Home / Archivio dei Tag: malattie cardiovascolari (pagina 2)

Archivio dei Tag: malattie cardiovascolari

Per prevenire i disturbi cardiovascolari non servono integratori alimentari ma una dieta equilibrata

Per prevenire i disturbi cardiovascolari non ci sono sufficienti prove scientifiche che attribuiscono un ruolo agli  integratori alimentari a base di vitamine e  minerali. Per la maggior parte delle persone, il modo migliore di assumere sostanze nutritive essenziali è adottare una dieta equilibrata. Un’alimentazione ricca di frutta, verdura, cereali integrali, frutti di mare e prodotti lattiero-caseari privi o a basso …

Continua »

Gli zuccheri aggiunti aumentano il rischio di mortalità per malattie cardiovascolari. Troppe le persone a rischio

zucchero

 Il consumo di zucchero aggiunto ai prodotti alimentari è collegato a diverse patologie e malattie cardiovascolari anche gravi,  ma nonostante ciò a livello calorico si tratta di una componente che occupa una fetta importante. Negli Stati Uniti la percentuale media di calorie giornaliere provenienti dagli zuccheri aggiunti a cibi e bevande è passata dal 15,7% del periodo compreso tra il …

Continua »

Pane e sale: la nuova campagna dell’Emilia-Romagna per ridurre l’apporto giornaliero di sodio. Il prezzo non cambia

Pane e sale sono i protagonisti della nuova campagna salutistica dell’Emilia-Romagna per ridurre l’apporto giornaliero di sodio. Troppo sale fa male alla salute e ogni giorno, senza pensarci, ne assumiamo dosi superiori al normale fabbisogno. Cambiare le abitudini è però difficile. Una soluzione può essere quella di ridurre il contenuto di sale negli alimenti, senza modificarne troppo il sapore. Il prodotto ideale …

Continua »

Sale e malattie cardiovascolari: l’attuale regime iposodico non salva la vita. Perciò va ridotto ancora di più, secondo la Cochrane, soprattutto nei prodotti confezionati

troppo sale

Per diminuire il rischio di malattie cardiovascolari il sale assunto con la dieta va diminuito probabilmente in maniera molto più drastica di quanto non sia stato consigliato finora, perché modeste riduzioni hanno un effetto quasi nullo sul sistema cardiocircolatorio e sulla mortalità. Da anni le autorità sanitarie di molti paesi hanno intrapreso campagne di educazione sanitaria per l’abbassamento della quantità …

Continua »