Home / Archivio dei Tag: efsa (pagina 18)

Archivio dei Tag: efsa

Il chitosano funziona? Non fa dimagrire, però tiene a bada il colesterolo. Questo si può scrivere secondo l`Efsa

“Ottimo coadiuvante per il controllo del peso corporeo, non solo riduce lo stimolo della fame ma anche l’assimilazione dei grassi”: è una delle tante meraviglie attribuite in Rete al chitosano, una sostanza che, in vari dosaggi, è alla base di molti integratori per dimagrire, prodotti che in questa stagione dell’anno diventano particolarmente attraenti per molte persone.  Se provate a digitare …

Continua »

Etichette alimentari: l`Efsa boccia l`80% delle diciture salutistiche, sì a fibra anticolesterolo e melatonina per dormire, no a silicio per le unghie e lattobacilli per la pelle.

Gli esperti scientifici dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) hanno completato la valutazione delle indicazioni “funzionali generiche” di carattere salutistico da utilizzare sulle etichette dei prodotti alimentari. Con la pubblicazione di questa quinta serie di pareri scientifici, l’Efsa ha aggiunto altre 536 indicazioni alle 2.187 già pubblicate dal 2009. Rimangono ancora 35 diciture, fra cui alcune relative agli isoflavoni, …

Continua »

Escherichia coli: non mangiate germogli crudi il pericolo non è superato. L`Autorità per la sicurezza alimentare europea e l`Ecdc lanciano un appello ai cittadini

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) e il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) invitano a non mangiare germogli crudi, e di non consumare anche quelli coltivati in proprio per uso personale. La raccomandazione si basa sull’ipotesi che i germogli di fieno greco possano essere ancora in commercio o in qualche cucina. Stiamo parlando …

Continua »

Sicurezza alimentare: aflatossine, cadmio e altri contaminanti sorvegliati a vista dagli Stati e dalla Commissione UE. Il nuovo regolamento aumenta i controlli

Il 20 maggio entra in vigore il regolamento (UE) n. 420/2011 della Commissione europea che modifica il regolamento (CE) n. 1881/2006 che definisce i tenori massimi di alcuni contaminanti nei prodotti alimentari . La principale novità è l’introduzione di apposite procedure che garantiscono il monitoraggio continuo dei fenomeni di contaminazione sulle diverse derrate alimentari, da parte degli Stati membri, nonché il …

Continua »

Il succo di Mangostano non è efficace contro cancro e Alzheimer, l’Antitrust multa la Xango per la seconda volta

Aggiornamento 2012. L’Antitrust ha deliberato il 9 gennaio 2012 una nuova multa di 50.000 euro per la società Xango, che commercializza il succo di Mangostano. L’accusa è di aver continuato ad attuare pratiche commerciali scorrette anche dopo il provvedimento adottato nel mese di aprile 2011 che imponeva alla Xango di interrompere le attività e stabiliva una sanzione di 250 mila …

Continua »

Rischio alimentare delle nanoparticelle: le Linee Guida dell`Efsa per individuarlo in tutte le fasi della filiera produttiva

L’11 maggio 2011 l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha pubblicato una guida per la valutazione della sicurezza delle applicazioni dei nanomateriali ingegnerizzati (engineered nano materials, ENM) in alimenti e mangimi. Un lavoro unico nel suo genere, proposto dal comitato scientifico dell’Autorità, che offre indicazioni pratiche per  individuare i potenziali rischi per la sicurezza dei consumatori derivanti dall’impiego di …

Continua »

I betaglucani riducono il colesterolo: ulteriori conferme dalla scienza. Ne occorrono 3 g al giorno, con una dieta varia

Per i betaglucani sempre più presenti neii claim salutistici utilizzati nelle etichette dei prodotti alimentari, è arrivata una nuova conferma scientifica.  Queste fibre solubili (più esattamente polisaccaridi non amidacei) presenti nella crusca dei chicchi di cereale (in particolare orzo, fino al 7% e avena, 5%, e in misura assai minore in segale, 2%, e frumento, meno dell’1%), nel lievito del …

Continua »

Nuovo rapporto Efsa sull’acrilammide. Non è diminuita nei prodotti industriali, il fai da te delle aziende non funziona

patatine fritte

Acrilammide, chi era costei? Anche i meno informati hanno ormai imparato che si tratta di una sostanza tossica che si forma durante la cottura ad alta temperatura (frittura in primis, ma anche forno e griglia) di cibi contenenti amido. Da quando, nel 2002, un gruppo di ricercatori svedesi mise in guardia per la prima volta dal pericolo di mangiare le …

Continua »

L’Efsa esamina 442 claims salutistici e ne boccia l’80%. Gli effetti benefici non sono provati.

etichetta alimenti supermercato donna

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha pubblicato oggi il parere su 442 diciture salutistiche che le aziende alimentari propongono sulle etichette. Si tratta del quarto gruppo di claims esaminato dagli esperti (per un totale di 2184 diciture) e purtroppo l’esito è sempre stato disastroso, visto che nell’80% dei casi l’Autorità ha bocciato le diciture per mancanza di un …

Continua »

L`Efsa lancia l`allerta Campylobacter nei polli: 9 milioni di casi l`anno e 2,4 miliardi di danni sociali

Dopo avere segnalato nei giorni scorsi che la Campylobatteriosi è la malattia di origine alimentare più diffusa in Europa con un numero di casi doppio (quasi 200 mila nel 2009 ) rispetto alla salmonellosi, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare con sede a Parma (EFSA)  propone una strategia per arginare il problema. Il documento firmato dal gruppo di esperti descrive …

Continua »

Campylobacter è il batterio responsabile del maggior numero di contaminazioni alimentari in Europa (il doppio della Salmonella) ma in Italia è pressoché sconosciuto

spiedini pollo salmonella

La Campylobacteriosi è la prima causa di contaminazione alimentare in Europa e  i casi  registrati sono quasi il doppio rispetto alle Salmonellosi. in Italia però il batterio risulta pressoché sconosciuto. Eppure i dati pubblicati dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) e dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) sulle epidemie di origine alimentare non …

Continua »

L`Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare definisce i nuovi livelli per il cadmio

  Il 3 febbraio è stata pubblicata una dichiarazione dell’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare in merito ai livelli tollerabili di cadmio su base settimanale (EFSA statement on tolerable weekly intake for cadmium). Si completa così il quadro delle indagini scientifiche sui rischi dei metalli pesanti presenti come residui negli alimenti. L’esito delle valutazioni appare nel complesso confortante, visto che …

Continua »

L`acrilammide si trova anche nei cereali per la colazione. E le precauzioni per ridurla sono solo volontarie

L’acrilammide è una sostanza tossica che si forma durante i processi di cottura ad alte temperature (frittura, forno, griglia, tostatura, oltre 120°C), ed è presente in vari alimenti, in particolare quelli che contengono amido. È famosa da quando, otto anni fa, alcuni scienziati svedesi l’hanno trovata in dosi consistenti nelle patatine fritte, nelle fette biscottate e nei biscotti, nel caffè. …

Continua »

Nuovo parere dell’Efsa sui betaglucani: si riapre il dibattito sulla pubblicità di Pastariso Scotti?

Vi ricordate la pubblicità della PastaRiso Scotti? Sì, proprio quella presentata da Gerry Scotti, che prometteva la riduzione del colesterolo grazie all’aggiunta di fibre vegetali chiamate betaglucani. Il  nostro sito ha inviato all’Antitrust una segnalazione sull’effettiva capacità della pasta di “ridurre il colesterolo”. L’autorità ha avviato un’istruttoria, e a metà dicembre del 2010 ha sanzionato con 120 mila euro la società …

Continua »

La questione dei betaglucani che riducono il colesterolo, infiamma il dibattito scientifico. Un nuovo parere dell’Efsa promuove le fibre vegetali

riso spiga

A metà dicembre l’Autorità garante per la concorrenza e il mercato (Antitrust) ha condannato la pubblicità di PastaRiso Scotti arricchita con betaglucani, in cui si diceva che aiutava a ridurre il colesterolo. Dopo la sentenza molti addetti ai lavori hanno sollevato la questione domandandosi se è vero o falso che i betaglucani contenuti in alcuni alimenti possono aiutare a tenere il …

Continua »