Home / Pubblicità & Bufale / Vanity Fair celebra Pepsi e McDonald’s in due pubblicità che sembrano articoli. Voi cosa ne pensate?

Vanity Fair celebra Pepsi e McDonald’s in due pubblicità che sembrano articoli. Voi cosa ne pensate?

vanity fair mcdonalds ottobre 2013
L’unico elemento che dovrebbe fare capire che si tratta di un’inserzione a pagamento è la dicitura “VANITY PER MCDONALD’S”

C’è chi la chiama pubblicità mascherata e chi occulta, in realtà si tratta di un vecchio sistema utilizzato da giornali, radio e anche tv per promuovere un prodotto o un marchio, senza fare capire che si tratta di un messaggio a pagamento. A volte il giochino riesce, altre volte si rivela un boomerang come dimostrano decine i casi di censura rilevati dall’Antitrust e dal Giurì della pubblicità.

 

La segnalazione di oggi arriva da una giovane lettrice che, sfogliando l’ultimo numero di Vanity Fair dedicato ai 10 anni del giornale, ha notato alcune anomalie in due articoli. Il primo (alle  pagine 400 e 401), è un servizio dal titolo “E tu di che colazione sei?” che illustra le varie combinazioni di cibo che si possono ordinare nei fast food McDonald’s di mattina. Il servizio è fatto con cura e sembra vero, ma osservando con attenzione in alto a sinistra sopra il titolo si nota la scritta “VANITY PER MCDONALD’S” (vedi foto sotto). La legge prevede che la pubblicità nei giornali e in tv sia riconoscibile e ben distinguibile da servizi. In  questo caso però l’unico elemento che dovrebbe fare capire che si tratta di un’inserzione a pagamento è la dicitura “VANITY PER MCDONALD’S”. Troppo poco!

 

vanity fair pepsi ottobre 2013
A pagina 242 e 243 di Vanity fair c’è di un servizio fotografico intitolato “Il rap parla italiano”, articolo vero o pubblicità?

L’altro “articolo” che ci ha colpito riguarda 4 pagine (240-241) di un servizio intitolato “Il rap parla italiano“, con la fotocronaca di una manifestazione tenuta da quattro famosi rapper il 24 settembre al Forum di Assago, dove sono stati selezionati giovani talenti in una serata sponsorizzata dalla Pepsi. Per capire che si tratta di una pubblicità bisogna notare la piccola scritta collocata in alto a destra vicino al bordo “VANITY PER PEPSI” (vedi foto). Girando pagina (242-243) il titolo cambia (Live) ma il servizio continua con le foto dei giovani vincitori. Anche in questo caso l’unico elemento che dovrebbe fare capire di essere di fronte a un’inserzione pubblicitaria a pagamento è la scritta in alto a sinistra “VANITY PER PEPSI” (vedi foto sotto).

 

vanity fair pepsi2 ottobre 2013
Per il lettore decodificare la natura commerciale del reportage fotografico è difficile

Per il lettore decodificare la natura commerciale del reportage fotografico è difficile, perché  le altre pubblicità presenti nel giornale si distinguono bene dagli articoli e non lasciano spazio ad ambiguità. A volte c’è una cornice colorata intorno alla pagina, altre volte la differenza è palese e non si presta ad interpretazioni errate.

Siamo di fronte  a due casi  che potrebbero essere considerati  il tipico esempio di pubblicità mascherata.  Voi cosa ne pensate?

 

Roberto La Pira

 

vaniti fair mcdonalds2 ottobre 2013
Osservando con attenzione in alto a sinistra sopra il titolo si nota la scritta “VANITY PER MCDONALD’S”. Articolo o pubblicità commerciale?

© Riproduzione riservata

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

brancamenta amaro censura iap instagram

Brancamenta, censurato il post su Instagram di un influencer: è pubblicità occulta. La sentenza dello Iap

L’Istituto di autodisciplina pubblicitaria, con la pronuncia del Comitato di controllo n. 48/19 del 30/08/2019, ha …

3 Commenti

  1. Avatar

    chiaramente borderline. Una possibilità potrebbe essere rendere obbligatorio riportare la dicitura “comunicazione pubblicitaria” (con virgolettato per renderla sempre e comunque uniforme ed uguale senza frasi di fantasia come quella di vanity fair. Altro espediente potrebbe essere quello di rendere obbligatorio applicare la medesima dimensione di carattere del titolo della pubblicità o del pseudo articolo.
    I modi ci sono, basta un minimo di pragmatismo, cosa che in Italia purtroppo latita.

    • Roberto La Pira

      I modi ci sono ma il mondo pubblicitario ha sempre un po’ fatto a modo suo e la violazione delle regole è la norma, anche perchè nel 90% dei casi la volazione passa sotto silenzio.

  2. Avatar

    Ciao a tutti, volevo portarvi la mia breve esperienza personale. Ho chiesto ad amici o semplici conoscenti che lavoravano per magazine/emittenti televisivi locali di dare la notizia della nascita della mia piccola impresa innovativa, e loro mi hanno risposto che, in buona sostanza, “senza soldi non si cantano messe”; in particolare la responsabile di un magazine a diffusione locale, anche se molto glamour e prestigioso, mi ha proposto la pubblicazione di un PUBBLIREDAZIONALE (è questo il nome che danno alla cosa di cui si parla nell’articolo), cioè una pubblicità che è scritta dalla redazione, in tutto assomigliante ad un articolo, p. es. con un’intervista a me o ai miei partner commerciali. L’articolo sarebbe apparso anche online, con un “banner linkato”. Intorno ai 500 euro per il tutto, durata un mese, con varie opzioni in più e in meno. È dunque pubblicità bella e buona. Ah, dimenticavo: il pezzo giornalistico me lo dovevo scrivere io. Pure.