;
Home / Etichette & Prodotti / Sugar tax, Federalimentare è contraria ma nei paesi dove è adottata il consumo di zucchero diminuisce

Sugar tax, Federalimentare è contraria ma nei paesi dove è adottata il consumo di zucchero diminuisce

Sugar tax tassa zucchero“La sugar tax è basata su un principio discriminatorio e questo è il primo motivo per cui ne chiediamo l’abolizione”. Il presidente di Federalimentare Ivano Vacondio ha aperto i lavori di un convegno che si è tenuto a Cibus, concentrandosi sulla tassa sugli zuccheri che, secondo quanto stabilito dal governo, dovrebbe entrare in vigore il 1 gennaio 2022. Il decreto attuativo del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 12 maggio, è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale e prevede, un’ imposta di 10 euro per ettolitro per i prodotti finiti, e di 0,25 euro per chilogrammo per i prodotti predisposti per essere utilizzati previa diluizione e verrà applicata a tutte le bevande analcoliche edulcorate. Secondo uno studio di Nomisma la sugar tax nel 2022 produrrebbe una contrazione delle vendite dei soft drink del -17% per il settore domestico e del – 9% per il fuori casa, rallentando non poco la ripresa post Covid.

Se queste previsioni sono corrette il prossimo anno si dovrebbe registrare a una positiva riduzione degli zuccheri assunti dagli italiani, migliorando così la qualità della dieta attualmente gravata da un eccesso di zuccheri. Il vero problema della sugar tax concepita dal Governo è che non è finalizzata a un programma di informazione alimentare per ridurre l’eccessiva quantità di zucchero assunta dagli italiani, ma serve solo a fare cassa. Nella maggior parte dei paesi in cui è stata introdotta la tassa ha funzionato e, dopo un primo periodo di rodaggio, si sono registrati cali nel consumo di prodotti alimentari zuccherati e una riformulazione delle ricette da parte delle aziende per pagare meno tasse.

© Riproduzione riservata Foto: fotolia.com, stock.adobe.com

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Avocado, tra dieci anni sarà il frutto tropicale più venduto nel mondo e soprattutto in Europa e Usa

Il rapporto Agricultural Outlook 2021-2030 dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) e …

2 Commenti

  1. Avatar

    Mntre negli altri paesi europei la tassa è maggiore in proporzione allo zucchero presente, in italia vale per tutti i prodotti uguale, anche per i prodotti senza zucchero ma solo con dolcificanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *