Home / Nutrizione (pagina 75)

Nutrizione

L`Inran sconsiglia le tisane a base di finocchio per neonati con meno di 6 mesi: pericolo estragolo

Il consumo di tisane al finocchio non è raccomandato nei bambini al di sotto dei 4 anni. Il messaggio dell’Inran (Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti  e la nutrizione) è molto preciso ed è basato su uno studio condotto sull’estragolo e pubblicato sul Food and chemical toxicology. L’estragolo è una  sostanza naturale presente nei semi di finocchio e nelle …

Continua »
pubblicita mcdonalds happy meal

McDonald’s: in California è battaglia sui gadget abbinati ai menu per i bambini Happy Meal

All’approssimarsi del Natale un velo di benevolenza dovrebbe stendersi come neve sull’umanità, così almeno un tempo si credeva. Non è così per tutti, non almeno per il gran capo di McDonald’s, il Ceo (chief executive officer) Jim Skinner, che ha reagito alle critiche sugli Happy Meals , accusando a sua volta i commentatori di comportarsi come una “polizia alimentare”, e …

Continua »

USA, Obama firma il “Nutrition Bill”, per migliorare i menu delle scuole e offrire più pasti gratuiti

Lunedì 13 dicembre il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama – mesi dopo avere messo a segno una contrastata riforma sanitaria  – è riuscito anche ad adottare il “Nutrition Bill”. La nuova legge è citata come “the  Healthy, Hunger-Free Kids Act” (letteralmente: l’Atto dei Bambini in Salute e Liberi dalla Fame) per il duplice obiettivo che persegue: migliorare le caratteristiche …

Continua »

I misurini imprecisi del latte polvere favoriscono un eccesso di calorie per i nenonati. Il parere degli esperti

Il settimanale  L’Espresso ha di recente pubblicato un’intervista a Catherine Leclercq, ricercatrice dell’Inran (Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione di Roma), su uno studio studio che evidenza il rischio obesità per i neonati (da 0 a 4 mesi) alimentati col latte in polvere per un possibile surplus del fabbisogno energetico giornaliero (progetto Cascade). La causa: un …

Continua »
obesita infantile bambino obeso

La pubblicità degli alimenti è tra i responsabili dell’obesità infantile? Il dibattito europeo

EurActiv.com, il più importante portale dedicato alle questioni europee (vedi sito), fa il punto su una questione molto discussa: la pubblicità di alimenti è responsabile dell’obesità infantile? È stata data la parola a Will Gilroy , direttore della comunicazione della World Federation of Advertisers (Wfa), la federazione internazionale delle associazioni di investitori in pubblicità, e a Ruth Veale, del Settore salute …

Continua »

Secondo l`Anses, le diete dimagranti per la bellezza sono pericolose e ingrassano

Sovrappeso e obesità sono un rischio per la salute, non passa giorno senza che i mezzi di informazione non ce lo ricordino. Ma anche lanciarsi in una dieta dimagrante esclusivamente per ragioni estetiche, e senza supervisione medica, può diventare pericoloso. A lanciare l’allarme è l’Anses, l’agenzia francese per la sicurezza sanitaria dell’alimentazione, dell’ambiente e del lavoro. Con un ampio rapporto …

Continua »

Gli esperti della Fosan assolvono la frittura. Se fatta bene e consumata con moderazione

I cibi fritti sono una delle gioie della vita, anche se  quando sono consumati spesso sono considerati poco salutari per la salute. Una recente ricerca, che ha rivisto e analizzato la letteratura scientifica sull’argomento, li ha riabilitati. Un consumo moderato, unito alla scelta dell’olio più adatto e dei metodi di preparazione più corretti, permettono di inserire la frittura nell’alimentazione di …

Continua »

Tagliare il sale durante l?adolescenza fa bene al cuore in età adulta

Ridurre il sale nella dieta quotidiana dei teenager potrebbe ridurre l’ipertensione e il rischio di malattie cardiache e ictus in età adulta, secondo una ricerca presentata all’American Heart Association’s Scientific Sessions 2010 e riportata dal sito ScienceDaily. Attraverso una sofisticata elaborazione dei dati al computer, i ricercatori hanno calcolato quali effetti avrebbe sulla salute a livello nazionale una riduzione di …

Continua »

Allarme frutta e verdura in Usa: solo l`8% degli americani ne mangia a sufficienza

Mangiare più frutta e verdura significa fare qualcosa di buono per la propria salute e scongiurare il rischio obesità. Lo ha ribadito – se ce ne fosse stato bisogno – un recente rapporto della National Fruit and Vegetables Alliance (NFVA), l’organismo creato nel 2001 per aumentare il consumo dei vegetali negli Stati Uniti. Purtroppo, in nove anni di attività, i …

Continua »

Buone idee dall`Oriente per ridurre il sale negli alimenti

La riduzione del sale è oggi un imperativo categorico per migliorare la salute delle popolazioni. Già nel 2007 l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha  raccomandato di non superare i 5 grammi al giorno di cloruro di sodio nella dieta – a fronte di consumi medi che rasentano il doppio di tale soglia – quale condizione per non aumentare il rischio di …

Continua »

Unesco, la dieta mediterranea patrimonio culturale immateriale dell?umanità

 Il 16 novembre 2010 il Comitato intergovernativo riunito a Nairobi ha ufficialmente iscritto la dieta mediterranea nel patrimonio culturale immateriale dell’Unesco..  “La Dieta Mediterranea – si legge nella motivazione del Comitato unisco- è un insieme di competenze, conoscenze, pratiche e tradizioni che vanno dal paesaggio alla tavola, tra cui la coltivazione, la raccolta, la pesca, la conservazione, la trasformazione, la …

Continua »

I probiotici curano la diarrea, ma uno yogurt non basta

I probiotici riducono la durata dei sintomi e diminuiscono gli episodi di diarrea persistente: sono questi i risultati dei ricercatori Cochrane analizzando i dati emersi dagli  studi più significativi che hanno trattato  l’argomento. Gli studiosi hanno esaminato 63 sperimentazioni cliniche che hanno coinvolto oltre 8000 pazienti, di queste 56  focalizzano l’attenzione su bambini e adolescenti considerati in molti stati una …

Continua »

Sotto il profilo nutrizionale, bio non è meglio. Lo sostiene uno studio danese

Cipolle, carote e patate coltivate secondo metodo biologico hanno lo stesso contenuto di polifenoli e antiossidanti contenuti negli ortaggi da agricoltura convenzionale. Sono le conclusioni di un nuovo studio del National Food Institute dell’Università tecnica della Danimarca, appena pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry.1 Secondo i sostenitori del “bio”, l’utilizzo di fertilizzanti e antiparassitari avrebbe un impatto negativo …

Continua »

Ricerca sugli integratori per sportivi del Mario Negri: che cosa dice l`Aiipa

L’attività fisica per migliorare la salute, restare in forma e divertirsi? Non solo: gli italiani sportivi per hobby cercano anche la performance. E perciò si affidano agli integratori alimentari: vi ricorre un atleta dilettante su 2, secondo una recente ricerca del dipartimento Medicina del lavoro dell’Università degli Studi di Milano, dell’Istituto di ricerche farmacologiche ‘Mario Negri’ e dell’istituto Doxa.    …

Continua »

E` allerta per l`obesità in Europa, lo sostiene un rapporto Ocse

Il tasso di obesità nei Paesi Ocse è aumentato del 10% rispetto al 1980 e circa la metà della popolazione è in sovrappeso. Lo riferisce il nuovo rapporto Ocse “Obesity and the economics of prevention: fit not fat” che confronta i dati provenienti da 11 Paesi e offre un’analisi dell’impatto economico-sanitario per la prevenzione dell’obesità.  Il  documento ritiene l’incremento di …

Continua »