Home / Supermercato / Condizioni igieniche insoddisfacenti per quasi il 5% dei supermercati di Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord. Tesco è il peggiore

Condizioni igieniche insoddisfacenti per quasi il 5% dei supermercati di Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord. Tesco è il peggiore

Tesco

In Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord, le ispezioni sull’igiene dei locali e degli alimenti, effettuate tra il 2012 e il 2013 in 11.106 supermercati, hanno rilevato 510 casi (4,6%) in cui le condizioni igieniche non erano soddisfacenti.

Questi supermercati hanno ricevuto un rating di 1 o 2, su una scala compresa tra 0 e 5. I dati, di cui riferisce il quotidiano Daily Mail, sono stati pubblicati dal Sun, accessibile a pagamento, e sono reperibili sul sito della Food Standars Agency.

Waitrose-007
Ottimi risultati per Waitrose e Lidl: nessuna insufficienza durante le ispezioni

Delle sette grandi catene di supermercati, il maggior numero di insufficienze è stato riscontrato nei negozi di Tesco, con 29 casi su 1.798 ispezioni. Condizioni d’igiene insufficienti sono state riscontrate anche in alcuni supermercati di Asda, Sainsbury’s, Morrisons e Aldi, mentre tutte le ispezioni dei negozi di Waitrose e Lidl hanno dato esito positivo. La valutazione igienica delle attività commerciali che trattano alimenti – denominata “Food Hygiene Rating Scheme” in Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord, e “Food Hygiene Information Scheme” in Scozia – è stata introdotta in Gran Bretagna nel novembre 2010 ed è affidata alle autorità locali, in collaborazione con la Food Standards Agency, che pubblica sul proprio sito la valutazione di tutte le ispezioni, anche di coloro che decidono di non esporre al pubblico, con un cartello all’entrata, la valutazione ricevuta. Lo scorso novembre, il Galles ha deciso di rendere obbligatoria l’esposizione di questo cartello.

© Riproduzione riservata

foto: istockphotos.com

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Conad compra i supermercati Auchan e Simply e passa da 3200 a 4800 punti vendita in Italia

Conad, che in Italia rappresenta la più ampia organizzazione di imprenditori indipendenti del commercio al …