;
Home / Archivio dei Tag: cuore

Archivio dei Tag: cuore

Le dieci regole della nuova dieta salva-cuore che rispetta l’ambiente e le storie personali

Dieta Nutritionist giving consultation to patient with healthy fruit and vegetable, Right nutrition and diet concept

L’American Heart Association ha aggiornato le linee guida sull’alimentazione corretta per la prevenzione delle malattie cardiache e cardiovascolari e le ha pubblicate su Circulation. Si tratta di un documento scientifico ricco di novità, a partire dalla sua impostazione. In primis, l’attenzione è posta su un modello di dieta globale, sul cosiddetto pattern alimentare, piuttosto che sulla raccomandazione di consumare o …

Continua »

I cereali integrali aiutano a mantenere il cuore in salute: tre porzioni al giorno migliorano pressione, glicemia e girovita

biscotti integrali muesli

Chi consuma abitualmente cereali integrali (per esempio, tre porzioni al giorno tutti i giorni) ha un vantaggio cardiovascolare significativo rispetto a chi non lo fa, o lo fa molto di meno (mezza porzione al giorno): la circonferenza vita, i grassi e gli zuccheri nel sangue e la pressione sono migliori e si mantengono meglio nel tempo. Questo il risultato una ricerca …

Continua »

Dieta e cuore: un’alimentazione ricca di cibi fritti e bevande zuccherate aumenta il rischio di attacchi cardiaci

pollo fritto KFC dieta

Tra il 2003 e il 2007, oltre 21 mila americani con più di 45 anni sono stati arruolati in un grande studio che aveva lo scopo principale di verificare le eventuali relazioni tra dieta e malattie cardio  e cerebrovascolari chiamato Regards, da Reasons for geographic and racial differences in stroke. Con il coordinamento dei cardiologi dell’American Heart Association i partecipanti hanno …

Continua »

Cuore, il tipo di alimento e l’ora in cui si mangia possono fare la differenza per la salute cardiovascolare

La qualità di ciò che si mangia e anche l’ora del giorno in cui si dà la precedenza a certi alimenti può fare una grande differenza, dal punto di vista della salute del cuore: può ridurre del 10% il rischio cardiovascolare. L’effetto di un’alimentazione troppo ricca di grassi saturi, zuccheri, carni rosse su cuore e vasi sanguigni è noto da tempo, …

Continua »

Alimenti ultra-trasformati e cuore: ogni porzione in più aumenta il rischio di malattie cardiovascolari

close up of fast food snacks and drink on table alimenti ultra.trasformati

Gli alimenti ultra-trasformati (definiti così in base alla classificazione NOVA) hanno un effetto diretto sulla salute del cuore e dei vasi sanguigni. E di conseguenza hanno anche un impatto sull’incidenza delle malattie cardio- e cerebrovascolari, e sulla mortalità ad esse associata. La dimostrazione dell’esistenza di un rapporto lineare tra consumo e malattie giunge da uno studio pubblicato Journal of the …

Continua »

Troppi alimenti ultra-trasformati sono un rischio per la salute del cuore. Il monito dei cardiologi americani

Overweight business man eating with appetite a burger holding a can of soda drink

Gli alimenti ultra-trasformati hanno un impatto significativo sulla salute globale del cuore, e per questo l’assunzione andrebbe limitata. Si tratta dei prodotti che, in base al NOVA Food Classification System, rientrano nella sottoclasse 4, quella delle “formulazioni industriali costituite interamente o principalmente da sostanze estratte dagli alimenti (oli, grassi, zucchero, amido e proteine) per uso industriale”. Il monito giunge dal congresso …

Continua »

La dieta “yo-yo” potrebbe far male al cuore delle donne. Uno studio della Columbia University lancia l’allarme sui rischi delle oscillazioni di peso

A pair of female feet on a bathroom scale

I chili di troppo non fanno bene al cuore, ma perderli può essere ancora peggio, se il peso perso si riprende in fretta. La cosiddetta dieta “yo-yo” infatti è associata a un alto rischio di sviluppare malattie cardiache, secondo quando riporta una ricerca della Columbia University di New York presentata al meeting dell’American Heart Association il 7 marzo. Lo studio, …

Continua »

In Francia, un agnello ogm è finito in tavola, ma non si sa dove: l’animale geneticamente modificato è stato fatto uscire da un centro di ricerca

In Francia, un agnello geneticamente modificato con una proteina di medusa è entrato nella catena alimentare. Il fatto risale all’autunno 2014, ma la notizia è stata data ieri dal quotidiano Le Parisien e confermata dall’Inra, l’Istituto nazionale di ricerca agronomica, che sta conducendo uno studio medico sull’infarto. L’Inra, che rassicura sull’assenza di rischi sanitari, ha informato  l’autorità giudiziaria  attribuendo l’accaduto …

Continua »

Olio di pesce: il terzo integratore più venduto negli Usa ma non ci sono evidenze scientifiche che protegga cuore e vasi sanguigni

pillole olio di pasce omega 3 vitamina D integratori

L’olio di pesce è il terzo integratore alimentare più venduto negli Stati Uniti, dopo quelli a base di vitamine e sali minerali. Le capsule possono contenere fino a 450 milligrammi di acidi grassi omega 3 e sono assunte da almeno un americano su dieci. Stime ufficiali dei consumi in Italia non ce ne sono, ma basta fare una ricerca online …

Continua »

“Cuor di carciofo”: un video realizzato da Coltura & Cultura ci svela i segreti di questo ortaggio tanto benefico

Tutti gli ortaggi fanno bene al cuore, ma il carciofo fa “più bene” degli altri, grazie alle sostanze che gli conferiscono quel gusto astringente e un po’ amarognolo. Queste aiutano a tenere sotto controllo il colesterolo e i grassi nel sangue.   La realizzazione del filmato è a cura di Coltura & Cultura, un sito sostenuto da Bayer CropScience con …

Continua »

Consumare poco sale può ridurre il mal di testa. Lo dimostrerebbe una ricerca della statunitense Johns Hopkins University

Secondo studio condotto da ricercatori della statunitense Johns Hopkins University, pubblicato dalla rivista BMJ Open, dimezzare il consumo giornaliero di sale da otto a quattro grammi riduce la frequenza dei mal di testa. Lo studio ha coinvolto per tre mesi 390 persone, divise in tre gruppi, ai quali, a rotazione mensile, è stata assegnata una dieta con un contenuto di …

Continua »

“Sale, io ti amo, ma mi stai facendo a pezzi il cuore”: la campagna rivolta ai consumatori per la riduzione del sale

Con lo slogan “Sale, io ti amo, ma mi stai facendo a pezzi il cuore”, i cardiologi dell’American Heart Association (AHA) stanno conducendo una campagna per educare i consumatori a ridurre il consumo giornaliero di sale. L’AHA spera che questo serva anche a combattere la resistenza dell’industria alimentare a ridurre ulteriormente la quantità di sale dei propri cibi, negli ultimi …

Continua »

Olio di pesce: uno studio neozelandese smentisce l’efficacia di queste sostanze per la salute del cuore

ultra-processati, omega-3

“Quando si diffonde una credenza alimentata da accorte campagne di marketing, è poi difficile scardinarla e convincere le persone ad avere comportamenti più razionali“. Questo il commento finale di un’analisi che dimostra come i supplementi a base di olio di pesce abbiano scarsissimo effetto sulla salute ma, nonostante questo, godano spesso di buona stampa e di successo nelle vendite.   …

Continua »

Il latte biologico fa bene al cuore: tanti omega-3 e meno omega-6 rispetto a quello convenzionale. Lo studio finanziato in parte dall’industria del bio

“Il latte biologico diminuisce certamente il rischio di malattie cardiovascolari”. Questa la conclusione, molto netta, di uno studio di confronto tra latte intero tradizionale non biologico e latte biologico per quanto riguarda il contenuto in acidi grassi, appena pubblicato su PLoS One.   Gli autori, ricercatori del Washington State University’s Center for Sustaining Agriculture and Natural Resources (CSANR), hanno infatti …

Continua »

Troppi acidi grassi trans nel cibo. L`Europa deve adottare le restrizioni in vigore in Danimarca, Svezia, Austria e Svizzera

Il cuore di milioni di cittadini europei è ancora a rischio a causa dell’eccesso di acidi grassi trans (TFA) assunti con la dieta, nonostante le ripetute raccomandazioni ad abbassarne la concentrazione nei cibi industriali fatta da tutte le autorità sanitarie comunitarie e nazionali negli ultimi anni. In generale si nota un miglioramento e una tendenza al ribasso, ma solo in …

Continua »