Home / Archivio dei Tag: WWF

Archivio dei Tag: WWF

In Francia Patto governo-imprese-Ong sugli imballaggi in plastica. Critiche da associazioni ambientaliste, che chiedono leggi vincolanti

imballaggi plastica insalata packging

In Francia è stato sottoscritto un Patto nazionale sugli imballaggi in plastica, che vede la collaborazione di governo, imprese e Ong, per ridurre i rifiuti plastici. Il Patto è stato firmato dal ministero per la Transizione ecologica, da diverse imprese della grande distribuzione e soprattutto del settore alimentare come Auchan, Biscuits Bouvard, Carrefour, Casino, Coca-Cola, Danone, Franprix, L´Oréal, LSDH, Monoprix, …

Continua »

Nestlé riammessa alla Tavola rotonda sull’olio di palma sostenibile. Compromesso tra l’azienda svizzera e la RSPO

olio di palma

Nestlé è stata riammessa come membro della Tavola rotonda sull’olio di palma sostenibile (RSPO) e ha riacquistato il diritto alla certificazione di sostenibilità, dopo che ha presentato un piano d’azione e gli impegni temporali per far sì che entro il 2023 il 100% del suo olio di palma sia certificato come sostenibile dalla RSPO. Lo hanno annunciato con un comunicato …

Continua »

Tonno in scatola sostenibile: il colosso Thai Union (Mareblu) si impegna con WWF e Greenpeace per migliorare i metodi di pesca. Soddisfazione delle associazioni

tonno pesca

Petizioni online, raccolte di firme, campagne di informazione: quando si parla di tonno in scatola tutte le associazioni ambientaliste sono schierate in difesa degli ecosistemi marini e dei diritti umani. Si tratta di battaglie che non sono combattute invano, perché le aziende più importanti “disturbate” dalle richieste dei cittadini e ancora di più dalle scelte delle catene della grande distribuzione …

Continua »

Mare a rischio: tutti i progetti per rigenerare la risorsa ittica e gestire in modo sostenibile la pesca

sardines on a fish market

Permettere la rigenerazione della risorsa ittica e gestire in modo sostenibile la pesca. Sono due delle azioni adottate da 193 stati membri delle Nazioni Unite al termine della Conferenza internazionale sugli oceani, che si è svolta all’inizio di giugno a New York. Per portare avanti i progetti verranno istituite più aree marine protette, create delle zone di cattura vietata per …

Continua »

Alla ricerca del tonno in scatola sostenibile: i metodi di pesca alternativi. Complicato orientarsi nella giungla delle certificazioni

Il tonno in scatola è uno degli alimenti preferiti dagli italiani: contiene proteine e pochi grassi (se si sgocciola bene l’olio), è economico e sempre pronto, si può fare la scorta e piace a tutti. Nel 2015 ne abbiamo mangiato 2,4 chili a testa. Le comode scatolette hanno però un impatto notevole sugli ecosistemi marini, perché gran parte delle navi …

Continua »

Migros e WWF insieme per vendere solo pesce “sostenibile”. La catena di supermercati svizzeri è la prima a fare questa scelta

pesce stock

La catena di supermercati svizzera Migros dal primo ottobre vende pesce e i frutti di mare proveniente da fonti “sostenibili” certificato da un  marchio. Sostenibile significa che gli articoli vantano un marchio di certificazione (Migros Bio, ASC o MSC) oppure che la provenienza rientra tra le categorie classificate come  «consigliata» o «consigliata con cautela» dal WWF.  Sui rischi della pesca il WWF …

Continua »

WWF preoccupazioni per il pesce spada.Troppe catture mettono a rischio la sostenibilità per la specie

Carpaccio di Pesce Spada

Il WWF si è detto preoccupato per le sorti del pesce spada: le affermazioni nascono in conclusione alla sessione in preparazione della riunione ICCAT del Comitato Permanente per la Ricerca e le Statistiche (SCRS). Questa riunione, a sua volta, dovrà fornire le informazioni corrette affinché la Commissione Europea possa prendere decisioni strategiche sul destino di specie come pesce spada, tonno …

Continua »

Turismo, settore marittimo, acquacoltura e ricerca di idrocarburi: il Mediterraneo rischia uno sfruttamento senza organizzazione

pesci mare

Il Mediterraneo per i prossimi vent’anni sarà teatro di una vera e propria corsa all’oro e questo rischia di avvenire senza una pianificazione coordinata e a lungo termine. Dai trasporti marittimi al turismo, dall’acquacoltura alla ricerca di idrocarburi, tutto sta crescendo in maniera esponenziale, senza una visione di sviluppo sostenibile di lungo periodo. Lo afferma il Wwf, che ha presentato lo …

Continua »

Spreco alimentare nelle mense: WWF e sei multinazionali lanciano una campagna per combatterlo

Schoolchildren enjoying their lunch in a school cafeteria

Sei multinazionali (Sodexo, Unilever Food Solutions, PepsiCo, Ardo, McCain, SCA) e il WWF hanno lanciato una campagna europea per combattere lo spreco di cibo lungo la filiera dei servizi di ristorazione. La campagna, promossa dall’International Food Waste Coalition (IFWC), un’associazione senza scopo di lucro creata la scorsa primavera, partirà il prossimo gennaio in Italia, Francia e Gran Bretagna, e prevede …

Continua »

Disinvestire da società coinvolte nell’olio di palma: la scelta del Fondo sovrano norvegese

La Banca centrale norvegese ha deciso che il Fondo d’investimenti sovrano della Norvegia (Government Pension Fund Global), che gestisce un patrimonio pari a 870 miliardi di dollari, dovrà disinvestire da quattro società impegnate nel settore dell’olio di palma, a causa dei gravi danni ambientali causati dalle loro politiche di deforestazione. Si tratta delle sud-coreane Daewoo International e Posco, e delle …

Continua »

Olio di palma sostenibile, rilasciate le prime tre certificazioni dal sistema promosso da Greenpeace e WWF. Criteri più rigorosi rispetto a quelli RSPO

Con il rilascio delle prime tre certificazioni è diventato operativo il Palm Oil Innovation Group (POIG), organismo lanciato nel novembre 2013 dai produttori rispettosi delle foreste e diverse organizzazioni non governative, tra cui Greenpeace e WWF, per garantire l’impiego di  olio di palma non derivante da deforestazione o frutto di violazione dei diritti delle popolazioni locali. Questo gruppo è nato …

Continua »

Olio di palma: l’inarrestabile invasione del grasso tropicale tra conflitti d’interesse, rischio cardiovascolare e problemi ambientali

Oil palm fruit olio di palma

Il grasso di colore rosso ottenuto dal frutto della palma da olio, tradizionalmente utilizzato per cucinare nei paesi produttori, dopo la raffinazione diventa banco ed è considerato l’olio più consumato al mondo. Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) la produzione globale è più che triplicata negli ultimi vent’anni, passando da 12,8 milioni di tonnellate nel 1992 …

Continua »

L’appello del WWF di nove mesi fa contro l’olio di palma: le coltivazioni provocano una progressiva e continua distruzione delle foreste

Vi proponiamo ampi stralci dell’appello che WWF ha rivolto alle aziende alimentari italiane nove mesi fa, invitandole a utilizzare solamente olio di palma sostenibile certificato entro il 2015. Il testo fa capire perché l’impiego di questo grasso tropicale sia la causa di una continua e progressiva deforestazione. L’invito del WWF, accolto da aziende come Ferrero e Barilla, non risolve però il problema, visto che il quantitativo di palma sostenibile rappresenta …

Continua »

Il consumo di soia di un europeo? 61 kg l’anno. Il 93% proviene indirettamente dai mangimi, gli altri 4 kg li introduciamo nella dieta senza saperlo

Pensate che solo vegetariani e appassionati di cucina giapponese contribuiscano al consumo di soia? Non è così. Secondo il WWF ognuno di noi contribuisce all’utilizzo della soia attraverso il consumo di carne, uova e prodotti lattiero-caseari. Si tratta di 61 kg pro capite l’anno misurati nell’Unione Europea, il 93% dei quali è in realtà un consumo “indiretto”  dovuto ai mangimi …

Continua »

Expo quanto mi costi? Affitti milionari e biglietti da 32 euro mettono a rischio le iniziative delle organizzazioni no profit alla cascina Triulza

Il Fatto Alimentare ha già evidenziato i costi astronomici che comporta l’affitto degli spazi all’interno di Expo 2015. Si tratta  di cifre esagerate  (leggi articolo) anche per le realtà industriali più consolidate. Lavazza ha pagato 1 milione per 85 mq, San Pellegrino 1,15 milioni per 100 mq oltre al versamento dell8% sulle vendite dei prodotti! L’altro aspetto su cui vale …

Continua »