Home / Lettere / Penne ai funghi Lidl ed Esselunga, il produttore è lo stesso, ma ricette e confezioni sono diverse

Penne ai funghi Lidl ed Esselunga, il produttore è lo stesso, ma ricette e confezioni sono diverse

Un lettore ci scrive di avere notato una cosa curiosa nelle confezioni di pasta ai funghi in busta proposti da due supermercati molto popolari (EsselungaLidl).

Esselunga vende da tempo le “penne ai funghi porcini” con il suo marchio e Lidl, più modestamente, le “penne ai funghi” a marchio Kania. Ora, come si può notare dalle foto allegate, le buste hanno: la stessa dimensione, le stesse quantità, non esattamente le stesse istruzioni di cottura e lo stesso nome per quanto riguarda l’azienda produttrice Firma Italia. Secondo me quelle di Esselunga hanno un sapore e un aspetto migliore rispetto a quelle di Lidl. Questo è anche possibile perché l’elenco degli ingredienti e i valori nutrizionali dei due prodotti sono un po’ diversi. Ma non è questo il punto che vorrei far notare. La cosa che mi fa sorgere qualche dubbio è l’indicazione sulla destinazione finale della confezione del prodotto.  Esselunga fa riferimento al sacco dei rifiuti indifferenziati, mentre Lidl identifica la raccolta della plastica come quella idonea per il contenitore del loro prodotto Kania. Un’analisi di laboratorio va oltre le mie capacità/competenze, ma al tatto sembra esattamente lo stesso materiale e direi che si tratta di plastica. Avete una risposta?
Fabio

esselunga lidl
Le penne ai funghi di Esselunga e Lidl sono prodotte dalla stessa azienda ma le ricette sono diverse

La risposta del produttore Firma Italia

Si tratta di due tipologie di imballo differente, come si può vedere nelle immagini sull’etichetta ambientale di ciascun prodotto, dove è descritta anche la tipologia di film utilizzato, secondo la Dec. 97/129 CE:

  • sull’incarto di Esselunga troviamo C/LDPE 90: si tratta di un film multistrato a prevalenza plastica (LDPE), ma contenente anche alluminio;
  • sull’incarto di LIDL troviamo 7: si tratta di un film multistrato, composto solo da plastiche di diversa natura.
esselunga lidl
Le indicazioni sulla raccolta differenziata del prodotto di Esselunga e di Lidl sono diverse perché i materiali sono differenti

Di conseguenza è stato indicato il relativo destino nei rifiuti domestici di “indifferenziato /plastica”. Per dare completezza alla domanda del consumatore, che dimostra sensibilità ai temi ambientali, ci tengo a sottolineare che in questi anni stiamo lavorando molto sugli imballi, al fine di poter fornire un incarto sempre più sostenibile, a parità di qualità e shelf-life del prodotto finito. Anche per Esselunga stiamo cambiando la tipologia di film, che avrà lo stesso materiale di Lil e potrà essere smaltito a livello domestico nella plastica.

FIRMA Italia SpA, Muggiòassicurazione qualità

© Riproduzione riservata

Da 12 anni Ilfattoalimentare racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

Il nostro è un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici. Questo è possibile grazie ai banner delle aziende e alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive. Ilfattoalimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli.
Sostienici, basta un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche farlo con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Perché la pasta non scuoce mai? I dubbi di un lettore sui tempi di cottura indicati in etichetta

Gentile redazione, da tempo quando siamo riuniti per la cena uno degli argomenti di discussione …

Un commento

  1. In realtà, almeno dove opera Amsa, la busta esselunga è riciclabile nella plastica. Purtroppo non tutti gli impianti sono uguali in italia e quindi la destinazione indifferenziata ha senso, ma va sempre controllato cosa dice il gestore dei rifiuti del proprio comune

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *