Home / Pubblicità & Bufale (pagina 34)

Pubblicità & Bufale

Acqua minerale? Meglio quella del rubinetto. Coop attacca Mineracqua. Ridurre i consumi per salvaguardare il portafoglio e l?ambiente.

 Una volta l’acqua minerale si vendeva in bottiglie di vetro in farmacia, le marche erano poche e le bottiglie venivano comperate solo da persone con problemi di salute. Adesso le bottiglie si vendono al supermercato, ci sono oltre 250 marche e ogni italiano ne beve 195 litri l’anno! La situazione è cambiata perché la funzione salutistica è diventata secondaria, mentre …

Continua »

Antitrust condanna Bracco: ingannevoli informazioni sugli integratori

Gli opuscoli  diffusi in farmacia dalla società Bracco per pubblicizzare gli integratori alimentari Cogiton e Stenovit  sono ingannevoli, per questo e la società dovrà pagare 150 mila € di multa. La decisione dell’Antitrust prevede  anche i ritiro degli opuscoli che presentavano i due integratori come prodotti “miracolosi nella prevenzione e trattamento dell’invecchiamento cerebrale e delle patologie correlate alla neurodegenerazione cellulare …

Continua »

L`Antitrust studia modifiche alla moral suasion, più trasparenza alla pubblicità ingannevole

L’Autorità Antitrust sta studiando  una nuova classificazione delle sentenze per rendere accessibili le decisioni sulle controversie risolte con la procedura “amichevole “  meglio conosciuta come  moral suasion. La modifica del regolamento è necessaria perché attualmente le decisioni dell’Autorità che si concludono con il ricorso alla moral suasion  non vengono rese note al pubblico (nel 2009 sono state 75).   Adesso …

Continua »

USA: Baby carrots usa fantasia, ironia e molta aggressività per pubblicizzare le carote da sgranocchiare

Sono  davvero curiosi  gli  spot scelti da “Baby carrots” per   pubblicizzare i sacchetti di carote pronte da mangiare.  Per catturare l’attenzione dei più giovani i produttori si osno ispirati  ad alcuni modelli televisivi proposti dal cibo spazzatura. Ecco allora che nello spot le  carotine  diventano proiettili in un finto gioco di guerra. Per  riuscire a convnicere  gli adulti  è stato …

Continua »
giordano

La pubblicità dei vini Giordano è scorretta. L’Antitrust sanziona con 250.000 euro di multa

I depliant che la società Giordano di vendite per corrispondenza ha inviato a milioni di italiani contengono frasi e proposte commerciali ingannevoli. È quanto ha stabilito l’Antitrust che ha condannato la società ad una multa di 250mila euro. La questione assume un certo rilievo perché solo nel 2008 Giordano ha realizzato 46 campagne promozionali attraverso brochure che hanno totalizzato oltre …

Continua »

Forti sospetti e richiesta di censura da parte di Altroconsumo per il Succo di mangostano della Xango

Altroconsumo ha inviato all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato una denuncia contro la pubblicità del Succo di mangostano ritenuta ingannevole e contro il sistema di vendita ritenuto  scorretto. Il Succo di mangostano ( da non confondere con il mango ) è una bibita  ottenuta da un frutto tropicale (la mangostina vedi foto in basso)  che dovrebbe prevenire e curare: …

Continua »

Ingannevole la pubblicità degli integratori Agent M, Nytric EFX, Nitrix e True Mass. Multa di 44 mila euro

  La pubblicità degli integratori Agent M, Nytric EFX, Nitrix e True Mass è stata ritenuta ingannevole  dall’Antitrust e la società 4Body Distribution S.r.l che li commercializza dovrà pagare una multa di 44 mila euro.  Si tratta di integratori alimentari a base di aminoacidi come: leucina, isoleucina, citrullina, valina e argininina e altri ingredienti che secondo i messaggi pubblicitari dovrebbero …

Continua »

Usa: chewing-gum Eclipse non elimina alitosi, 6 milioni di multa alla società che perde una causa portava avanti dai consumatori (class-action)

Negli Stati Uniti la Wrigley, azienda leader produttrice delle  gomme da masticare Eclipse, dovrà pagare una multa di 6 milioni di dollari per  avere perso una causa  portata avanti da un gruppo di cittadini (class action) che contestavano la validità delle  promesse pubblicitarie.Tutto nasce dalle scritte presenti sulle confezioni del chewing gum e proposte anche nei messaggi pubblicitari, che attribuivano …

Continua »

Se il bambino mangia male la colpa è anche dei cartoni animati

Come si educa il gusto? Secondo i nutrizionisti proponendo ai bambini cibi semplici quanto a cotture, ma il più possibile variati e freschi. Senza cedere ai capricci – la casa non è un ristorante – ma tenendo presente che il palato dei più piccoli è molto sensibile alle note amare: ragione per la quale i bambini odiano le verdure, a …

Continua »
Cheeseburger

I trucchi della pubblicità: vinavil al posto del latte e lucido al posto del cioccolato

Le immagini dei prodotti alimentari sulle confezioni, sui manifesti pubblicitari e negli spot televisivi sono quasi sempre finte. I motivi sono di ordine tecnico: il gelato sotto le luci si scioglie, il cibo fotografato risulta poco invitante… Per risolvere questi problemi si usano strumenti tecnici curiosi come: lucido, cera, lacca, plastica… A volte però qualcuno eccede ma la sorpresa si …

Continua »

Kinder non aiuta la crescita dei bambini. L`Efsa censura la Ferrero

L’Efsa (Autorità  Europea per la Sicurezza Alimentare con sede a Parma) non ritiene che vi siano elementi  scientifici validati per sostenere la correlazione tra la crescita del bambino e il consumo della barretta di 40 g di Kinder Ferrero. Nell’etichetta si dice che il cioccolato “aiuta a crescere”, ma secondo gli esperti dell’Efsa che hanno esaminato oltre 40 studi scientifici, …

Continua »

In Francia ricompare la bibita amica di chi alza il gomito

Una bibita a base di fruttosio, acido ascorbico e aromi promette di “accelerare la caduta del tasso alcolico nel sangue”.  L’azienda francese produttrice  prevede il lancio della bevanda (Outox)  il 18 giugno, ma secondo il giornale Le Point (www.lepoint.fr), la Direzione generale della concorrenza, dei consumi e della repressioni delle frodi (Dgccrf) d’Oltralpe, che controlla la documentazione dei prodotti con …

Continua »

Troppe mele nella pubblicità dei cracker Vitasnella

La fotografia scelta per la pubblicità dei cracker Vitasnella Fruit  mostra una ragazza con una borsa fatta di mele sulle spalle. Lo slogan  a fianco dice  “tutto il buono della frutta sempre con te”. Altroconsumo ha voluto capire meglio quante mele ci sono in questi nuovi cracker. Leggendo l’etichetta  si evince che la farcitura rappresenta il 38% del prodotto,  ma …

Continua »
te

Il Giurì censura la pubblicità del te Winston deteinato

Il Giurì dell’Autodisciplina pubblicitaria ha censurato la frase del tè deteinato Sir Winston Tea apparsa sui giornali e riportata sulle confezioni dove si dichiara che il prodotto è: “Deteinato senza solventi – Il deteinato che nasce naturale e resta naturale”. La richiesta di censura è stata promossa dalla società concorrente Bonomelli. Il tè è una bevanda estratta a caldo da …

Continua »

Usa: Kellogg`s censurata per pubblicità ingannevole

Per la seconda volta in pochi mesi la Federal Trade Commission (Ftc) americana ha censurato Kellogg’s per pubblicità ingannevole. L’accusa si riferisce  alle frasi proposte con risalto sulle confezioni di cereali per la prima colazione Rice  Krispies.  Nel testo si dice che il prodotto  “aiuta le capacità di immunità del bambino grazie al 25% in più di antiossidanti, nutrienti e …

Continua »