Home / Archivio dei Tag: PUBBLICITA (pagina 4)

Archivio dei Tag: PUBBLICITA

Francia, i deputati votano contro la pubblicità nei programmi per bambini di France Television. L’emendamento è degli ecologisti ma il governo non si arrende

In Francia, l’Assemblea nazionale, nonostante il parere contrario del governo e approfittando delle numerose assenze tra i banchi dei deputati di destra e di sinistra, tutti contrari, ha approvato una norma proposta dai parlamentari ecologisti che dal primo gennaio 2.018 vieta la pubblicità nei programmi per bambini di meno di 12 anni diffusi dalla rete pubblica France Television, compresi i …

Continua »

Olio di palma: un milione di euro è la cifra stanziata dall’industria alimentare contro la nostra petizione. La raccolta continua, siamo a 160 mila!

Olio di palma: nessuno avrebbe immaginato che le aziende dolciarie avrebbero speso 1 milione di euro per contrastare la petizione promossa da Il Fatto Alimentare insieme a Great Italian Food Trade su Change.org . Cercare di nobilitare un grasso tropicale che sino a pochi mesi veniva abilmente nascosto dall’elenco degli ingredienti essendo considerato di pessima qualità  per la salute e devastante per l’ambiente …

Continua »

La pubblicità dell’olio di palma su La Repubblica, Corriere della sera, La Stampa è ingannevole. Richiesta censura immediata all’Antitrust

Aidepi (associazione industriale che raccoglie marchi come Ferrero, Mulino Bianco, Bauli, Nestlé…) da 3 settimane pubblica su Il Corriere della sera, La Repubblica, La Stampa e altri quotidiani locali come Il Resto del Carlino, La Sicilia, Il secolo XIX, pagine per sostenere l’impiego dell’olio di palma nei prodotti alimentari italiani. Si tratta di un investimento vicino a 500 mila euro …

Continua »

Come se dimagrire fosse facile. La pubblicità di Green Coffee è stata giudicata contraria al Codice di Autodisciplina

La pubblicità dedicata a Green Coffee 400 hot and cold, un integratore pensato per dimagrire, è stato giudicato contrario agli articoli  2 – Comunicazione commerciale ingannevole – e 23 bis – Integratori alimentari e prodotti dietetici – del Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale. Il testo del messaggio  “Sovrappeso? Il gusto nuovo della linea!”, rilevato sulla rivista “F” in data …

Continua »

Bevande zuccherate, i produttori portano in tribunale la città di San Francisco: contestate le ordinanze che impongono di evidenziarne i rischi sulle pubblicità

bevande zuccherate bibite senza zucchero gassate cola bevanda 181397947

L’American Beverage Association ha citato in tribunale la città e la contea di San Francisco affinché vengano annullati i due regolamenti che dispongono che nelle pubblicità delle bevande zuccherate debba essere inclusa un’avvertenza sui loro rischi per la salute. I produttori contestano la violazione dei diritto costituzionale alla libertà di parola e l’imposizione di un punto di vista ufficiale, che …

Continua »

Uliveto e Rocchetta sono “acque della salute”? Il Ministero dopo 16 mesi dice che non lo sa! Ma autorizza slogan terribili come “depurati anche l’anima” e “pulite dentro belle fuori”

La pubblicità ingannevole dell’acqua minerale Uliveto e Rocchetta è arrivata in parlamento 16 mesi fa sotto forma di interrogazione al Ministero della salute su richiesta del deputato del Movimento 5 Stelle Giuseppe L’Abbate. L’interrogazione ha ricevuto una risposta pochi giorni fa. Questa è la prima notizia. La seconda è che  nella “nessun messaggio pubblicitario contenente qualità salutistiche di un’acqua minerale può essere divulgato …

Continua »

La pubblicità che offende la donna e lede la lealtà della comunicazione commerciale. Il Galletto di Barletta ha esagerato

La pubblicità del Galletto di Barletta è ingannevole: è questa la decisione del Presidente del Comitato di controllo del Giurì nei confronti di un manifesto utilizzato da un servizio commerciale specializzato nel pollo alla brace. Il cartellone, affisso nella città di Barletta lo scorso maggio (vedi  foto), è stato ritenuto contrario agli articoli 1-9-10 del Codice di Autodisciplina. Il messaggio viola …

Continua »

Richiesta di marchette da Londra ma anche da Milano, il vecchio sistema del publiredazionale a pagamento funziona sempre ed e un buon requisito per avere contratti pubblicitari

Oggi abbiamo ricevuto una mail da un’agenzia che ha sede a Londra in cui ci viene chiesto (**) se siamo disposti a pubblicare alcuni editoriali scritti da noi che parlano o menzionano un’azienda loro cliente. Nel gergo giornalistico questo tipo di servizio viene definito “marchetta”, perché si tratta di un’operazione a pagamento, ed è un tipo di articoli che si …

Continua »

Modelle nude che fingono di vendemmiare: così l’azienda russa Simple pubblicizza il vino friulano

Come promuovere il vino friulano all’estero? La Simple, società leader nell’esportazione di vini italiani in Russia, ha scelto di farlo con un video che ha scatenato diverse polemiche: per tre minuti scorrono le immagini di quattro modelle nude incoronate di grappoli e pampini, che si accarezzano e fingono di vendemmiare sullo sfondo di una vigna e di una villa italiana. …

Continua »

Altroconsumo consente l’uso dei risultati dei test comparativi a scopo pubblicitario, ma solo dietro licenza.Ecco la nuova etichetta di riconoscimento

Altroconsumo ha deciso di scendere in campo e d’ora in poi i prodotti che hanno meritato nei test comparativi il giudizio di “Miglior acquisto o di “Migliore del test” potranno riportare sulle confezioni   dei prodotti e negli spot pubblicitari un’etichetta speciale. Ad esempio, Unes che da tre anni si posizione in cima alla classifica dei supermercati più convenienti con un …

Continua »

Bambini e pubblicità: nessun miglioramento sulla salute. Negli USA le aziende fanno ancora troppo poco e non esiste una regolamentazione efficace

I progressi nelle pubblicità del cibo per bambini si sono dimostrati troppo esigui per avere effetti sulla salute pubblica. È quanto emerge da una ricerca pubblicata sull’American Journal of Preventive Medicine. Comparando spot precedenti al 2007 con altri relativi al 2013, gli autori dello studio (Università di Arizona e Pennsylvania) hanno notato che i miglioramenti sono stati quasi trascurabili. «Di fronte alla …

Continua »

Lotta all’obesità: le iniziative utili e quelle meno efficaci: divieti, obblighi o infrastrutture? L’elenco delle migliori soluzioni

obesita sovrappeso dieta sport

Vietare le pubblicità del junk food, limitare le vendite delle bibite dolci, investire nel trasporto pubblico e nel verde urbano, puntare sulle etichette e i semafori. Cosa, tra i provvedimenti “naturali”, che non intervengono direttamente sulla composizione della dieta aiuta le persone a non ingrassare? In che modo sono stati condotti gli studi per convalidare i vari tipi di  approccio? …

Continua »

YouTube Kids di Google è sotto accusa negli Usa per pubblicità occulta: si cerca di trarre vantaggio dalla vulnerabilità dei bambini

Diverse associazioni di consumatori e di tutela dei bambini statunitensi hanno presentato un esposto alla Federale Trade Commission, chiedendo l’apertura di un’inchiesta per pratiche sleali e ingannevoli nei confronti di Google, in relazione alla sua nuova applicazione telefonica YouTube Kids, lanciata lo scorso 23 febbraio. Le associazioni denunciano l’elevato utilizzo di pubblicità non dichiarata, attraverso l’inserimento di prodotti a fini …

Continua »

Il bambino preferisce l’Happy Meal alla pizza, ma l’hamburger di McDonald’s è preparato con anteriore di carne di vacca. Un taglio di mediocre qualità, e la catena di fast food cosa dice?

Lo spot del bambino che preferisce l’Happy Meal di McDonald’s alla pizza ha varcato i confini arrivando sulle pagine dei giornali inglesi. Dopo la richiesta di censura all’Istituto di autodisciplina Pubblicitaria e all’Antitrust un’associazione di pizzaioli ha inviato un esposto all’Agcom e oggi anche su Change.org Alfonso Pecoraro Scanio ha avviato una petizione contro la pubblicità di zio Mac. In …

Continua »

Fast food: tutti i segreti del marketing alimentare per incantare i bambini. McDonald’s punta sui più piccoli e in questo modo favorisce obesità e problemi di salute

Nel 2004 il 33enne Morgan Spurlock, con il progetto “Super size me“, sperimentò su di sé l’effetto di una dieta esclusiva in fast food. Dopo avere consumato per 30 giorni colazione, pranzo e cena nei locali della catena McDonald’s il suo peso aumentò di 11 kg con diversi disturbi fisici. Si tratta di un caso atipico che non fa testo dal …

Continua »