Home / Nutrizione / Senza lattosio: arriva Lfree, il primo marchio italiano per i prodotti e i locali dedicati agli intolleranti

Senza lattosio: arriva Lfree, il primo marchio italiano per i prodotti e i locali dedicati agli intolleranti

latte 177133788
Sarà presentato al Gluten Free Expo il primo marchio italiano del “senza lattosio”

L’Associazione italiana latto-intolleranti onlus (AILI) lancia il primo marchio italiano per i prodotti privi di lattosio o lattosio, latte e derivati. Il marchio si chiama Lfree e mira a identificare e garantire i prodotti per gli intolleranti e non sarà destinato esclusivamente ai generi alimentari, ma anche integratori e farmaci senza lattosio, latte e derivati. La presentazione è stata fatto al Gluten Free Expo di Rimini.

In questo modo, spiega AILI in un comunicato, i prodotti senza lattosio, latte e derivati saranno riconoscibili in modo immediato e sicuro per i consumatori che non possono consumare alimenti con lo zucchero del latte. Il marchio Lfree sarà disponibile in due varianti: azzurro, per i prodotti privi di lattosio come latte e derivati privati dello zucchero, e verde, per i prodotti privi di lattosio, latte e derivati, utile anche per gli allergici alle proteine del latte.

Aili senza lattosio
Il marchio esiste in due varianti: blu per il senza lattosio, verde per i prodotti privi di lattosio, latte e derivati

Secondo i dati diffusi da Efsa nel 2010, si stima che circa metà della popolazione italiana possa essere intollerante al lattosio. Si tratta di un dato in linea con le percentuali dell’Europa meridionale (40-60%) e decisamente superiore a quello dei popoli del centro e Nord Europa. Per questo motivo negli ultimi anni le proposte di prodotti “senza lattosio” sono cresciute esponenzialmente di numero.

L’obiettivo di AILI e Ellefree, la startup che ha sviluppato la certificazione, è fornire agli intolleranti un’informazione immediatamente leggibile, senza dover scorrere la lista degli ingredienti. Infatti il lattosio può nascondersi dietro una moltitudine di ingredienti e nomenclature, come latticello, siero di latte, zuccheri del latte, burro anidro, lattosio monoidrato e, ovviamente, latte (anche in polvere).

etichette nutrizionali
Nelle liste ingredienti, il lattosio può nascondersi sotto molti nomi diversi

Oltre all’aspetto grafico della certificazione, è stato sviluppato un documento tecnico che delinea le linee guida che le aziende devono seguire per ottenere il marchio Lfree. Per poter ricevere la certificazione, le aziende devono superare i controlli presso gli stabilimenti produttivi e e analisi del prodotto.

Oltre al marchio Lfree per i prodotti alimentari e farmaceutici, esiste anche il progetto “Senza Lattosio Fuori Casa”, per venire incontro alle esigenze degli intolleranti allo zucchero del latte quando hanno necessità di mangiare fuori casa. Con questo marchio si punta a segnalare ai consumatori i locali che offrono piatti e prodotti senza lattosio, latte e derivati.

Aili senza lattosio
Esiste anche il marchio “Senza Lattosio Fuori Casa”, per segnalare i locali con piatti e prodotti dedicati agli intolleranti

Sul sito di AILI è disponibile una mappa dei locali certificati Lfree.

© Riproduzione riservata

dadi sostieni dona

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

254 milioni di bambini e ragazzi obesi nel 2030: l’allarmante rapporto dell’Oms sull’obesità infantile nel mondo

Se non si interverrà al più presto con azioni incisive, nel 2030 i bambini e …