Home / Sicurezza Alimentare / Certificazione FSSC 22000: ha valore internazionale ma le catene di supermercati tedeschi mettono i bastoni tra le ruote

Certificazione FSSC 22000: ha valore internazionale ma le catene di supermercati tedeschi mettono i bastoni tra le ruote

 certificazione FSSC 22000La notizia è forte, e farà scalpore. Le rappresentanze di industria e distribuzione a livello planetario, nel 2011, hanno raggiunto in sede GFSI (Global Food Safety Initiative) un accordo per riconoscere idoneità e validità di un “salvacondotto globale” a garanzia della sicurezza di processi e prodotti alimentari, e perciò dell’affidabilità sotto questo profilo dei fornitori di alimenti e materie prime. Stiamo parlando dalla certificazione FSSC 22000, riconosciuta a livello globale in quanto basata su uno standard internazionale (ISO 22000:2005) e sulle buone prassi internazionali applicabili a ciascun comparto produttivo.

 

A dispetto del riconoscimento di piena equivalenza della certificazione FSSC 22000, rispetto ai risalenti schemi certificativi nazionali sviluppati dalla distribuzione (come IFS, in Germania e Francia, e BRC in UK), risulta che alcuni gruppi della GDO, in Germania soprattutto, si ostinino a pretendere dai propri fornitori industriali alimentari la certificazione di uno solo degli schemi certificativi, quello sviluppato in casa propria, quale pre-condizione per l’accesso alle aste informatiche e alle offerte delle proprie merci.

 

cibo grida paura allerta frode 168724519Questa situazione reca grave pregiudizio alle industrie e imprese alimentari europee le quali, a fronte della resistenza di alcuni distributori a riconoscere la certificazione FSSC 22000, si trovano di fatto costrette a duplicare o triplicare i costi di certificazione della sicurezza in relazione ai capricci dei loro grandi clienti. Sebbene appunto, si tratti di norme equivalenti, tutte risultano perciò idonee a garantire su base volontaria – a integrazione dei requisiti delle normative cogenti – l’effettiva adozione da parte di ciascuna impresa di buone prassi igieniche, procedure e sistemi di autocontrollo idonei a garantire un elevato standard di sicurezza alimentare.

 

A tre anni di distanza dal riconoscimento di piena equivalenza delle predette norme, questo corto circuito che incide in misura significativa sui costi fissi e le risorse umane non può venire ulteriormente accettato. Le imprese produttrici hanno timore di esporsi nei confronti dei grandi clienti, per paura di ritorsioni, e gli enti di certificazione che a loro volta lavorano con ogni schema e standard disponibile preferiscono mantenere la loro indipendenza piuttosto che esporsi su una questione di logica e diritto che tocca dal vivo gli interessi di alcuni loro mandanti (quali appunto in Europa, IFS e BRC).

 

In ragione di quanto sopra, chi scrive ha pubblicato una “lettera aperta”, indirizzata sia ai vertici di GFSI e FSSC22000, sia ai competenti uffici della Commissione europea, DG Impresa e DG Concorrenza, per denunciare una situazione che indubbiamente si qualifica come una barriera nel Mercato interno, contraria ai principi della libera concorrenza e della libera circolazione delle merci (Art. 28).

 

Dario Dongo

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

intestato a Ilfattoalimentare.it di Roberto La Pira indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

alimenti cibo dieta verdure pollo pesce salute

Aumentano le notifiche al sistema di allerta Rasff. Nel rapporto 2019 boom di segnalazioni per la Salmonella nel pollo dalla Polonia

Nel 2019 sono tornate a crescere le notifiche trasmesse attraverso il Sistema di allerta rapido …