Home / Archivio dei Tag: conad (pagina 7)

Archivio dei Tag: conad

Avvisare i cittadini quando un prodotto viene ritirato dal mercato per un’allerta è un obbligo di legge. Perchè i supermercati e le aziende non lo fanno? Inviateci le vostre foto

supermercato donna

Pochi giorni fa abbiamo contattato le più importanti catene di supermercati italiani (Esselunga, Auchan, Carrefour, Conad, Coop, Lidl, Pam, NaturaSì…) invitandole a collaborare per la realizzazione, all’interno del sito, di una pagina destinata a raccogliere le schede dei prodotti in fase di richiamo o di ritiro dagli scaffali.   I motivi per cui un alimento non può più essere venduto …

Continua »

Sacchetti gelo Conad e Frio: sembrano uguali, ma il prezzo fa la differenza

sacchetti gelo confronto

I sacchetti gelo, utilizzati per conservare gli alimenti e per la congelazione nel freezer, sono presenti nelle case dell’85% degli  italiani. Nei supermercati, ipermercati e altri piccoli negozi self-service, spesso chi acquista privilegia i prodotti con il marchio della catena. Oggi oltre il 48% delle vendite, corrispondente a circa 46 milioni di euro, spetta alla marca commerciale. Questo accade perchè …

Continua »

Art.62: se si vuole si può. L’accordo Unicredit-Conad che partirà ad ottobre dimostra come rispettare le norme superando le difficoltà

agricoltura campi

È ufficiale l’accordo tra Unicredit Factoring e Conad per il sostegno dei fornitori collegati alla catena di supermercati. Grazie alla disponibilità di 500 milioni di euro messa in campo da una  società della  banca, le aziende che forniscono Conad disporranno delle somme loro dovute nelle scadenze stabilite dall’art.62 del DL 01/2012. Sarà Unicredit- Factoring a pagarle, dilazionando poi il debito …

Continua »

Solidarietà al supermercato: apre a Modena “Portobello”, l’emporio per le famiglie in difficoltà

portobello-modena1

A fine maggio aprirà a Modena un supermercato per le famiglie in difficoltà, dove chi non si può permettere la spesa porterà a casa il necessario, in cambio di ore di lavoro.   Si chiama “Portobello, Emporio Sociale Modena” e permetterà a chi ne ha bisogno (e ne fa richiesta) di fare acquisti senza denaro, utilizzando il codice fiscale come …

Continua »

Supermercati e sprechi: ogni giorno un punto vendita dona 200 kg di cibo sono alle onlus, ma nessuno dice quanto e cosa finisce nei rifiuti

video-supermercati-spreco

Un ipermercato dà ogni giorno 200 kg di prodotti alimentari alle onlus. Nessuna catena però rivela l’ammontare dei rifiuti che finiscono nel cassonetto. Che fine fanno? Tre le soluzioni possibili: vendite promozionali, donazioni nell’ambito di progetti di solidarietà o eliminazione nei rifiuti. Può sembrare antipatico  che del cibo ancora buono finisca in pattumiera, ma una parte “fisiologica” di invenduto (o …

Continua »

Un ipermercato dà ogni giorno 200 kg di prodotti alimentari alle onlus, nessuno però rivela l’ammontare dei rifiuti che finiscono nel cassonetto

carrello

Carne, pasta fresca e latticini troppo vicini alla data di scadenza oppure confezioni di riso, biscotti e conserve con qualche imperfezione vengono ritirati ogni giorno dagli scaffali dei supermercati. Che fine fanno? Tre le soluzioni possibili: vendite promozionali, donazioni nell’ambito di progetti di solidarietà o eliminazione nei rifiuti. Può sembrare davvero brutto che del cibo ancora buono finisca in pattumiera, …

Continua »

L`elenco dei marchi e dei loghi dei prodotti più economici venduti nei supermercati

I prodotti alimentari firmati dalle catene dei supermercati (chiamati anche private label) vendono sempre di più. Il successo si basa sul prezzo competitivo e sulla fiducia assegnata all’insegna. Per questo motivo il numero di prodotti è in continua espansione sia per numero che per tipologia e target: prodotto di lusso, poco costoso, equo-solidale… All’interno di questo assortimento, sono molto apprezzati …

Continua »

Allerta alimentare: ritirato ad Aosta lotto di confettura extra di prugne Conad

Il sistema di allerta alimentare della Valle d’Aosta segnala il ritiro dal mercato di un lotto di confettura extra di prugne Conad a causa di una sospetta contaminazione chimica per la presenza di corpi estranei. Il lotto è stato prodotto in Italia per Conad da  Conserve Italia soc. Coop. Agricola di Codigoro (Ferrara) e venduto in due supermercati Conad, dei …

Continua »

I segreti della mozzarella sono quattro ingredienti. Il test di Altroconsumo promuove 15 campioni su 17

Il 95% degli italiani consuma almeno una volta al mese una mozzarella, in genere, di latte vaccino. Nonostante la capillare diffusione del prodotto, pochi lo conoscono veramente perché solo una parte dei caseifici segue lo schema classico di lavorazione e utilizza i quattro ingredienti canonici: latte, fermenti, caglio e sale. Il consumatore quando si reca al supermercato trova sugli scaffali …

Continua »

La mozzarella di bufala Mandara non è camorrista. L’azienda affidata ad un amministratore giudiziario. Continuiamo a comprarla

Lo stabilimento Alival, del signor Mandara, dove si produce la mozzarella di bufala Dop è uno dei più grossi in Campania, dà lavoro a 200 persone ed è probabilmente il marchio leader del settore. Questi aspetti contano poco di fronte alla bufera mediatica che ha travolto Giuseppe Mandara accusato di avere ricevuto finanziamenti dalla camorra. In questa situazione considerare la …

Continua »

La colomba pasquale firmata Esselunga, Coop, Conad, Carrefour, Despar…. è prodotta da Bauli, Maina, Paluani, Borsari…

Pochi  consumatori sanno che le colombe pasquali  vendute dai supermercati con il marchio dell’insegna, sono confezionate negli stessi stabilimenti che producono i dolci pasquali firmati Bauli, Maina, Paluani, Borsari e Vecchio Forno (vedi tabella).   Qualcuno può pensare che i dolci proposti con il marchio dei supermercati  siano preparati con ricette e modalità  diverse, ma non è così. Nella stragrande …

Continua »

Supermercati: ecco la lista dei prodotti esposti sugli scaffali, realizzati in esclusiva per Esselunga, Coop, Auchan, Conad, Sigma, Carrefour, Despar ….

Il numero di prodotti sugli scaffali  di  supermercati e ipermercatidi con un marchio collegato direttamente  all’insegna è in progressivo aumento. In Italia hanno cominciato Coop ed Esselunga seguiti a ruota dalle  alltre catene. Ilfattoalimentare.it ha già presentato un panorama delle marche “economiche” – quelle che i distributori propongono come alternativa al discount – e un quadro delle marche base. A …

Continua »