Home / Archivio dei Tag: Oxfam

Archivio dei Tag: Oxfam

Pagare il giusto prezzo per cibo e bevande per fermare lo sfruttamento dei lavoratori agricoli: la richiesta di Oxfam ai supermercati italiani

al giusto prezzo petizione oxfam lavoratori agricoli diritti

Con le loro politiche, le catene di supermercati e discount sono in grado di tenere bassi – o addirittura bassissimi – i prezzi del cibo, alimentando pratiche di sfruttamento dei lavoratori. Lo dimostrano il caso delle 20 milioni di bottiglie di passata di pomodoro acquistate da Eurospin sottocosto, grazie a un’asta al doppio ribasso. Allo stesso modo, il discount si …

Continua »

La scarsa trasparenza della filiera agricola alimenta il caporalato. Dossier delle associazioni Oxfam Italia e Terra!

La legge del 2016 contro il caporalato ha rappresentato “un atto di civiltà” e ha consentito all’Italia di compiere un importante passo avanti nel contrasto dei fenomeni di sfruttamento del lavoro in agricoltura, introducendo misure come le sanzioni ai datori di lavoro, la confisca dei beni, forme di protezione per le vittime e ispezioni sul luogo di lavoro. Ora, però, …

Continua »

Multinazionali del cibo: identikit delle 10 aziende che governano il mondo dell’alimentazione su: lavoro, trasparenza, ambiente, acqua…

oxfam-scopri1

L’impatto dell’industria agroalimentare non riguarda solo le scelte nutrizionali e la salute dei consumatori. In ballo ci sono anche gli effetti sull’ambiente e sulle condizioni di vita dei lavoratori del settore, che non sono pochi: oltre un miliardo di persone nel mondo, circa un terzo della forza lavoro globale. Proprio su questi aspetti si era concentrato lo studio Scopri il …

Continua »

Expo quanto mi costi? Affitti milionari e biglietti da 32 euro mettono a rischio le iniziative delle organizzazioni no profit alla cascina Triulza

Il Fatto Alimentare ha già evidenziato i costi astronomici che comporta l’affitto degli spazi all’interno di Expo 2015. Si tratta  di cifre esagerate  (leggi articolo) anche per le realtà industriali più consolidate. Lavazza ha pagato 1 milione per 85 mq, San Pellegrino 1,15 milioni per 100 mq oltre al versamento dell8% sulle vendite dei prodotti! L’altro aspetto su cui vale …

Continua »

PepsiCo dice no al land grabbing e si impegna contro l’accaparramento delle terre nelle proprie filiere

PepsiCo, la seconda più grande azienda di food & beverage al mondo, il 18 marzo ha annunciato di volersi impegnare per fermare l’accaparramento di terre (land grabbing) nella propria filiera produttiva. L’annuncio arriva dopo che oltre 272.000 consumatori avevano firmato l’appello e preso parte a iniziative organizzate dalla campagna “Scopri il marchio” volta a convincere i colossi dell’alimentare a rispettare i …

Continua »

Summit G8 a Dublino: la società civile chiede lo stop alla rapina delle terre in Africa e alla malnutrizione

campo agricoltura

Il 17-18 giugno si tiene a Dublino la riunione dei G8, gli Stati che un tempo rappresentavano le prime potenze globali ormai messe in ombra dalle economie emergenti, BRICS in testa. L’illusione rimane quella di convergere su politiche internazionali utili al progresso del pianeta,  anche se negli ultimi anni le chiacchiere hanno di gran lunga superato le azioni, di fatto …

Continua »

Il dramma del Messico: assediato da soft drink, cibo spazzatura e alle prese con un’epidemia di diabete. Di chi è la colpa?

bere messico

Messico e nuvole, cantavano Enzo Jannacci, Paolo Conte e Lucio Dalla. Oggi, è proprio il caso di urlare Messico e bibite: il paese si aggiudica il primo posto al mondo per consumi di bibite zuccherate e gassate con 180 litri all’anno pro-capite, seguito dagli USA con 118 litri a testa. Apporti eccessivi di zuccheri semplici, diete squilibrate e stili di …

Continua »

Donne e cioccolato, un’amara realtà. Oxfam denuncia lo sfruttamento delle lavoratrici da parte delle tre multinazionali del cacao

Oxfam donne e cacao Nigeria 1

Tre sole multinazionali – Mars, Nestlé e Mondelez-Milka-Côte d’Or – comprano un terzo del cacao del pianeta, senza tuttavia curarsi delle condizioni di vita delle donne che lo coltivano. Oxfam pubblica un rapporto e lancia una petizione, 60mila consumatori sottoscrivono, Nestlé e Mars prendono atto e assumono degli impegni per cambiare. Il cerino resta in mano alla Mondelez che ora …

Continua »

I biocombustibili si mangiano le risorse: nutrire le auto invece delle persone è un problema etico che non risolve l’inquinamento

Come per incanto, pannocchie e girasoli prendono il posto di benzina e gasolio. Dal campo alla strada, odore di frittura anziché di catrame. È tutto così “verde”, é tutto così “bio” – anzi, é tutto così F-A-L-S-O! I ministri europei ora devono scegleire se è meglio nutrire i bimbi affamati o saziare i SUV catalizzati? Action Aid! e Oxfam all’attacco. …

Continua »

Oxfam: ecco le pagelle sulle multinazionali alimentari riguardo ecologia, discriminazione, diritti

oxfam-scopri1

Il 26 febbraio Oxfam ha lanciato – in Italia e in Europa, Stati Uniti, Messico, Cina e Brasile – l’iniziativa “Scopri il Marchio“, per mettere a confronto le politiche sociali e ambientali delle multinazionali dell’alimentare. L’Ong ritiene che “le 10 Grandi Sorelle del cibo fanno ancora troppo poco per tutelare i produttori e il pianeta, ma i consumatori possono fare …

Continua »

Basta con la speculazione delle banche sulle materie prime alimentari. Oxfam lancia una campagna e i primi istituti cominciano a fare marcia indietro

grafici andamenti finanziari mondo

La finanza basata sui mercati delle commodities agricole specula sulla fame dei ceti meno abbienti. È quanto emerge con chiarezza in un recente rapporto di Oxfam France, non il primo ma forse il più efficace dei report in materia, visto che i primi gruppi bancari europei iniziano a ritirarsi dagli affari sporchi.   Negli ultimi dieci anni si é innescato …

Continua »

Ecologia, discriminazione, diritti: la pagella di Oxfam su cosa fanno le multinazionali alimentari per il pianeta

oxfam-scopri1

Il 26 febbraio Oxfam ha lanciato – in Italia e in Europa, Stati Uniti, Messico, Cina e Brasile – l’iniziativa “Scopri il Marchio“, per mettere a confronto le politiche sociali e ambientali delle multinazionali dell’alimentare. In breve l’Ong ritiene che “le 10 Grandi Sorelle del cibo fanno ancora troppo poco per tutelare i produttori e il pianeta, ma i consumatori …

Continua »

La rapina delle terre è più grave dove i governi sono deboli e corrotti: lo dimostra una nuova analisi di Oxfam

filo-spinato

Una nuova analisi pubblicata da Oxfam (Oxford Commitee for Famine Relief, confederazione di 17 Ong) dimostra che chi compra e vende la terra su ampia scala preferisce investire dove i governi sono più deboli. Per questo Oxfam lancia oggi il “No Land Grab Day” con azioni in tutto il mondo volte a chiedere alla Banca Mondiale di assumersi la responsabilità …

Continua »

Rapina delle terre. Oxfam promuove una petizione on line per fermare il land grabbing

La terra che negli ultimi 10 anni è stata sottratta ai suoi abitanti per essere venduta a investitori stranieri basterebbe a coltivare cibo per quel miliardo di esseri umani attualmente afflitto dalla fame. Lo dimostra Oxfam nel rapporto sul land-grabbing, la rapina delle terre, pubblicato oggi assieme al lancio di una petizione pubblica, affinché la Banca Mondiale sospenda gli investimenti …

Continua »

Sahel due milioni di persone muoiono di fame e gli aiuti stentano. La denuncia-appello delle Ong

 In Sahel due milioni di esseri umani stanno morendo di fame, altri 14 milioni sono a rischio. Ma il resto del mondo continua a far poco, troppo poco per impedire un’ulteriore catastrofe, dopo la tragedia umanitaria del 2011 in Corno d’Africa ancora parzialmente irrisolta. Unanime la denuncia-appello di quattro delle Ong impegnate sui territori. In Sahel l’emergenza è totale, i …

Continua »