Home / Archivio dei Tag: Usa (pagina 6)

Archivio dei Tag: Usa

Un bambino obeso vale oro: negli States il consumo maggiore di cibo si traduce in un mercato di cibo e bevande pari a 60 miliardi di dollari

Per l’industria alimentare, un bambino obeso è un investimento sulle vendite future. Lo scrivono sulla rivista medica The Lancet il presidente della britannica World Obesity Federation, Tim Lobstein e alcuni suoi colleghi, basandosi sui dati relativi agli Stati Uniti, dove oggi i bambini pesano in media cinque chili più di quelli di trent’anni fa. Il che significa che oggi i …

Continua »

Colesterolo: negli USA stop ai messaggi che limitano uova, gamberetti ecc. La quota presente nel cibo è poco importante

Dopo quarant’anni di messaggi che invitano ad evitare cibi ricchi di colesterolo, come uova e gamberetti, dagli Stati Uniti arriva il dietrofront. La decisione è stata presa dalla commissione consultiva di nutrizionisti istituita dal governo di Washington all’inizio del 2014, e incaricata di fornire pareri scientifici sulle nuove linee guida per la dieta degli americani, che saranno pubblicate alla fine …

Continua »

Obama propone la costituzione di una nuova e unica agenzia per la sicurezza alimentare. Alcuni casi paradossali dell’attuale situazione in USA. In Italia l’Agenzia non esiste

Il Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha presentato il progetto di bilancio per il 2016, proponendo la costituzione di una nuova agenzia, con competenza esclusiva nel campo della sicurezza alimentare. La nuova agenzia dovrebbe fare capo al Dipartimento della Salute e dei Servizi alla persona e vi confluirebbero le competenze oggi frammentate tra la Food and Drug Administration (FDA) …

Continua »

Germogli: non mangiateli crudi, è allerta in USA dopo l’infezione dell’agosto 2014. Segnalati 30 focolai nel 1996

broccoli, radish and clover sprouts in a wooden bowl

Negli Stati Uniti, è stata dichiarata chiusa l’indagine sul focolaio di Listeria collegato a germogli di soia, che ha provocato cinque ricoveri in ospedale in due Stati, Illinois e Michigan, con due morti. Il focolaio era stato scoperto lo scorso agosto dalla Food and Drug Administration (FDA), durante un controllo di routine in un impianto della Wholesome Soy Products, che …

Continua »

TTIP: vacillano i negoziati sul Trattato commerciale di libero scambio tra USA e UE. Poche le informazioni. Petizione supera 1,3 milioni di firme

  Il 2015 sarà l’anno decisivo per i negoziati nell’ambito alimentare relativi al Trattato commerciale di libero scambio tra Stati Uniti e Unione europea, il Transatlantic Trade and Investment Partnership (TTIP). I contenuti oggetti di dibattito, protetti sino a qualche giorno fa da una segretezza pressoché totale, hanno sollevato preoccupazioni, che si sono tradotte in 1,3 milioni di firme in …

Continua »

Mele caramellate con Listeria: negli Usa 32 contagi e sette decessi. A rischio anziani e donne in gravidanza. Cuocere i cibi è una forma di prevenzione

Le autorità sanitarie statunitensi stanno cercando di circoscrivere un focolaio di Listeria monocytogenes causato da mele caramellate confezionate che ha determinato 32 contagi, con 31 ricoveri in ospedale e sette decessi, dalla metà del mese di ottobre 2014. Tra i contagiati, dieci sono donne in gravidanza e in un caso c’è stato un aborto, mentre tre minori, tra i cinque …

Continua »

Usa: rinviata al 2018 l’etichettatura con le indicazioni di cottura della carne separata meccanicamente

I consumatori statunitensi dovranno aspettare fino al 2018 prima di trovare sulle etichette degli alimenti a base di carne separata meccanicamente (*) indicazioni che invitano a cuocere correttamente raggiungendo  una certa temperatura al cuore del prodotto.   Secondo l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), il rischio di crescita microbica nella carne di pollo, tacchino o di maiale separata meccanicamente …

Continua »

Residui di pesticidi negli alimenti: contestato il rapporto del governo Usa. I campionamenti sono pochi e molte sostanze non vengono ricercate

pesticidi campi

Più del 99% degli alimenti testati negli Stati Uniti contiene residui di pesticidi in quantità inferiore ai limiti di tolleranza o non ne ha alcuna traccia. Residui oltre i limiti ammessi sono stati rilevati nello 0,23% dei campioni esaminati. È quanto risulta dal rapporto annuale del Dipartimento dell’Agricoltura, il cui programma di monitoraggio dei pesticidi negli alimenti, così come quello …

Continua »

“Non fate considerazioni sugli impatti ambientali”: è la richiesta del Congresso Usa ai nutrizionisti incaricati di fornire pareri scientifici per le nuove linee guida dietetiche

All’inizio del 2014, il governo statunitense ha istituito una commissione consultiva di nutrizionisti, incaricata di fornire pareri scientifici sulle nuove linee guida per la dieta degli americani (Dietary Guidelines for Americans), che saranno pubblicate alla fine del 2015. Le linee guida vengono riviste ogni cinque anni e sono finalizzate a una consulenza scientifica su come l’alimentazione e l’attività fisica possono …

Continua »

Il biologico negli USA: gli enti certificatori non fanno rispettare i requisiti alle aziende agricole e non ispezionano in loco

Nell’ultimo decennio, il mercato del biologico negli Stati Uniti è quasi triplicato, raggiungendo i 35 miliardi di dollari, con oltre venticinquemila aziende agricole e altre organizzazioni che operano in questo settore. Attualmente ci sono 81 soggetti autorizzati a certificare le aziende e i prodotti biologici. Dei 37 enti che quest’anno sono stati sottoposti a una revisione completa da parte del …

Continua »

Troppo sale nella pizza: secondo un’indagine condotta in Gran Bretagna la metà contiene più di 6 grammi di sale. In USA alcune arrivano a 23

Il risultato di un’indagine condotta da Consensus Action on Salt Reduction (CASH) e World Action on Salt & Health (WASH) in Gran Bretagna e in altri paesi sul contenuto di sale nelle pizze è sconfortante. Quasi sempre la quantità supera i limiti consigliati, e in molti casi eccede in misura notevole. Le analisi condotte in Gran Bretagna su 1.267 pizze …

Continua »

Ogm e nanotech? I consumatori USA li accetterebbero se fosse dimostrato un miglioramento nutrizionale e di sicurezza

Una ricerca condotta su 1.117 consumatori americani, condotta dalla North Carolina State University e dalla University of Minnesota, ha rilevato che la maggioranza dei consumatori sarebbe disponibile ad accettare l’utilizzo di nanotecnologie e di modificazioni genetiche negli alimenti, se fosse dimostrato che queste tecnologie migliorano l’aspetto nutrizionale e la sicurezza. Allo stesso tempo, questi alimenti dovrebbero essere etichettati, per consentire …

Continua »

Energy drink: allarme negli Stati Uniti. In tre anni il 40% dei pazienti che si sono rivolti ai centri antiveleno ha un’età inferiore ai 6 anni

Negli Stati Uniti, nel triennio compreso tra l’ottobre 2010 e il settembre 2013, oltre il 40% delle 5.146 persone che si sono rivolte ai centri antiveleno, a causa degli effetti degli energy drink, sono bambini al di sotto dei sei anni d’età, con seri sintomi cardiaci e neurologici, dopo un’assunzione non deliberata di queste bibite. È quanto emerso da uno …

Continua »

McDonald’s invita al dialogo e apre una pagina sui social americani. Strategia della trasparenza per contrastare la crisi d’immagine

I risultati globali dell’ultimo trimestre di McDonald’s sono stati deludenti e le previsioni per l’immediato futuro non sono incoraggianti. È quanto  riferito da Don Thompson, amministratore delegato della catena di fast food, che conta 70 milioni di clienti quotidiani nel mondo. McDonald’s è infatti alle prese con una crisi d’immagine provocata da crisi  come quella della carne scaduta riciclata in …

Continua »

Fast food e marketing verso i bambini: negli USA è più diffuso nelle aree rurali, nei quartieri neri e a medio reddito

Una ricerca dell’Università dell’Arizona ha esaminato le strategie di marketing diretto ai bambini all’interno e all’esterno dei fast food statunitensi, rilevando come questi messaggi siano molto maggiori nelle zone rurali, nei quartieri neri e nelle aree a medio reddito. Lo studio, pubblicato dall’American Journal of Preventive Medicine, ha preso in esame 6.716 locali, selezionati in zone con una forte presenza …

Continua »