;
Home / Archivio dei Tag: tasse

Archivio dei Tag: tasse

La sugar tax funziona quando i consumatori sanno che è stata applicata una tassazione aggiuntiva

sugar tax bevande zuccherate

Molti paesi e città hanno adottato una cosiddetta sugar tax, cioè una forma di tassazione sugli zuccheri, soprattutto su quelli contenuti nelle bevande. Uno studio effettuato dai ricercatori dell’Università dell’Ohio e pubblicato su Psychological Science mette però in luce un aspetto finora poco considerato, ma decisivo. L’effettiva riduzione dei consumi dipende dalla presenza di una citazione esplicita della tassa sul …

Continua »

Tassazione dell’alcol, un mezzo efficace per ridurre i tumori legati al consumo

alcol, bevande alcoliche alcol birra 149465823

L’Europa è la zona del mondo con il più elevato consumo di alcol pro capite. Questo significa che è anche quella con il maggior numero di tumori associati al consumo. Si stima infatti che siano causati dall’alcol circa il 4,2% dei 4,8 milioni di nuovi casi annuali (dato del 2020) e che questi non si verifichino esclusivamente nei forti consumatori. …

Continua »

La National Food Strategy britannica: per un’alimentazione sana pesanti tasse su zucchero e sale

alimentazione salute dieta donna frutta kiwi veg Young african american girl eating green kiwi very happy pointing with hand and finger to the side

Se il Governo britannico dovesse recepire tutte le indicazioni contenute nelle quasi 300 pagine del rapporto National Food Strategy appena presentato da un panel indipendente di esperti incaricati nel 2019, nei prossimi anni l’alimentazione dei cittadini del Regno Unito potrebbe cambiare radicalmente. Il sistema alimentare attuale, infatti, è la causa diretta di non meno di 64 mila morti all’anno, costa 74 …

Continua »

Messico e zucchero: uno studio mostra che la soda tax ha aiutato a ridurre il consumo di bevande dolci

Profile of a young woman drinking with a red stripes straw from a glass filled with sugar cubes on blue background. Junk food, unhealthy diet, too much sugar on drinks, nutrition concept

Il Messico è stato il primo paese al mondo a introdurre una tassazione sulle bevande dolci, nel tentativo di arginare l’obesità e il diabete di tipo 2, che avevano raggiunto tassi allarmanti. Nel 2014 ha infatti varato una legge che fa aumentare di circa il 10% (1 peso per litro) il costo delle cosiddette soda, e ora inizia a valutarne …

Continua »

Sugar tax e etichette a semaforo: il 60% dei tedeschi favorevoli a interventi per migliorare l’alimentazione

Sugar tax tassa zucchero

Le iniziative pubbliche per migliorare la qualità delle abitudini alimentari, come le tasse sui cibi poco sani e l’obbligo di etichette nutrizionali, hanno successo solo se sono comprese e accettate dall’opinione pubblica. Per questo andrebbero programmate tenendo conto anche degli orientamenti dei consumatori. Questa regola generale può riservare sorprese, perché al contrario di ciò che si pensa, non di rado …

Continua »

Sugar tax nel mondo: a che punto sono le tasse sulle bevande zuccherate, paese per paese

A che punto siamo con la sugar tax nel mondo? La domanda se la pone il sito Food Navigator, che in un lungo articolo riassume le decisioni assunte da diversi paesi, Italia compresa, con orientamenti e scelte assai differenziati. Eccoli: Stati Uniti. Diversi stati e città hanno adottato una soda tax, cioè una tassazione limitata alle bevande dolci: Boulder, Albany, …

Continua »

Tassare la carne per combattere il cambiamento climatico: la proposta di una parlamentare britannica. L’articolo di Valori

Raw Red Lamb Chops

Introdurre una tassa sulla carne per combattere il cambiamento climatico: è la proposta controversa di una parlamentare britannica, sostenuta da un numero sempre maggiore di studi che dimostrano l’impatto ambientale dei diversi tipi di dieta e degli allevamenti intensivi. Ne parla un articolo di Corrado Fontana su Valori. Una tassa sul consumo di carne? Potrebbe essere il 2019 l’anno in …

Continua »

Lotta all’obesità: uno studio confronta tre possibili opzioni e indica nei sussidi ai cibi sani, per ridurne il prezzo, la politica più efficace

Alcuni economisti dell’Università inglese di Bath hanno condotto una ricerca, confrontando l’efficacia e la convenienza economica di tre opzioni volte a spostare le abitudini alimentari delle persone obese e in sovrappeso. Recenti studi indicano che l’obesità costa al servizio sanitario nazionale del Regno Unito 6,1 miliardi l’anno, cifra che nel 2030 potrebbe aumentare di altri due miliardi. Le opzioni alimentari …

Continua »

Obesità: il commissario Ue alla Salute favorevole a tasse su alcuni ingredienti e prodotti alimentari insalubri. L’atteggiamento della Commissione Ue sullo strumento è “molto positivo”

obesita sovrappeso hamburger junk food 106541056

Secondo il commissario europeo alla Salute, Vytenis Andriukaitis, la tassazione di alcuni ingredienti e prodotti alimentari può essere uno strumento “molto efficace” per affrontare alcuni problemi sanitari, compresa l’obesità. Il commissario lo ha detto prima dell’inizio dell’ultima riunione informale dei ministri europei della Salute, svoltasi a Malta, che in questo semestre ha la presidenza del Consiglio Ue. Sebbene la competenza …

Continua »

Il parlamento francese abbandona la tassa progressiva sull’olio di palma. Triplicata quella sulle bevande zuccherate

biossido di titanio

Il Parlamento francese ha abbandonato la tassa progressiva sull’olio di palma introdotta nel mese di gennaio 2016 dal Senato, durante la discussione della proposta di legge sulla biodiversità. La disposizione prevedeva una tassazione aggiuntiva per l’olio tropicale, con una lievitazione da 100 €/tonnellata sino a 300 nel 2017, per poi arrivare a 500 nel 2018, 700 nel 2019 e  900 …

Continua »

Tassa sulle bibite con troppo zucchero. L’imposta sarà applicata in Gran Bretagna alle aziende produttrici e non sul prezzo di vendita

Il Ministro delle finanze britannico, George Osborne, ha annunciato che dal 2018 entrerà in vigore una tassa sulle bibite con troppo zucchero. La tassa avrà due fasce: una per le bibite contenenti più di 5 grammi di zucchero per ogni 100 millilitri e l’altra per le bibite con più di 8 grammi di zucchero per ogni 100 millilitri. I succhi …

Continua »

La tassa sui cibi poco sani serve, anche se di pochi centesimi. Due studi spiegano le dinamiche delle scelte di acquisto delle fasce sociali più a rischio

Gli incentivi economici finalizzati all’acquisto di alimenti e bevande sane funzionano. Lo dimostrano due studi pubblicati in questi giorni, dai quali emerge che sia la fat tax (tassa sul grasso) entrata in vigore in Messico un paio di anni fa, sia una forma di incentivo  presente nel mercato statunitense, determinano in tempi breve un cambiamento sulle abitudini di acquisto favorendo …

Continua »

Tassa sulle bibite contro obesità e sovrappeso. La cattiva alimentazione in UK causa 70.000 morti ogni anno e una spesa di 6 miliardi di sterline

bibita

I danni associati a una cattiva alimentazione in Gran Bretagna causano 70.000 morti l’anno, e costano non meno di 6 miliardi di sterline. Per questo è giunto il momento, secondo un rapporto appena pubblicato dalla British Medical Association (Cibo per la mente, il significativo titolo), di introdurre un corpus organico di misure antiobesità. Tra queste, la più discussa e varie volte …

Continua »

Tassare il cibo spazzatura e incentivare frutta e verdura è efficace per promuovere un’alimentazione più sana. I risultati di uno studio dell’Oms

L’ufficio europeo dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha pubblicato uno studio su come i prezzi possono influenzare le abitudini a tavola e favorire una dieta più sana, riducendo i costi sociali e sanitari delle malattie correlate a un’alimentazione scorretta. La regione europea dell’Oms comprende 53 Paesi e le statistiche sulle malattie non trasmissibili indicano la necessità di politiche efficaci a favore …

Continua »

“Contributo alla salute pubblica”: il senato francese si pronuncia sull’aliquota iva delle bibite zuccherate e degli energy drink

Quando si parla di tassazione di tabacco, alcol e cibi nutrizionalmente poveri, sarebbe bene abbandonare l’espressione “fiscalità comportamentale”, che è inappropriata e andrebbe sostituita con quella di “contributo alla salute pubblica”. Si tratta di una modifica lessicale, che eliminerebbe un aspetto morale e colpevolizzante, e che dovrebbe essere accompagnata da una chiara evidenza, sinora mancante, del legame tra questo contributo …

Continua »