Home / Archivio dei Tag: SUPERMERCATI (pagina 9)

Archivio dei Tag: SUPERMERCATI

Fare la spesa a Firenze: grazie alla competizione tra i supermercati Coop ed Esselunga i prezzi si riducono

Firenze è una delle città dove con più tenacia le due principali catene di supermercati italiane, Esselunga e Coop, si danno battaglia sui listini. La guerra sui prezzi, avviata ormai da tempo, continua a tutto vantaggio dei consumatori che grazie a questa concorrenza trovano prezzi decisamente convenienti.   Anche quest’anno, secondo la classifica pubblicata in questi giorni da Altroconsumo, la …

Continua »

A Roma la spesa da Leclerc Conad, DOC e Panorama costa meno. La classifica di Altroconsumo con i migliori supermercati

A Roma, secondo la classifica dei supermercati più convenienti pubblicata in questi giorni da Altroconsumo, il primo posto del risparmio spetta all’ipermercato Leclerc Conad di via Arola. Si tratta del punto vendita meno caro, selezionato tra gli oltre 60 visitati dai rilevatori della rivista (vedi tabella).   In seconda e terza posizione troviamo due supermercati DOC, uno in via Barbato …

Continua »

Inchiesta di Altroconsumo in 950 supermercati di 61 città. Negli hard discount si risparmiano oltre 3.000 euro l’anno

La spesa media di una famiglia italiana assorbe il 20% circa del bilancio annuale, ma  secondo un’indagine condotta da Altroconsumo in 61 città si possono risparmiare fino a 1.500 euro, che lievitano a 3.500 se si evitano i prodotti di marca.   La rivista ha monitorato quasi 900.000 prezzi in 950 punti vendita (162 ipermercati, 603 supermercati, 185 hard discount). …

Continua »

Sacchetti di plastica -20%. Lo rivela un’indagine di Assobioplastiche sul modo di fare la spesa degli italiani

Da quando il 1 gennaio 2012 è entrata concretamente in vigore la norma che vieta il commercio dei sacchetti di plastica in polietilene non riciclabili, l’uso delle shopper tradizionali è diminuito del 20% circa. È uno dei dati emersi dal sondaggio commissionato da Assobioplastiche all’Istituto per gli studi sulla pubblica opinione (IPSO), sul tipo di borsa o contenitore che usano …

Continua »

Inghilterra: i succhi di arancia Tropicana per bambini contengono solo acqua inquinata. Scatta l`allerta e il ritiro

La società PepsiCo in Inghilterra ha richiamato 277 lotti di succo d’arancia per bambini con il marchio Tropicana, perchè non contengono succo ma solo acqua. Ma l’aspetto tragicomico della situazione è che l’acqua non è potabile avendo un’elevata carica microbica.  PepsiCo ha informato subito le autorità sanitarie inglesi (Food standard agency), ha diramato un comunicato stampa e ha pubblicato l’avviso …

Continua »

Uova di Pasqua: i prezzi e le offerte nei supermercati di Milano, sconti fino al 61%. Il listino astronomico di Kinder Ferrero

Quanto costa un uovo di Pasqua? Rispondere non è facile, anche dopo avere ottenuto i prezzi in 5 catene di supermercati e ipermercati due giorni fa, come hanno fatto gli intervistatori di Klikkapromo.it. I listini oscillano da 8 €/kg sino a dieci volte di più. L’aspetto paradossale è che l’uovo più caro esposto sugli scaffali è anche il più piccolo. …

Continua »

Allerta prodotti: il Ministero della salute risponde alla nostra richiesta di conoscere l`elenco degli alimenti ritirati dagli scaffali

Due settimane fa ilfattoalimentare.it ha inviato una lettera aperta alle catene di supermercati: Esselunga, Coop, Conad, Auchan, Carrefour, Sigma e Interdis e al Ministero della salute chiedendo il perchè non viene divulgata la lista delle centinaia di prodotti alimentari ritirati dal mercato. Venerdì 9 marzo è arrivata una prima risposta del Ministero della salute, adesso aspettiamo quelle dei supermercati.   …

Continua »

Supermercati: il Senato approva la norma su pagamenti e pratiche scorrette, ecco le novità

 Ieri sera la Commissione referente Industria del Senato ha dato il via libera, con alcune lievi modifiche, all’articolo 62.100 del decreto-liberalizzazioni (vedi allegato), che introduce termini di pagamento precisi nei contratti tra supermercati e produttori di derrate alimentari e vieta alcune pratiche commerciali inique. Vediamo di che si tratta.   A questo punto, dopo avere definito le altre parti del …

Continua »

C`è un insetto nel piatto: come si comportano le aziende e i supermercati dopo le segnalazioni dei consumatori

Pezzetti di vetro e di plastica, insetti, frammenti di metallo, sassolini, a volte anche code di topo e lamette… Sono alcuni degli oggetti che ogni tanto i consumatori trovano nelle confezioni dei prodotti alimentari. Certo la sorpresa è sgradevole e spesso la foto del corpo del reato finisce sulle pagine dei giornali, tuttavia la storia si ripete regolarmente in varie …

Continua »

Sicurezza alimentare: 1.000 prodotti ritirati ogni anno dal mercato, perché supermercati e ministero non mettono in rete l`elenco?

Lettera aperta al ministero della Salute e alle catene di supermercati Ogni anno una catena di supermercati italiana di grandi dimensioni ritira dagli scaffali 400/500 prodotti alimentari. I motivi sono i più disparati: data di scadenza poco leggibile, problemi rilevati dall’azienda in fase di produzione, imperfetta chiusura della confezione, diciture errate, presenza di corpi estranei…   Le segnalazioni arrivano dal …

Continua »

Supermercati: le nuove regole sui contratti non vanno applicate a Barilla, Ferrero, Nestlè, Coca Cola e Kraft. Intervista a Tassinari Coop Italia

  Il decreto del ministro delle Politiche agricole e forestali Mario Catania sull’abrogazione delle clausole vessatorie presenti nei contratti stipulati tra i supermercati e le aziende agro-alimentari infiamma il dibattito. Gli argomenti del decreto prevedono per le grandi catene il rispetto dei tempi di pagamento delle fatture ( entro 30 o 60 giorni), e numerosi vincoli su promozioni e altri …

Continua »

Supermercati e pagamenti: in Italia i tempi sono lunghi e abbondano le pratiche commerciali scorrette. Il rapporto europeo

Il decreto-liberalizzazioni, come spiegato su Ilfattoalimentare.it, ha introdotto un termine inderogabile per il pagamento dei prodotti agricoli e alimentari: 30 giorni per le merci deperibili, 60 giorni per tutte le altre. Questa regola è in vigore dal 24 gennaio 2012 e la grande gistribuzione già protesta. Ma perché proprio in Italia serve una normativa di questo tipo? Il 26 febbraio …

Continua »

Supermercati e GDO: le pratiche commerciali scorrette che strozzano i produttori: alcuni esempi da una tesi di laurea

Ilfattoalimentare ha già dedicato  idue articoli al “decreto liberalizzazioni”, che definisce i termini inderogabili di pagamento dei prodotti agricoli e alimentari (30, 60 giorni) e vieta  una serie di pratiche commerciali manifestamente scorrette che la GDO è solita imporre ai fornitori. Uno  studente dello IULM di Milano, Arnaldo Santi, ha voluto condividere un capitolo della sua tesi di laurea dedicato …

Continua »

Walmart: svolta salutista per la più importante catena di distribuzione statunitense, nasce l`etichetta "Great for you"

Walmart, prima catena di distribuzione statunitense, ha adottato la nuova etichetta Great for You, che segnala i prodotti più genuini. La svolta salutista dell’azienda ha origine da quello che si può considerare il segreto del suo successo: la capacità di capire cosa succede nel paese, recepire le tendenze e riuscire a trasformarle in realtà quotidiana prima degli altri. Negli Stati …

Continua »

Nuove regole tra supermercati e produttori della filiera agricola.Dal 24 gennaio 2012 pagamenti a 60 o 30 giorni

Aggiornamento  17 ottobre 2012 Il fatto alimentare pubblicherà tra pochi giorni un libro che esamina con precisione la nuova normativa e fornisce chiarimenti .   Il 24 gennaio è entrato in vigore il decreto-legge n°1/2012 che obbliga i supermercati a pagare i produttori entro 60 giorni dalla data di consegna delle derrate agro-alimentari (30 per i prodotti deperibili) o dalla …

Continua »