Home / Archivio dei Tag: ministero salute (pagina 5)

Archivio dei Tag: ministero salute

Tutta la verità sul pesto senza botulino: Prometeus fa una sintesi della vicenda con i risvolti dell’allerta

Vi proponiamo un articolo firmato da Luca Bucchini e pubblicato oggi sul sito Prometeus promosso dall’Associazione nazionale biotecnologi italiani (Anbi), che spiega molto bene la storia del pesto al botulino, del perchè giustamente sia stata lanciata l’allerta, anche se le analisi successive hanno constatato che il pericolo sembra scongiurato.   Non c’era probabilmente nessuna tossina botulinica nel lotto di pesto …

Continua »

Niente botulino: gli esami dell’Istituto Superiore di Sanità sul pesto alla genovese danno esito negativo. L’elenco di tutti i prodotti ritirati dal mercato

Fino ad oggi, non è stato rilevato botulino nei prodotti di pesto alla genovese ritirati dal mercato. I risultati degli esami di laboratorio effettuati dall’Istituto Superiore di Sanità hanno dato tutti esito negativo. È questo il comunicato divulgato martedì sera dal Ministero della salute che per la prima volta pubblica l’eleno dei  prodotti e dei marchi con le fotografie delle …

Continua »

Billa, Iper, Basko, Conad pubblicano in rete gli avvisi di allerta per il pesto al botulino. Aspettiamo Coop, Esselunga e gli altri

Aggiornamento del 26 luglio 2013 SimplyMarket ci comunica che da metà agosto il  sito internet www.simplymarket.it avrà uno spazio dedicato al richiamo dei prodotti. Aumentano le catene di supermercati che hanno deciso di pubblicare sul loro sito le fotografie del Pesto di Prà confezionato dalla ditta Bruzzone & Ferrari ritirato dagli scaffali perchè sospettato di essere contaminato da Clostridium botulinum. …

Continua »

Pesto al botulino, una decina di regioni coinvolte. Conad, Esselunga e Coop allertano i consumatori inviando mail. E le altre catene? Serve trasparenza, i supermercati devono mettere in rete i nomi, le foto e l’elenco dei punti vendita

La questione dei vasetti di Pesto di Pra’ della ditta Bruzzone e Ferrari, ritirati dal mercato perchè sospettati di essere contaminati dal batterio Clostridium botulinum, è complessa. Tutto è iniziato sabato 20 luglio quando l’azienda informa il Ministero della salute di avere riscontrato in un vasetto di pesto anomalie, e di avere invitato i punti vendita e i supermercati su …

Continua »

Pesto contaminato da botulino: i vasetti sono stati venduti da Conad e da Esselunga che allertano i clienti via mail ma non pubblicano informazioni sul sito. Aspettiamo altri nomi

pesto

Il Ministero della salute ieri ha diramato un’allerta per un lotto di pesto alla genovese su cui ci sono seri sospetti di una contaminazione batterica di Clostridium botulinum. C’è la possibilità che diversi vasetti di pesto siano nei frigoriferi di ignari consumatori e vengano consumati nei prossimi giorni. Si tratta del Pesto di Pra’ prodotto dalla società Bruzzone e Ferrari di …

Continua »

Allerta per vasetti di pesto Conad Sapori&Dintorni contaminati da botulino. Sono prodotti da Bruzzone e Ferrari di Genova: lotto 13Go3, scadenza 9 agosto. Ritirato il prodotto in tutti i supermercati

Scatta di nuovo un’allerta alimentare grave per un lotto di pesto alla genovese su cui ci sono seri sospetti di una contaminazione batterica di Clostridium botulinum. C’è la possibilità che divesi vasetti di prodotto siano nei frigoriferi di ignari consumatori e vengano consumati nei prossimi giorni.   Il Ministero della salute poche ore fa ha diffuso un comunicato dicendo che …

Continua »

Frutti di bosco surgelati, è allerta in Europa. In Italia 200 casi e l’Efsa ne prevede altri. Aziende e supermercati devono informare i consumatori ma non lo fanno

Il 10 luglio l’Autorità europea per la  sicurezza alimentare (Efsa), ha focalizzato l’attenzione sull’epidemia di epatite A in corso in Italia e in altri Paesi europei.   La questione è abbastanza seria e il documento ipotizza probabili nuovi casi (in Italia le persone colpite sono oltre 200, i consumatori non sono stati adeguatamente informati e i frutti di bosco surgelati …

Continua »

L’allerta per i frutti di bosco surgelati contaminati dal virus dell’epatite A si amplia, coinvolti 7 paesi europei. I consumatori sono stati avvisati?

L’allerta per l’epidemia di epatite A causata dall’ingestione di frutti di bosco surgelati contaminati ha coinvolto altri Paesi oltre l’Italia dove sono state distribuite le confezioni contaminate, si tratta di: Belgio, Svizzera, Gran Bretagna, Olanda, Spagna e Svizzera. È quanto emerge dal Sistema di allerta europeo Rasff che due giorni fa ha diramato un aggiornamento dell’avviso pubblicato in rete il …

Continua »

Richiamo dei prodotti alimentari: Auchan ha ritirato 5 prodotti nel 2013 e decide di pubblicare la lista on line, Esselunga delude e non dà risposte esaustive

La legge obbliga le catene di supermercati e le aziende alimentari a informare i consumatori quando un prodotto potenzialmente nocivo per la salute viene ritirato dagli scaffali. Si tratta di una norma ampiamente ignorata e per questo motivo all’inizio di luglio abbiamo contattato le più importanti catene di supermercati italiani (Esselunga, Auchan, Carrefour, Conad, Coop, Lidl, Pam, NaturaSì…) invitandole a …

Continua »

Trattare i bovini da carne con sostanze illecite è prassi diffusa. Il Ministero conferma e studia il problema

Il 16 giugno 2013 Il Fatto Alimentare ha pubblicato un articolo di Valentina Murelli sugli studi condotti dal Centro di referenza nazionale per le indagini biologiche sugli anabolizzanti animali, istituito dal Ministero della salute presso l’Istituto zooprofilattico sperimentale di Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta. Secondo queste ricerche il 15% dei bovini risulta trattato con sostanze chimiche illecite. Pochi hanno replicato …

Continua »

Allerta epatite A per frutti di bosco: il Ministero pubblica la lista dei prodotti ritirati e avverte di non consumarli crudi

frutti di bosco

C’è voluto un po’ di tempo ma alla fine il Ministero della salute ha pubblicato un approfondimento sul caso dei frutti di bosco contaminati dall’epatite A, come più volte richiesto da Il Fatto Alimentare. Nel documento compaiono anche i nomi dei prodotti e le aziende i cui lotti sono stati ritirati dal mercato. La vicenda, iniziata più di un mese …

Continua »

Epatite A e frutti di bosco: l’allerta riguarda solo i surgelati o anche i freschi? Il Ministero dice di cuocerli

I numerosi casi di allerta per frutti di bosco surgelati contaminati dal virus dell’epatite A hanno scatenato una serie di domande da parte dei nostri lettori. Per alcune si può trovare la risposta nel documento in undici punti, pubblicato sul sito del Ministero della salute, anche se l’argomento è affrontato in modo generico, e solo a partire dall’ottavo quesito si …

Continua »

Continua in Italia l’epidemia di epatite A da frutti di bosco surgelati. Problemi anche in Europa. Silenzio dal Ministero

Un articolo pubblicato il 4 luglio sul sito Eurosurveillance e firmato da autorevoli esponenti dell’Istituto Superiore di Sanità di altre istituzioni scientifiche fa il punto sull’epidemia di epatite A che ha colpito le regioni del nord Italia. “Dal gennaio 2013, un insolito aumento dei casi di epatite A è stato rilevato nel nord Italia. Nel periodo compreso tra gennaio e …

Continua »

Avvisare i cittadini quando un prodotto viene ritirato dal mercato per un’allerta è un obbligo di legge. Perchè i supermercati e le aziende non lo fanno? Inviateci le vostre foto

supermercato donna

Pochi giorni fa abbiamo contattato le più importanti catene di supermercati italiani (Esselunga, Auchan, Carrefour, Conad, Coop, Lidl, Pam, NaturaSì…) invitandole a collaborare per la realizzazione, all’interno del sito, di una pagina destinata a raccogliere le schede dei prodotti in fase di richiamo o di ritiro dagli scaffali.   I motivi per cui un alimento non può più essere venduto …

Continua »

Quando scatta l’allerta alimentare nessuno avvisa i cittadini. Il silenzio assordante di supermercati, aziende e ministeri che per legge devono fornire le informazioni

attenzione-pericolo-allerta

Il Ministero della salute negli ultimi 40 giorni ha inviato a Bruxelles al Sistema di allerta europeo quattro allerta  riguardanti partite di frutti di bosco vendute in Italia, contaminate dal virus dell’epatite A. La prima comunicazione risale al 17 maggio, l’ultima al 24 giugno.   Con una certa fatica Il salvagente e Il fatto alimentare hanno individuato i nomi,  i …

Continua »