Home / Archivio dei Tag: sfruttamento

Archivio dei Tag: sfruttamento

Caporalato e pomodori: un aumento di soli 5 centesimi a scatoletta potrebbe fare la differenza

pomodori passata

Spesso si parla di caporalato, delle condizioni di lavoro dei tanti braccianti che lavorano, sfruttati e sottopagati in alcune aree del Sud e del reddito equo agli agricoltori. Sono argomenti legati alla raccolta di molti vegetali, ma in particolare del pomodoro a cui spesso associamo l’immagine dei migranti chini sui campi, visto che si tratta di uno dei prodotti simbolo …

Continua »

Pagare il giusto prezzo per cibo e bevande per fermare lo sfruttamento dei lavoratori agricoli: la richiesta di Oxfam ai supermercati italiani

al giusto prezzo petizione oxfam lavoratori agricoli diritti

Con le loro politiche, le catene di supermercati e discount sono in grado di tenere bassi – o addirittura bassissimi – i prezzi del cibo, alimentando pratiche di sfruttamento dei lavoratori. Lo dimostrano il caso delle 20 milioni di bottiglie di passata di pomodoro acquistate da Eurospin sottocosto, grazie a un’asta al doppio ribasso. Allo stesso modo, il discount si …

Continua »

La scarsa trasparenza della filiera agricola alimenta il caporalato. Dossier delle associazioni Oxfam Italia e Terra!

La legge del 2016 contro il caporalato ha rappresentato “un atto di civiltà” e ha consentito all’Italia di compiere un importante passo avanti nel contrasto dei fenomeni di sfruttamento del lavoro in agricoltura, introducendo misure come le sanzioni ai datori di lavoro, la confisca dei beni, forme di protezione per le vittime e ispezioni sul luogo di lavoro. Ora, però, …

Continua »

Primo sì del Senato al disegno di legge contro il caporalato in agricoltura. In caso di sfruttamento è previsto il sequestro o il commissariamento dell’azienda

campo contadini

Il Senato ha approvato in prima lettura il disegno di legge sul contrasto ai fenomeni del lavoro nero e dello sfruttamento del lavoro in agricoltura, cioè il caporalato, che ora passa alla Camera. Il provvedimento riscrive il reato di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, prevedendo la responsabilità diretta del datore di lavoro, semplifica la definizione degli indici di sfruttamento …

Continua »

L’olio di palma mette a rischio la reputazione di Starbucks. Trecentomila firme su una petizione che chiede di tagliare ogni legame con la deforestazione

La reputazione come azienda socialmente responsabile, che il colosso delle caffetterie Starbucks si è costruito negli anni, rischia di essere incrinata dalla questione dell’olio di palma. La vicenda riguarda l’olio importato dal Sud-Est asiatico, che questa estate è stato teatro di migliaia di incendi, per la maggior parte di natura dolosa,  mirati a distruggere le torbiere, per far posto alle …

Continua »

Schiavitù nel settore dei gamberetti in Thailandia, inchiesta dell’Associated Press. I supermercati italiani non fanno i nomi dei loro distributori thailandesi

L’Associated Press ha pubblicato una lunga inchiesta sulla moderna schiavitù, anche infantile, nei confronti dei  lavoratori immigrati da Birmania, Laos e Cambogia in Thailandia, che operano  nel settore della pesca e lavorazione dei gamberetti. Persone private del nome sostituito con un numero, costrette a lavorare sedici ore con le mani nell’acqua, sottoposte a violenze e intimidazioni quotidiane e a vivere …

Continua »

Nestlé accerta violazioni dei diritti umani tra i fornitori di frutti di mare che operano in Thailandia

pesca barca

In Thailandia, immigrati in stato di povertà, provenienti soprattutto da Cambogia e Birmania, sono venduti o attratti da false promesse e costretti a pescare e lavorare i frutti di mare che finiscono nella catena di fornitura di Nestlé, in particolare nelle pappe per cani e gatti della linea Purina, contenti gamberi e gamberetti. È stata la stessa multinazionale svizzera a …

Continua »

Olio di palma: traffico di esseri umani, violenze e abusi in Malesia. Il prodotto arriva a Nestlé e Procter & Gamble

Seed of oil palm

Un’inchiesta del Wall Street Journal denuncia gli abusi a cui sono sottoposti i migranti, in particolare del Bangladesh e di Myanmar (Birmania), che vengono portati a lavorare nelle piantagioni di palma da olio in Malesia. È stata ricostruita la vicenda del ventiduenne Mohammad Rubel, che dallo scorso dicembre, quando è arrivato dal Bangladesh attraverso l’intermediazione di trafficanti di esseri umani, ha …

Continua »

Olio di palma: i media ne parlano sempre di più e i consumatori fanno pressione. Le aziende modificano le loro politiche e le rendono più sostenibili

Foreste distrutte, animali massacrati, pericoli per il clima e scarsa tutela per i lavoratori. Questa volta è l’Huffington post a denunciare, con un lungo articolo, i rischi connessi alle coltivazioni intensive di palma da olio. Partendo dalla storia di Kesi, un cucciolo di orango che vive in Borneo, mutilato dai bracconieri che avevano ucciso la madre tentando di allontanarla dal …

Continua »

Prodotti con olio di palma: “al massimo una volta al giorno, e non tutti i giorni”. Lo diceva il Cra-Nut ex Inran pochi mesi fa

olio di palma latte artificiale

Da più parti veniamo accusati di voler demonizzare l’olio di palma. In questi giorni sono arrivati appelli contro il nostro operato anche dalla Malesia, mentre dalla Nigeria hanno addirittura inviato una lettera Matteo Renzi per perorare la causa del grasso tropicale rivolgendo accuse a noi, Coldiretti, Altroconsumo e il Movimento 5 stelle. Si insinua che il nostro sia un attacco …

Continua »

La rapina delle terre è più grave dove i governi sono deboli e corrotti: lo dimostra una nuova analisi di Oxfam

filo-spinato

Una nuova analisi pubblicata da Oxfam (Oxford Commitee for Famine Relief, confederazione di 17 Ong) dimostra che chi compra e vende la terra su ampia scala preferisce investire dove i governi sono più deboli. Per questo Oxfam lancia oggi il “No Land Grab Day” con azioni in tutto il mondo volte a chiedere alla Banca Mondiale di assumersi la responsabilità …

Continua »

Acquacoltura sostenibile: il nuovo rapporto del Worldwatch Institute indica le regole da seguire per nutrire il pianeta

Quasi la metà dei prodotti ittici disponibili sul mercato globale proviene da allevamenti. Questo metodo di produzione è soggetto a varie critiche e associato all’inquinamento e alla degradazione dell’habitat  acquatico. Eppure, secondo un recente rapporto del Worldwatch Institute, lo sviluppo dell’acquacoltura sostenibile rappresenta una delle migliori risposte alla crescente esigenza di produrre il cibo di cui il pianeta ha sempre …

Continua »

ONU, bisogna proteggere anche i produttori per garantire il diritto al cibo

Il Relatore speciale sul diritto all’alimentazione, Oliver De Schutter (nominato a marzo 2008 dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite), indica l’esigenza di controllare lo strapotere di intermediari e grande distribuzione per garantire i diritti dei popoli al cibo e a condizioni di vita adeguate. Nel recente rapporto Addressing concentrations in food supply chains [The Role of Competition …

Continua »

Land-grabbing in Africa occidentale: la Liberia fa gola ai produttori asiatici olio di palma

olio di palma Palm Oil Plantation.

I cittadini della Liberia – nazione già tristemente nota per l’impiego dei soldati-bambino nella guerra fratricida degli anni ’80-’90 – stanno protestando contro la società malese Sime Darby che, dopo aver negoziato un accordo con il governo locale per sfruttare le loro terre, impone ai lavoratori condizioni di lavoro disumane. Il governo della Liberia e la Sime Darby company hanno …

Continua »