;
Home / Lettere / “Cellule di arancia”: cosa sono? Una lettrice chiede chiarimenti sugli smoothie della Lidl

“Cellule di arancia”: cosa sono? Una lettrice chiede chiarimenti sugli smoothie della Lidl

frutta frullati smoothies SmoothieA volte l’elenco degli ingredienti può essere difficile da decifrare, sia perché in alcuni prodotti ci sono additivi dai nomi sconosciuti, sia perché ingredienti noti vengono chiamati con appellativi tecnici che al consumatore dicono poco o niente. Di seguito pubblichiamo la domanda di una lettrice e la risposta di Lidl.

Buonasera, mi sapreste spiegare la composizione dell’ingrediente “cellule di arancia”. Ho provato a cercare su internet, ma non ho trovato nulla. Si trova all’interno di uno smoothie di frutta fresca Lidl – Brand Solevita. Sara

Di seguito la risposta della Lidl.

Con la dicitura “cellule d’arancia” si intendono le vescicole piene di succo che costituiscono gli spicchi dell’arancia. Tale denominazione è riportata nel Decreto Legislativo n. 151 del 2004, in attuazione della direttiva 2001/112/CE, concernente i succhi di frutta ed altri prodotti analoghi (tra cui gli smoothie). In particolare,  l’Allegato II, che definisce tutte le materie prime per questa categoria, riporta al punto 6: Polpa e cellule, i prodotti ottenuti dalle parti commestibili del frutto della stessa specie, senza eliminazione di succo. Per gli agrumi, per polpa o cellule si intendono gli agglomerati di succo ottenuti dall’endocarpo.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Young man holds a piece of fresh pizza in his hands to smell a scent with his eyes closed, isolated on a yellow background. Guy enjoys fast food on a yellow background.

Pizza surgelata: secondo una lettrice l’etichetta non è corretta. Risponde l’azienda e le associazioni degli allergici (Aic e Aili)

I consumatori sono sempre più attenti e preparati quando si tratta di decifrare le etichette …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *