Home / Archivio dei Tag: imballaggi

Archivio dei Tag: imballaggi

Foglie di banano come packaging, negozi plastic free e prodotti sfusi: tutte le novità della lotta alla plastica

banano imballaggio plastic free packaging

La lotta alla plastica continua e si arricchisce di nuove idee. In Asia sta prendendo piede la soluzione forse più originale: foglie di banano per impacchettare frutta e verdura. L’ideatore della confezione eco-compatibile e garantita senza pesticidi, sembra essere stato il supermercato Rimping a Chiang Mai, in Tailandia, e grazie ai post entusiastici dei clienti sui social, l’idea si è …

Continua »

Coca-Cola e Pepsi, i marchi che inquinano di più le spiagge del Regno Unito. 10 grandi aziende producono più della metà dei rifiuti raccolti

coca cola spiaggia surfers against sewage

Più della metà dei rifiuti che tappezzano le spiagge del Regno Unito sono prodotti da 10 grandi aziende, Coca-Cola e Pepsi in testa. Lo rivela un’indagine realizzata dall’associazione ambientalista Surfers Against Sewage (Sas), che nel mese di aprile ha organizzato la più grande campagna di “pulizie primaverili” delle coste britanniche, coinvolgendo oltre 45 mila volontari. Oltre alle due multinazionali Coca-Cola …

Continua »

Da rifiuti a nuovi oggetti: il riciclo aumenta quando si spiega ai consumatori come si trasformano i materiali

Eco concept with recycling symbol on table background top view

La quota di raccolta differenziata raggiunta dipende anche dal tipo di messaggio veicolato ai consumatori, che può fare una grande differenza. In generale, infatti, è molto più efficace un invito a trasformare ciò che si butta via in qualcosa di nuovo e utile, piuttosto che raccomandare di separare i rifiuti per fare bene all’ambiente. Lo hanno dimostrato i ricercatori dello …

Continua »

In Francia Patto governo-imprese-Ong sugli imballaggi in plastica. Critiche da associazioni ambientaliste, che chiedono leggi vincolanti

imballaggi plastica insalata packging

In Francia è stato sottoscritto un Patto nazionale sugli imballaggi in plastica, che vede la collaborazione di governo, imprese e Ong, per ridurre i rifiuti plastici. Il Patto è stato firmato dal ministero per la Transizione ecologica, da diverse imprese della grande distribuzione e soprattutto del settore alimentare come Auchan, Biscuits Bouvard, Carrefour, Casino, Coca-Cola, Danone, Franprix, L´Oréal, LSDH, Monoprix, …

Continua »

Plastica vs ecologia: cosa sta cambiando nel mondo del packaging e dei materiali a contatto con gli alimenti

Chi fa la raccolta differenziata non può fare a meno di notare che il sacco della plastica si riempie sempre molto in fretta. Basta pensare che ogni anno in Italia beviamo 11,5 miliardi di litri di minerale in bottiglie di plastica! Poi ci sono i flaconi di detersivo e di shampoo, le vaschette per l’ortofrutta, i vasetti di yogurt e …

Continua »

Ecco Junker, l’app per fare la raccolta differenziata senza errori. L’idea di una start up italiana

plastica bottiglie riciclo raccolta differenziata vuoto a rendere

Tra plastica, carta e materiali misti, non è sempre facile separare correttamente le confezioni e gli imballaggi dei prodotti alimentari venduti al supermercato. Mentre alcune aziende più attente all’ambiente semplificano il compito dei consumatori indicando precisamente sulle etichette come smaltire le confezioni, altre si limitano a indicare i simboli e le sigle dei materiali. Per aiutare i cittadini a fare …

Continua »

La plastica riciclata è sicura per l’imballaggio alimentare? Occhi puntati sulle sostanze chimiche pericolose assorbite durante il riciclaggio

plastica riciclaggio

Trascorsi quasi 10 anni dalla pubblicazione del regolamento che stabilisce le norme per l’uso di plastica riciclata in ambito alimentare, l’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha adottato oltre 100 pareri scientifici positivi sulla sicurezza dei processi utilizzabili. Eppure la Commissione europea non ha compiuto alcun passo per autorizzarli ufficialmente, creando di fatto un ostacolo al compimento dell’economia circolare …

Continua »

Lotta al flagello della plastica. In Gran Bretagna in arrivo una tassa sugli imballaggi non riciclati.

Colorful Plastic Polymer Granules

La Gran Bretagna imporrà una tassa sulla produzione e l’importazione di imballaggi di plastica a partire dall’aprile 2022. La tassa si applicherà agli imballaggi che non contengono almeno il 30% di plastica riciclata. Lo ha annunciato il ministro delle Finanze britannico, Philip Hammond, nel presentare la legge di bilancio per il 2019. Sull’intenzione del governo, nei prossimi mesi sarà avviata …

Continua »

Interferenti endocrini: la Commissione Ue annuncia una strategia. Critiche per la mancanza d’ambizione, tempistiche e misure concrete

plastica interferenti endocrini

La Commissione europea ha annunciato, per il futuro, una strategia per ridurre al minimo l’esposizione dei cittadini agli interferenti endocrini, cioè di quelle sostanze chimiche in grado di disturbare il sistema ormonale e causare patologie, anche gravi. Queste molecole si possono trovare in pesticidi e biocidi, oltre che in  cosmetici, giocattoli, imballaggi e contenitori alimentari. La Commissione Ue avvierà per la prima …

Continua »

Additivi alimentari, allerta dei pediatri statunitensi sui possibili rischi per i bambini

bambino pappa svezzamento autosvezzamento

Di fronte alla sempre maggior evidenza che le sostanze chimiche presenti in coloranti, conservanti e imballaggi alimentari possono interferire con la crescita e lo sviluppo dei bambini, l’American Academy of Pediatrics chiede urgenti riforme del processo di regolamentazione alimentare degli Stati Uniti. Un rapporto pubblicato dalla rivista Pediatrics evidenzia come negli Usa sia consentito l’uso di oltre 10.000 additivi per …

Continua »

Zero plastica e zero sprechi: si moltiplicano i negozi che rinunciano agli imballaggi plastici per gli alimenti (e non solo)

nada grocery muesli- © Amanda Palmer

Mentre il mondo sembra finalmente accorgersi del fatto che un impiego planetario dissennato della plastica sta uccidendo il mare, e mentre in Italia da mesi si vive una situazione paradossale e tragicomica relativa all’utilizzo dei sacchetti biodegradabili, in diversi paesi si segnalano esperienze incentrate su un unico obbiettivo: quello dell’annullamento dell’uso di plastiche non biodegradabili in ambito alimentare. Ne illustra …

Continua »

Basta plastica monouso, in un video le conseguenze sull’ambiente. La petizione si avvicina al traguardo delle 300 mila firme

Bottle in water bottiglia plastica spiaggia

Manca pochissimo al traguardo delle 300 mila firme per la petizione #bastaplastica (ne avevamo già parlato in questo articolo), lanciata per chiedere uno stop alla produzione di imballaggi e oggetti in plastica monouso e di sostituirla con altri materiali meno impattanti e plastiche biodegradabili. Ora i promotori della petizione pubblicano una video-raccolta di decine e decine di fotografie inviate dai …

Continua »

Plastica negli oceani e cibo sprecato: il legame nascosto tra le due emergenze. Ne parla un articolo di Valori di Rosy Battaglia

Lo spreco alimentare e l’emergenza collegata ai rifiuti di plastica negli oceani sono due problemi spinosi su cui è puntata l’attenzione mondiale, e anche Il Fatto Alimentare ha trattato il tema più volte. Quello che si tende a sottovalutare, però, è il legame nascosto tra le due questioni. A parlarne è un articolo di Valori, a firma di Rosy Battaglia, …

Continua »

Stop agli imballaggi di plastica usa e getta! L’appello di Greenpeace a Coca-Cola, McDonald’s e altre multinazionali del cibo

rifiuti plastica oceano inquinamento

Basta confezioni in plastica usa e getta. È l’appello lanciato dall’associazione ambientalista Greenpeace alle grandi multinazionali del cibo (e non solo) come Coca-Cola, Pepsi, Nestlé, Unilever, Starbucks, Procter & Gamble e McDonald’s a cui si chiede di abbandonare l’uso di plastica monouso e utilizzare alternative più sostenibili per confezionare i propri prodotti. Solo in Europa, ogni anno si producono 25 …

Continua »

Contro gli imballaggi di plastica inutili al via la campagna “Svesti la Frutta” lanciata dal portale greenMe.it

Lo scandalo di gennaio, quando i sacchetti dell’ortofrutta sono diventati a pagamento (1/2 centesimi) ha orientato alcuni consumatori ad acquistare frutta e verdura confezionata in vaschette di plastica, polistirolo o cartoncino. Forse è sfuggito a molti che anche questi imballaggi sono a carico dei consumatori, nonostante il costo non sia “visibile”, ma anzi il confezionato alla fine è un po’ …

Continua »