Home / Archivio dei Tag: frutta (pagina 3)

Archivio dei Tag: frutta

Salgono i prezzi di frutta e verdura, più economico il cibo di scarsa qualità. Un rapporto analizza la situazione in Brasile, Cina, Corea, Messico, Gran Bretagna e USA

Si riducono i prezzi di merendine e patatine, aumentano quelli di frutta e verdura. Non possono dunque stupire le conseguenze: più spesso sulle tavole finisce cibo di scarsa qualità, mentre sul girovita si accumulano chili in eccesso. È questa l’istantanea, relativa agli ultimi trent’anni, scattata dall’Overseas Development Institute, organizzazione internazionale che si occupa delle problematiche sociali delle realtà emergenti. Le …

Continua »

Frutta nelle scuole: le domande senza risposta inviate al Ministero delle Politiche Agricole su qualità, gestione e costi

Ci sono ancora molte cose da chiarire sul progetto Frutta nelle scuole. Le ricerche fatte per preparare gli articoli già apparsi su Il Fatto Alimentare hanno lasciato una serie di dubbi, che avremmo voluto chiarire parlando con il Ministero delle Politiche Agricole che gestisce il progetto stesso. Ci sarebbe piaciuto capire, per esempio, in base a quali monitoraggi il Ministero affermi, …

Continua »

McDonald’s regala la frutta e usa atleti famosi per convincere: così si ripulisce “la coscienza” per la vendita quotidiana di cibo spazzatura

La frutta fa bene: non lo dicono solo i nutrizionisti, ma lo sostiene anche McDonald’s. L’ultima pubblicità firmata dalla famosa catena non parla infatti di hamburger e patatine, ma di mele. Sì avete capito bene: la multinazionale del fast food, che molti un po’  impropriamente definiscono “spazzatura”, porta avanti una campagna invitando i giovani a mangiare la frutta. Per essere più …

Continua »

Frutta nelle scuole: stanziati 26,9 milioni di euro per il 2014-2015. Troppi soldi e gravi gli errori nella gestione. I genitori lamentano scarsa qualità

Sono sempre meno chiare le finalità  della campagna Frutta nelle scuole, l’iniziativa europea per incentivare il consumo di cui abbiamo già parlato su Il Fatto alimentare e che secondo dati ministeriali avrebbe raggiunto nel 2013,  1.050.000 alunni delle scuole primarie. È di pochi giorni fa la risposta a un’interrogazione al Ministro delle Politiche Agricole alimentari e forestali presentata dall’on. Chiara …

Continua »

La Fondazione Barilla a fianco dei nutrizionisti Usa, per una dieta povera di carne rossa e che tenga conto della sostenibilità ambientale

La Fondazione Barilla Center for Food & Nutrition (BCFN) si schiera a fianco della Commissione consultiva di medici e nutrizionisti istituita dal governo di Washington all’inizio del 2014, incaricata di fornire pareri scientifici sulle nuove linee guida per la dieta degli americani. Gli esperti della Commissione consigliano una dieta povera di carne rossa e, per la prima volta dall’emanazione della …

Continua »

Consumare biologico fa bene alla salute. Meno pesticidi nell’organismo. Pubblicato il primo studio che evidenzia l’accumulo

frutta verdura cinque porzioni bio iStock_000027787314_Small

Chi consuma abitualmente frutta e verdura biologiche espone il suo organismo a minori quantità di pesticidi ed erbicidi rispetto a chi mangia vegetali coltivati con i metodi  convenzionali. Questo può avere effetti sulla sua salute, dal momento che alcune sostanze, in particolare gli organo-fosfati (OF), sono state associate a diversi effetti negativi sia di tipo acuto (tremori, cefalea, difficoltà respiratorie) sia …

Continua »

Mele cerate: il video in rete è una bufala. I frutti sia quelli biologici che convenzionali possono produrre cera, si tratta di sostanze naturali. La prova di laboratorio e il parere degli agronomi

Da alcuni mesi circola in rete un video a dir poco allarmante sulle mele biologiche (guarda video). Nel filmato il “presentatore” gratta via da una mela bio di Esselunga una sostanza biancastra che a prima vista sembra cera. Dopo averne raccolta un po’ decide di bruciarla, facendo vedere che prende fuoco, sottolineando che emana un odore “strano”, come di paraffina. …

Continua »

Perclorato in frutta e verdura: l’EFSA conferma un errore nella stima di esposizione dei consumatori. La valutazione verrà aggiornata

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) riesaminerà il proprio parere scientifico dello scorso ottobre sul perclorato negli alimenti, in particolare nella frutta e nella verdura, a seguito della conferma che c’è stato un errore tecnico nella stima dell’esposizione dei consumatori a questo contaminante chimico. Gli esperti del gruppo scientifico dell’Efsa che si occupano dei contaminanti nella catena alimentare si …

Continua »

Frutta ammuffita, acerba o immangiabile: il progetto “Frutta nelle scuole” è un fallimento. Inviateci le vostre segnalazioni

Abbiamo ricevuto  questa lettera  in redazione da parte di un lettore che focalizza l’attenzione sul progetto “Frutta nelle scuole”. Vi chiedo gentilmente di tornare sul progetto Frutta nelle scuole e di indagare (o chiedere ai genitori ai comitati genitori ai Dirigenti) di vedere che tipo di frutta viene somministrata. Ieri in veneto è toccato il “caco mela” ma era immangiabile. …

Continua »

Frutta e verdura con il 30% di sconto quando la forma non è perfetta. La scelta dei supermercati francesi Intermarché funziona. D’accordo anche gli inglesi

Quasi la metà dei britannici è disposta a comprare frutta e verdura con forme insolite, se di buona qualità.  Secondo una ricerca condotta da Mintel (vedi sito) il 42% dei consumatori questi prodotti “difettosi” diventerebbero più attraenti, se fossero venduti ad un prezzo scontato. Allo stesso tempo, il 56% degli intervistati ritiene che i rivenditori dovrebbero fare di più per …

Continua »

“Frutta nelle scuole”: il programma europeo delude. Favorite solo le aziende che partecipano. Manca la valenza educativa

Parte sotto cattivi auspici la nuova edizione di Frutta nelle scuole, il programma europeo per incentivare il consumo di frutta e verdura da parte dei bambini, gestito dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali. La distribuzione della frutta sarebbe dovuta cominciare poco dopo l’inizio dell’anno scolastico e con uno stanziamento più elevato rispetto alla precedente edizione: più di 31 milioni …

Continua »

Fruttosio in eccesso: è dannoso anche quello della frutta? Risponde Enzo Spisni, docente di Fisiologia della nutrizione all’Università di Bologna

frutta cassette

In un recente articolo pubblicato da Il Fatto Alimentare, si parla degli effetti negativi del fruttosio, se assunto in eccesso. Il test prende in considerazione ciò che succede somministrando una quantità di fruttosio pari a 75 gr. (simile a quello contenuto in una bibita zuccherata da 250 kcal) e arriva alla conclusione che sia necessario camminare per 10 km per …

Continua »

Il consumo di frutta può ridurre del 40% i disturbi cardiovascolari e abbassa la pressione

frutta

Secondo uno studio condotto per sette anni su 451.681 cinesi adulti, il consumo quotidiano di una porzione e mezza di frutta (circa 150 grammi) abbassa significativamente la pressione e riduce del 15% il rischio di cardiopatia ischemica, del 25% quello di ictus ischemico e del 40% quello di ictus emorragico. In un’analisi separata, i ricercatori hanno esaminato il rischio di …

Continua »

Alce Nero: è giusto indicare sull’etichetta che il vasetto contiene più del 100% di frutta? La risposta dell’azienda a un nostro lettore

Gentile Redazione, mi è capitato di notare questa etichetta, che vanta l’utilizzo di più del 100% di frutta per la produzione della composta di frutta biologiche Alce Nero.  Come è possibile? È lecito scrivere un messaggio simile, sia dal punto di vista legale sia puramente matematico? MF La risposta dell’azienda Alce Nero A livello legislativo “Più del 100% di frutta” …

Continua »

Ciliegie a rischio: un video realizzato da Coltura & Cultura ci spiega come si sia riusciti a salvare questi meravigliosi frutti dall’abbandono

Le ciliegie: così amate e facili da mangiare che “una tira l’altra”. Eppure negli anni Ottanta abbiamo quasi rischiato di perderle! La principale causa sono stati i costi elevatissimi di raccolta che superavano il 50% dei costi di produzione. Ma la natura ha fornito agli agronomi diverse e curiose soluzioni: alberi più bassi, possibilità di innesto su piante resistenti e …

Continua »