12 in meno di un mese. Il focolaio era comparso in agosto e aveva infettato 41 …

Continua »

Ingredienti ogm: in Usa, Chipotle è il primo fast food a eliminarli tutti. Olio di girasole e di riso sostituiscono il soia…

taco with beef and vegetables

Dopo essere stata la prima catena di fast food statunitense a indicare quali ingredienti dei propri menù fossero geneticamente modificati, Chipotle Mexican Grill, che negli Usa ha 1.800 ristoranti specializzati in cibo messicano, è la prima ad aver deciso di eliminare, con effetto immediato, tutti gli ogm dai 68 ingredienti che utilizza. Chipotle afferma di essere amata dai propri clienti, …

Continua »

Pillole dimagranti killer a base di nitrofenolo: scatta allerta in 190 paesi. Due morti. In Italia il Ministero ha lanciato allerta due anni fa. Ma la vendita in rete continua

fast food

L’Interpol ha lanciato un’allerta generalizzata su pillole dimagranti e creme a base di 2,4-dinitrofenolo (DNP), una sostanza illecita e potenzialmente letale utilizzata anche dai culturisti. L’allarme è stato rinnovato dopo la morte di una ragazza inglese di 21 anni in Gran Bretagna che aveva acquistato online delle pillole dimagranti. Un altro caso simile si è registrato in Francia dove un …

Continua »

A Eurocarne si parla di igiene alimentare e tecnologia: un incontro sulle normative per costruire stabilimenti e trasformare le regole in opportunità

La sicurezza alimentare e la redditività della filiera delle carni, in tutte le proprie fasi, passa anche attraverso la progettazione e un’adeguata attenzione agli ambienti, alle macchine e alle attrezzature. Di questo si discuterà il 13 maggio alla conferenza «From Cad to Fork: hygienic design e sicurezza alimentare», organizzato da Eurocarne in collaborazione con European Hygienic Engineering and Design Group …

Continua »

Manzotin: ritirato un lotto di carne in scatola per sospetta non conformità microbiologica. Controverso l’esito delle analisi

Ieri 5 maggio è stato ritirato dagli scaffali di tutti i supermercati Coop e Auchan e altre catene un lotto di carne in scatola Manzotin per non conformità microbiologica. Generale Conserve SpA, ha diramato un comunicato invitando a ritirare dai punti vendita le scatolette confezionate nell’astuccio di cartone composto da due  pezzi da 140 grammi. L’azienda precisa che il lotto …

Continua »

Come evitare l’olio di palma nell’alimentazione dei bambini? I consigli del nutrizionista Antonio Pratesi per fare scelte oculate

L’olio di palma è diffuso in merendine, snack dolci e salati, in vari piatti pronti e spuntini. Come si è già visto grazie alla campagna de Il Fatto Alimentare, questo grasso tropicale si trova quasi ovunque  ed ha letteralmente invaso il mondo alimentare italiano diventano probabilmente quello più utilizzato.  Per arginare l’invasione abbiamo realizzato quattro liste di prodotti che non …

Continua »

Frutta nelle scuole: frutta acerba o immangiabile, colleghe che non vogliono sbucciare la frutta e pretesti per tornare alle solite merendine. La lettera di una insegnante

Gentile redazione, sono un’insegnante e vi scrivo in merito al progetto “frutta nelle scuole” Confermo che la frutta è a volte acerba, o due giorni dopo l’arrivo diventa immangiabile. Nella mia scuola, purtroppo il progetto viene fatto esclusivamente per incassare i soldi del bonus, perché a parte i bambini della mia classe, gli altri mangiano sempre quello che gli pare …

Continua »