Home / Pubblicità & Bufale / Uliveto “acqua della salute”! Non è vero. La pubblicità censurata 4 volte continua in tv e in rete. Nuovo nuovo ricorso a Iap e Antitrust

Uliveto “acqua della salute”! Non è vero. La pubblicità censurata 4 volte continua in tv e in rete. Nuovo nuovo ricorso a Iap e Antitrust

Uliveto acqua della saluteSono passati  15 anni ma lo storico slogan “acque della salute” riferito all’acqua minerale Uliveto continua a imperversare in tv, sulle etichette delle bottiglie, sull’imballaggio e più volte la frase viene richiamata con caratteri molto evidenti nel sito della Cogedi come si vede nelle immagini che proponiamo. Ma procediamo con ordine. Le frasi “Acque della salute” e “Le acque della salute” utilizzate anche negli spot dell’acqua minerale Rocchetta sono state ritenute scorrette e censurate due volte dall’Agcm e due volte dallo Iap (anche quando comparivano in abbinamento a messaggi che richiamavano alla prevenzione di alcune malattie).

La prima censura risale al 2004 ed è firmata dal Giurì di autodisciplina pubblicitaria che nella sentenza ritiene  l’affermazione “«le acque della salute» inaccettabile perché ingannevole. Il riferimento alla “salute” è infatti del tutto improprio e potenzialmente equivoco per il pubblico dei consumatori se riguarda prodotti che, essendo e rimanendo semplici alimenti, non hanno in sé e per sé alcuna proprietà terapeutica né di prevenzione e presentano caratteristiche mediamente possedute dai prodotti similari”. La decisione contesta l’utilizzo dell’articolo “le” perché sottolinea come le due acque acquisiscano un carattere di superiorità che non possiedono rispetto alle altre acque minerali.

Uliveto pubblicita dicembre 2013

Il secondo intervento dello Iap arriva nel maggio 2013. Il motivo era la  dicitura utilizzata negli spot per presentare l’acqua come un prodotto in grado di lenire i malanni correlati a osteoporosi e calcolosi urinaria. Il messaggio, apparso su diversi quotidiani come La Sicilia, il Corriere della sera e la Repubblica, risultava ingannevole perché attribuiva in modo del tutto improprio “proprietà nella prevenzione e nella cura di malattie (ad es.: osteoporosi, calcolosi urinaria)”. Anche il riferimento nel messaggio alla Federazione Italiana Medici di Famiglia (F.I.M.M.G.) risulta arbitrario perché si tratta di un’associazione di natura sindacale che “attribuisce alle promesse pubblicitarie il vaglio di un riscontro scientifico inducendo il pubblico a fare affidamento su qualità curative dei prodotti che essi non possiedono”. Sotto accusa anche lo slogan “acque della salute” è ingannevole perché lascia intendere che Uliveto e Rocchetta siano prodotti “specificamente utili per la prevenzione e la cura di malattie”. Secondo la sentenza si tratta di indicazioni salutistiche che “non hanno trovato esplicita autorizzazione ministeriale e sono quindi anche sotto questo profilo improprie”.

Le censure e le condanne per Uliveto proseguono nel dicembre 2013 con una sentenza dell’Antitrust che a proposito del claim recitava così “anche il claim «acque della salute», usato nell’intera campagna pubblicitaria, e l’enfasi ad esso attribuita dal nastro, di colore rosso, che unisce le confezioni delle acque Uliveto e Rocchetta nei messaggi a mezzo stampa, costituiscono elementi comunicazionali che assumono un significato specifico e ulteriore, e cioè accreditano alle acque specifici effetti curativi o preventivi di carattere generale che, in realtà, esse non possiedono”. La sentenza conclude con la censura del messaggio e una multa di  100 mila euro.

Il problema si ripropone gennaio 2015 quando la pubblicità di Uliveto e Rocchetta viene nuovamente censurata perché nei messaggi le minerali venivano classificate come “acque della salute”, abbinando false diciture salutistiche e usando come testimonial associazioni di medici. “Nel merito, la comunicazione pubblicitaria in esame risulta scorretta in quanto, analogamente ai claim esaminati nell’istruttoria PS8805, insiste particolarmente sull’associazione tra il consumo di tali acque e il concetto di salute, con riguardo anzitutto ad esempio ai seguenti claim “acque della salute”, “Uliveto è con i gastroenterologi dell’A.I.G.O. per la salute digestiva” e “Rocchetta è con gli urologi del C.L.U. per la salute urologica” e poi all’accostamento di tali acque ai “gastroenterologi dell’AIGO” e “agli urologi del CLU” e ai relativi loghi. Anche il claim “acque della salute”, nel contesto dei messaggi in esame, assume un significato specifico e ulteriore, accreditando alle acque effetti curativi e preventivi di carattere generale che esse in realtà non possiedono. Potrebbe infine risultare scorretto l’impiego del riferimento ai “gastroenterologi dell’AIGO” e “agli urologi del CLU” e ai relativi loghi, in quanto suscettibile di far credere ai consumatori che le acque abbiano ricevuto da dette associazioni una particolare approvazione delle loro eventuali proprietà salutistiche, sulla base di specifiche procedure di controllo, e che il consumo di tali acque possa favorire in modo particolare il benessere e la salute”. La multa di 5.000 euro viene però raddoppiata a 10 mila trattandosi di un soggetto recidivo, che  alla fine del 2013 aveva già subito una censura dall’Antitrust abbinata a una multa di 100 mila euro per motivi analoghi.

Uliveto acqua della saluteSe Uliveto continuerà ad accumulare censure con questo ritmo presto potrebbe superare il record di sentenze negative raggiunto in passato da Wanna Marchi e più di recente da Kilocal. Il Fatto Alimentare ha inviato nei giorni scorsi una segnalazione all’Antitrust e all’Istituto di autodisciplina pubblicitaria, chiedendo l’ennesimo intervento nei confronti di un’azienda che da 15 anni investe milioni di euro per promuovere messaggi pubblicitari con slogan scorretti che ingannano i consumatori. Vi terremo aggiornati.

 

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

brancamenta amaro censura iap instagram

Brancamenta, censurato il post su Instagram di un influencer: è pubblicità occulta. La sentenza dello Iap

L’Istituto di autodisciplina pubblicitaria, con la pronuncia del Comitato di controllo n. 48/19 del 30/08/2019, ha …

11 Commenti

  1. Avatar

    100.000 e 10.000 di sanzioni sono una microgoccia nel mare degli utili prodotti da questi imbottigliatori di acqua, buona si e sostegno funzionale forse, ma farmaco salutistico penso proprio di no.
    A quando un divieto vero e concreto per tali affermazioni?

    • Avatar
      Enogastronomo polemista

      Ho avuto contatti con questi signori dell'”acqua della salute”. Confermo che le sanzioni non le considerano affatto e le classificano come “Spese extra”. Sono d’accordo per un divieto vero e concreto.

  2. Avatar

    Uno (ripeto) uno spot di 30 secondi, in media (dipende dal canale, orario e trasmissione) costa dai 50 ai 100.000 euro… figuriamoci cosa interessa a questi “imbottigliatori” una sanzione di 100.000 euro… Senza contare i costi legati allo spot stesso (c’è un ex giocatore di calcio che ormai ha fatto la sua fortuna con gli uccellini e l’acqua). L’unica cosa è informare la gente che la salute la si ottiene e mantiene non bevendo acqua, ma con uno stile di vita adeguato. Se poi ci sono quelli che nel 2020 credono ancora alle favole, lasciamoli credere, alle volte l’effetto placebo può pure essere positivo!

  3. Avatar

    I consumatori hanno in mano un’arma particolarmente efficace da usare contro questi signori che continuano le loro campagne pubblicitarie ingannevoli, il boicottaggio,basta evitare accuratamente di acquistare detti prodotti ed altri eventualmente distribuiti da dette Società e fare il passaparola fra consumatori.

    • Avatar

      In effetti le sanzioni sono a dir poco comiche, visto il giro d’affari mosso dai signori dell’acqua i bottiglia. Ma aldilà delle varie autorità e organismi di controllo più o meno utili ed efficienti, ricordiamoci che NOI (noi italiani) siamo tra i maggiori consumatori di acqua in bottiglia, pur essendo il paese dell’acqua (oltre che ‘do sole) e con il minor costo per mc. Da dove iniziamo?

  4. Avatar

    Se non capiscono le sanzioni andrebbero presi altri provvedimenti più drastici, fino alla chiusura degli stabilimenti per un tempo definito ma poi ci andrebbero di mezzo i lavoratori.
    Di fronte a recidive o inapplicabilità delle sanzioni ci vorrebbe una legge che le decuplichi all’istante

  5. Avatar

    Forse potrebbero bastare dei contro-spot TV, pagati con le multe combinate a chi non rispetta le regole dell’antirust dove viene detto chiaramente che certe proprietà “salutari” di determinati profdotti non sono veri.

  6. Avatar

    Giusta la multa che è stata comminata ai produttori. Ritengo che uno degli indici più importanti per la qualità dell’acqua (minerale e non) sia il residuo fisso. Più basso è, quantomeno dal mio punto di vista, meglio è. Perché bere acqua con un residuo fisso di 720 quando l’apporto mineralizzante è comunque assicurato dal resto della alimentazione quotidiana ?
    Ritengo, forse sbagliando, che l’eccessivo apporto di minerali sia causa di qualche patologia.
    Bere acqua del rubinetto? Alternativa possibile anche se in molte città Italiane il residuo fisso dell’acqua potabile oltre ad incrostare gli scaldabagni ci incrosta pure i reni. Ho tentato con alcuni amici di spiegare cosa rappresenta il residuo fisso. No way, la violenza della pubblicità prevale.
    Lo stesso discorso vale per le acque povere di sodio. Non è ingannevole anche questo tipo di pubblicità? Certo, l’apporto di sodio è importante ma è inutile bere affannosamente acque povere di sodio per poi cospargere la nostra bistecca, esagero, con dieci grammi di sale o venti grammi di parmigiano sugli spaghetti. L’OMS dice che il quantitativo di sale giornaliero non dovrebbe superare i 2-3 grammi. Per raggiungere questo obiettivo penso sia necessario ingurgitare una quarantina di litri di acqua minerale sia pur ricca di sodio.
    Per poi stendere un velo pietoso sulle varie bibite rigeneranti. Basterebbe una spremuta di arancio con, eventualmente, poco zucchero (l’arancio già ne contiene il 10%), ed una microscopica quantità di sale da cucina ed il gioco sarebbe fatto. Ma, già, la pubblicità.

    Cordiali saluti e complimenti per il vostro lavoro. Ma forse a leggervi siamo ancora troppo pochi.

  7. Avatar

    Le sanzioni sarebbero molto più efficaci se consistessero nell’obbligo da parte dei produttori ad utilizzare gli stessi spazi pubblicitari per comunicare le rettifiche imposte dall’Antitrust

  8. Avatar

    Sanzionare la pubblicità ingannevole solo con una pena pecuniaria, che è irrisoria rispetto agli utili derivanti da questa pubblicità, consente all’azienda di continuare nell’inganno: si tratta di una truffa e come tale deve essere sanzionata penalmente. I vertici dell’azienda, quindi, dovrebbero rispondere di un reato commesso nei confronti dei cittadini. Inoltre si dovrebbero diffidare le emittenti radiotelevisive e la stampa, che diffondono tale messaggio, già definito ufficialmente ingannevole, a non accettare tale pubblicità, poiché dovrebbero rispondere di correità

  9. Avatar

    Esperienza ultradecennale:
    I servizi marketing delle aziende, fino a quando non si potrà intervenire in modo più drastico, per esempio con il BLOCCO DELLA COMMERCIALIZZAZIONE E PRODUZIONE PER TEMPI SIGNIFICATIVI CON OBBLIGO DI PUBBLICITA’ A CARATTERI CUBITALI SULLE MAGGIORI TESTATE GIORNALISTICHE, mettono in conto in partenza fra i costi pubblicitari anche le multe, e in questo caso anche 100.000 euro.
    ormai le sentenze dei giurì sono svuotate di efficacia, e questo va portato in sede politica eventualmente accompagnando una class-action, sempreché la “burocrazia” e le Lobby non blocchino il tutto.