Home / Allerta / Germogli: non mangiateli crudi, è allerta in USA dopo l’infezione dell’agosto 2014. Segnalati 30 focolai nel 1996

Germogli: non mangiateli crudi, è allerta in USA dopo l’infezione dell’agosto 2014. Segnalati 30 focolai nel 1996

germogli iStock_000030423992_Small
Chiusa l’indagine sul focolaio di Listeria collegato a germogli di soia

Negli Stati Uniti, è stata dichiarata chiusa l’indagine sul focolaio di Listeria collegato a germogli di soia, che ha provocato cinque ricoveri in ospedale in due Stati, Illinois e Michigan, con due morti. Il focolaio era stato scoperto lo scorso agosto dalla Food and Drug Administration (FDA), durante un controllo di routine in un impianto della Wholesome Soy Products, che alla fine del mese aveva richiamato tutti i suoi prodotti. In novembre, l’impianto è stato chiuso e la produzione non è più ripresa.

 

Nel dichiarare chiusa l’indagine, i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno formulato alcune raccomandazioni rivolte a consumatori, ristoratori e rivenditori, affinché seguano sempre le procedure di sicurezza alimentare, per evitare malattie derivanti dal consumo di germogli di soia.

 

Assorted sprouts.
La raccomandazione è di non mangiare germogli crudi di qualsiasi tipo

La raccomandazione principale è di cuocerli sempre bene, perché in questo modo si uccidono tutti germi. La raccomandazione di non mangiare germogli crudi di qualsiasi tipo è rivolta, in particolare, a bambini, anziani, donne incinte e alle persone con il sistema immunitario indebolito.

 

Negli Stati Uniti, dal 1996 sono stati segnalati almeno trenta focolai di infezione alimentare associati a germogli crudi o poco cotti, causati, in particolare, dalla Salmonella e da E.coli.

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Api

Effetto cocktail: il nuovo insetticida Sivanto (Bayer) può uccidere e alterare il comportamento delle api, nonostante sia dichiarato innocuo

Alta mortalità delle api, scarsa coordinazione, apatia e iperattività nel comportamento.I cocktail di pesticidi, anche …

4 Commenti

  1. Buonasera,
    ho acquistato un germogliatore da pochi mesi (il Geo in terracotta reperibile nei negozi Natura Si) e coltivo germogli di vario tipo (mungo, rucola, fieno greco ecc) vorrei sapere se è preferibile cuocere anche gli auto prodotti, che per il momento ho consumato in gran parte crudi, con l’accortezza di mangiarli appena raccolti.
    Grazie,
    distinti saluti

    • Valeria Nardi

      Gentile Costanza, purtroppo da diverse analisi effettuata sui germogli contaminati è emerso che erano i semi a essere contaminati, e di conseguenza poi anche i germogli.

  2. Buongiorno , i semi destinati alla germogliazione sono più a rischio contaminazione di verdura e frutta consumate crude?
    Grazie