Home / Sicurezza Alimentare (pagina 60)

Sicurezza Alimentare

categoria sicurezza alimentare

Giappone: carne di manzo radioattivo finisce in negozi e ristoranti. Il governo assicura che non c`è pericolo, ma ordina ispezioni a tappeto

Anche se i riflettori dei media internazionali sono quasi spenti, la situazione in Giappone è tutt’altro che sotto controllo. Undici capi di bestiame provenienti da Minamisoma, una zona a circa 20 chilometri dai confini dell’area di interdizione attorno alla centrale di Fukushima, sono risultati contenere cesio radioattivo in concentrazioni fino a sei volte superiori a quelle consentite, e cioè comprese …

Continua »

Pesca sostenibile: McDonald`s e Wal Mart certificano con Msc i filetti per i panini e il banco pescheria. Ma sarà una vera eco-label?

La sostenibilità della pesca – Ilfattoalimentare.it se ne è occupato spesso (1) – è un passaggio fondamentale per garantire che non solo le imprese di trasformazione e i loro utenti, ma anche i produttori – possano agire nel rispetto dell’ambiente e dei diritti umani fondamentali, oltre a ricevere equi compensi per le loro attività e sostegno alle comunità disagiate. Ecco …

Continua »

Politica agricola Usa: sovvenzioni squilibrate e poca attenzione per chi produce frutta e verdura e per l`ambiente. Luci e ombre del Farm Bill

Tra 18 mesi scadono i 5 anni dopo i quali il Congresso degli Stati Uniti aggiorna il Farm Bill, il pacchetto di misure legislative che definisce la politica agricola americana in termini in qualche modo equivalenti alla Politica agricola comune europea (PAC). Il Farm Bill contiene politiche anche molto diverse, che hanno implicazioni sulla nutrizione, sui programmi di conservazione ambientale …

Continua »

Cina: le autorità sanitarie vietano la vendita di 31 marchi di acqua minerale

 Le autorità di Pechino hanno vietato la vendita di 31 marchi di acqua minerale dopo aver ricevuto gli allarmanti risultati di un’indagine effettuata dalla Beijing Administration for Industry and commerce insieme con il bureau per la sicurezza alimentare della stessa capitale. In molti campioni la carica batterica è risultata più alta del previsto, talvolta in misura clamorosa; nell’acqua chiamata Yiqun, …

Continua »

Escherichia coli e semi di fieno: troppe incertezze sulla tesi egiziana dice Paparella

Il rapporto conclusivo della task force europea, pubblicato il 5 luglio 2011, lascia ancora molte incertezze sulle cause dell’epidemia da Escherichia coli O104:H4 e sui veicoli alimentari coinvolti. Il rapporto che accusa i semi di fieno greco egiziani è stato ampiamente ripreso dai mezzi di comunicazione, anche se il documento dice che si tratta di un’ipotesi e si conclude sottolineando …

Continua »

Il ministro Brambilla, con Veronesi e Hack presentano un manifesto contro gli allevamenti: ingenuità o disinformazione?

 Il 3 luglio il Corriere della Sera ha pubblicato un articolo sulla campagna denominata “La coscienza degli animali”, promossa dal ministro per il Turismo Michela Brambilla e da altri personaggi come l’oncologo Umberto Veronesi e l’astrofisica Margherita Hack (entrambi vegetariani). Il manifesto “La coscienza degli animali” redatto dal ministro Brambilla, auspica che gli animali destinati al settore alimentare (chiamati animali …

Continua »
germogli

Escherichia coli: ritiro e distruzione immediata dei semi di fieno importati dall’Egitto dal 2009. L’Ue adotta provvedimenti drastici ma necessari

L’Unione Europea ha deciso di ritirare dal mercato e di vietare l’importazione di alcuni tipi di semi di fieno greco provenienti dall’Egitto, responsabili delle epidemie di Escherichia coli O104:H4  registrate nel nord della Germania e a Bordeaux in Francia. La decisione segue di poche ore il rapporto pubblicato oggi dall’Autorità per la sicurezza alimentare europea (di cui abbiamo già dato notizia). …

Continua »

Escherichia coli: non mangiate germogli crudi il pericolo non è superato. L`Autorità per la sicurezza alimentare europea e l`Ecdc lanciano un appello ai cittadini

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) e il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) invitano a non mangiare germogli crudi, e di non consumare anche quelli coltivati in proprio per uso personale. La raccomandazione si basa sull’ipotesi che i germogli di fieno greco possano essere ancora in commercio o in qualche cucina. Stiamo parlando …

Continua »

Escherichia coli: i semi contaminati sono Egiziani. Dopo due mesi svolta nelle indagini. Secondo l`ISS l`epidemia non è di origine vegetale

Dopo due mesi di incertezze forse è arrivata la svolta decisiva nell’inchiesta sull’epidemia da Escherichia coli O 104 H:4  che ha colpito la Francia e la Germania, provocando oltre 31morti, 888 persone con l’apparato renale compromesso e 3189 pazienti che hanno contratto la dissenteria emorragica senza conseguenze gravi. Secondo un report pubblicato il 29 giugno dall’Ecdc, le indagini condotte sulla …

Continua »

Sicurezza alimentare: Escherichia coli, il report di Epicentro sulla situazione italiana e europea

Pubblichiamo il report presentato ieri sul sito curato dall’Istituto superiore di sanità www.epicentro.it  sulla situazione relativa all’epidemia  causata dal’Escherichia coli O104 H:4. Per quanto riguarda la situazione italiana il sito riferisce che nel 2011, non sono stati segnalati casi di sindrome emolitico uremica da E. coli O104:H4 riconducibili al focolaio epidemico tedesco. La situazione in Europa A oggi nei Paesi …

Continua »
germogli

Escherichia coli nei germogli crudi: il pericolo è molto elevato. 55 contaminazioni dal 1973. Migliaia di persone coinvolte

Se in Europa la  contaminazione  dei germogli di  soia, senape, rucola e altre piante è una novità, in Canada e negli Stati Uniti le autorità sanitarie da anni segnalano i pericoli collegati al consumo di questi germogli mangiati crudi. Sul sito del ministero della Salute canadese  sono catalogati 37 casi di contaminazione dal 1973 al 2005 registrati nei germogli  a …

Continua »

E` allerta europeo per i germogli. La Francia invita a ritirare i germogli contaminati da Escherichia coli. Provenienza dei semi: Italia, Germania, Inghilterra e Egitto

La Francia ha inviato ufficialmente il 25 giugno 2011  un’allerta  al Sistema rapido di allerta europeo (Rasff n° 2011.0842) che avvisa le autorità sanitarie  sulla presenza di Escherichia coli O104:H4 nei germogli di soia, e altri tipi di semi forniti dalla ditta inglese Thompson & Morgan, per sospetta contaminazione. Nell’allerta si precisa che i semi sotto accusa provengono da quattro …

Continua »

Escherichia coli: si costituisce una task force europea per cercare le cause dell`epidemia. Proseguono i controlli in Francia

L’epidemia da Escherichia coli O104:H4 che in Germania ha provocato 40 morti forse non è  un problema circoscritto a un’azienda  tedesca, che per motivi ancora poco conosciuti ha venduto germogli contaminati a diversi ristoranti. Aver riscontrato lo stesso problema un mese dopo in un paesino della Francia situato a centinaia di km di distanza,  in una partita di  germogli crudi  …

Continua »

Escherichia coli, nuovo focolaio in Francia. Il rischio di contaminazione nei germogli è sempre stato elevato. I punti critici della produzione

  Proponiamo ai nostri lettori  questo  intervento di Aurelio Trevisi che ha proposto sul sito  un’attenta descrizione sulle modalità di coltivazione dei germogli di soia. La nota trae spunto da un’azienda che produce macchinari per la coltivazione. E’ un articolo ricco di spunti utile per capire quanto siano numerose le possibilità di contaminazione e quanto sia  complicato ottenere le necessarie …

Continua »

Escherichia coli: allerta Europeo non mangiare germogli crudi. Dopo i 12 casi in Francia, le agenzie inglese e irlandesi vietano il consumo. Si attiva il Rasff

L’arrivo in Francia di germogli di soia, di fieno  greco e di altri semi contaminati  dal batterio Escherichia coli O 104, identico a quello che ha causato l’epidemia in Germania, è un segnale preoccupante. Chi pensava che  la vicenda tedesca fosse un problema grave ma  circoscritto  a una zona del territorio si sbagliava. In Francia le persone colpite sono 12,  …

Continua »