Home / Archivio dei Tag: valori nutrizionali

Archivio dei Tag: valori nutrizionali

Dichiarazione nutrizionale in etichetta: quali i prodotti esentati dall’obbligo? Risponde l’avvocato Dario Dongo

kiwi frutta

Dal 14 dicembre 2016 diventerà obbligatoria la tabella nutrizionale per i prodotti preconfezionati. In base a quanto si evince dall’allegato V del Reg.(CE) 1169/11, i prodotti della IV gamma e la frutta possono essere considerati esenti da obbligo di inserire in etichetta i valori nutrizionali? In un vostro articolo di un paio di anni fa, per i prodotti della IV e delle V gamma, vi …

Continua »

Esenzione delle imprese artigiane dalla tabella nutrizionale: chiarimenti nella circolare dei Ministeri dello Sviluppo Economico e della Salute

A partire dal prossimo 14 dicembre le etichette dei prodotti alimentari dovranno venire integrate con un’apposita dichiarazione nutrizionale. La notizia non é nuova (ne scrivemmo il giorno stesso della pubblicazione del regolamento UE 1169/11 (vedi ebook L’etichetta), ma continua a preoccupare molti piccoli operatori i quali, fino ad oggi, non hanno avuto la tranquillità di venire effettivamente esclusi da tale obbligo. …

Continua »

Paese che vai ricetta che trovi. Un’indagine europea rivela come cambiano i valori nutrizionali dei singoli prodotti da un paese all’altro

Paese che vai, ricetta che trovi. Si potrebbero riassumere così i risultati di una ricerca dell’associazione europea dei consumatori BEUC, condotta con la collaborazione delle associazioni nazionali che ne fanno parte (Altroconsumo per l’Italia). L’organizzazione ha esaminato i valori nutrizionali di nove prodotti, acquistati nei supermercati di 17 paesi europei. Le tipologie di prodotto incluse nell’indagine sono state scelte in …

Continua »

Calorie degli alcolici: è scontro sull’indicazione in etichetta tra i produttori di birra e quelli di superalcolici. I prodotti sono troppo diversi tra loro

L’associazione dei produttori europei di birra, la Brewers of Europe, ha annunciato l’inserimento volontario dell’indicazione degli ingredienti e dei valori nutrizionali sulle etichette delle birre, per dimostrare che contengono meno calorie del vino e dei superalcolici.   Una tabella pubblicata dall’associazione indica che 100 millilitri di whisky hanno 245 kcal, mentre la stessa quantità di vino rosso ne ha 96, il vino …

Continua »

Frutta secca: come indicare gli allergeni e i valori nutrizionali in etichetta. Risponde Dario Dongo

Mi occupo di controllo qualità per un’azienda di torrefazione e refrigerazione di frutta che commercializza differenti mandorle (in guscio, tostate, sgusciate e/o tostate, pelate e salate), fichi tostati con cioccolato, praline al cioccolato con mandorla o nocciola e vorrei sapere quando e cosa cosa bisogna scrivere sulle etichette  per quanto attiene le informazioni nutrizionali per evitare errori. Giuseppe Cursano   …

Continua »

Calorie sui menu? Negli USA il 57% dei consumatori le legge con attenzione e si fa guidare nelle scelte

Restaurant Food Menu Design with Chalkboard Background

L’indicazione delle calorie sui menu è oggetto di discussioni e di studi da anni, ma un rapporto pubblicato dai Centers for Diseases Control di Atlanta sulla rivista ufficiale Morbidity and Mortality Weekly Report, sembra dire una parola definitiva sulla questione. Le informazioni vengono lette e, anche se imprecise, possono contribuire all’educazione alimentare e condizionare le scelte dei clienti dei ristoranti. …

Continua »

Pubblicità e bambini: gli spot alterano profondamente la consapevolezza sui valori nutrizionali dei cibi e fidelizzano i piccoli al marchio grazie a escamotage e furberie

bambini leggere

I bambini piccoli ignorano gli intenti seduttivi degli spot pubblicitari e ne subiscono il fascino a qualsiasi età soprattutto se la proposta viene da personaggi riconosciuti, quali I Puffi, gli eroi di Star Wars o Gli Incredibili, utilizzati dalle aziende per fidelizzare il bambino al marchio (brand loyalty). È quanto emerge da uno studio condotto dai ricercatori della facoltà di …

Continua »

Cibi light: l’associazione inglese dei consumatori sbugiarda le etichette. Troppe ambiguità

dieta scelta salute obesità

Che cosa acquistiamo (e mangiamo) quando scegliamo i prodotti light, low fat o gli alimenti presentati come più sani e meno calorici? La domanda è stata oggetto di indagini e inchieste che non di rado hanno sbugiardato etichette e pubblicità poco veritiere. Nonostante ciò alcune aziende perseverano nel tentativo – più o meno evidente – di ingannare i clienti. Questa …

Continua »

Carne bio: quanto è sicura e migliore? Qual è l`impatto ambientale? Gli aspetti positivi e i limiti di un prodotto ancora poco diffuso

La gente compra bio perché non vuole trovare nel piatto una quantità esagerata di residui chimici, perché si preoccupa giustamente dell’impatto ambientale.  In realtà sulle effettive caratteristiche nutrizionali, ambientali e sulla sicurezza delle carni biologiche si sa ancora poco. Ma ora un libro scritto a più mani da vari esperti del settore cerca di fare il punto della situazione della …

Continua »

Sotto il profilo nutrizionale, bio non è meglio. Lo sostiene uno studio danese

Cipolle, carote e patate coltivate secondo metodo biologico hanno lo stesso contenuto di polifenoli e antiossidanti contenuti negli ortaggi da agricoltura convenzionale. Sono le conclusioni di un nuovo studio del National Food Institute dell’Università tecnica della Danimarca, appena pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry.1 Secondo i sostenitori del “bio”, l’utilizzo di fertilizzanti e antiparassitari avrebbe un impatto negativo …

Continua »

Tutti pazzi per la mortadella. Ma i valori nutrizionali non sono affatto cambiati

Questo non è un post contro la golosa mortadella, ma sul modo con cui si riportano dati nutrizionali sui quotidiani e vari siti on line.   Lo spunto è un articolo pubblicato sul settimanale l’Espresso Food& Wine: Contrordine-medico: sì alla mortadella dove si dice che la mortadella “è spesso tenuta alla larga come tentazione pericolosa dai forzati della dieta. Eppure a …

Continua »