mandorle sgusciate su legno

Il ministero della Salute ha segnalato il richiamo precauzionale da parte del produttore di diversi lotti di mandorle sgusciate vendute con i marchi Dattilo, Movida Catering e I&D Srl per la possibile presenza di aflatossine. I prodotti interessati sono i seguenti:

  • Dattilo: bustine da 40 grammi con i numeri di lotto 277/22 e 290/22;
  • Movida Catering: secchielli da 700 grammi con i numeri di lotto 270/22, 294/22 e 273/22;
  • Movida Catering: secchielli da 1 kg con i numeri di lotto 277/22 e 291/22;
  • I&D Srl: vaschette compostabili senza marchio da 200 grammi e 400 grammi con i 279/22, 280/22 e 295/22.
mandorle sgusciate dattilo movida catering
A sinistra le mandorle sgusciate a marchio Dattilo; a destra il prodotto a marchio Movida Catering

Tutte le mandorle sgusciate richiamate sono state prodotte dal fornitore spagnolo Almendras Lopez e commercializzate dall’azienda I&D Srl di via Montegrappa 37, a Frattamaggiore, nella città metropolitana di Napoli.

In via cautelativa, l’azienda raccomanda di non consumare le mandorle con i marchi e i numeri di lotto indicati e di restituirle al punto vendita d’acquisto.

mandorle sgusciate I&D
Mandorle sgusciata in vaschetta prodotte da I&D Srl

Aggiornamento del 15 febbraio 2023: Riceviamo e pubblichiamo la nota con le precisazioni dell’azienda I&D Srl. Va premesso però che le informazioni comunicate ora dall’azienda non sono state incluse nel nostro articolo perché non erano presenti nell’avviso di richiamo diffuso dal ministero della Salute.

“Con la presente siamo a precisare che l’aflatossina non è stata riscontrata in nessuna delle confezioni, vaschette, secchielli o busta a marchio Movida Catering, Dattilo, I&D. 

L’aflatossina è stata riscontrata esclusivamente nella farina di mandorle realizzata da un altro produttore italiano che aveva acquistato lo stesso lotto di mandorle dal medesimo fornitore spagnolo Almendras Lopez. Avendo il produttore italiano incautamente attribuito alla farina di mandorle da lui realizzata lo stesso lotto della materia prima mandorle sgusciate, per motivi precauzionali, si è deciso di ritirare tutto il lotto di mandorle venduto in Italia a diverse aziende dalla ditta spagnola. 

Le mandorle acquistate dalla ditta spagnola e confezionate con i marchi Movida, Dattilo, I&D presentavano regolare certificato di assenza delle aflatossine, secondo analisi sviluppate da un laboratorio accreditato, che si invia in allegato per opportuna evidenza. È più che verosimile, dunque, che la formazione dell’aflatossina, che si ribadisce riguarda esclusivamente la farina di mandorle, possa essersi sviluppata durante il processo di lavorazione/trasformazione effettuato dal produttore italiano e/o durante lo stoccaggio/trasporto. 

Ciò che, in ogni caso, più stupisce è che gli organi di stampa associno la presenza dell’aflatossina alle mandorle confezionate con i marchi Movida Catering, Dattilo e I&D che sono estranei ai fatti e non si specifichi che l’aflatossina è stata riscontrata esclusivamente nella farina di mandorle (come da verbali dell’ASL) realizzata da un’altra azienda con la quale la I&D non ha alcuna relazione.”

Dal primo gennaio 2023 Il Fatto Alimentare ha segnalato 21 richiami, per un totale di 32 prodotti. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata Foto: Fotolia (copertina), ministero della Salute

Ogni anno vengono ritirati dagli scaffali dei supermercati centinaia di prodotti alimentari pericolosi o non idonei alla vendita.
Il Fatto Alimentare ha lanciato un servizio completamente gratuito, che permette di ricevere in tempo reale una notifica ogni volta che viene pubblicata un'allerta o un richiamo.
Se volete rimanere informati iscrivetevi al nuovo canale Telegram de Il Fatto Alimentare https://t.me/ilfattoalimentareallerta, oppure al servizio di allerta via email cliccando il pulsante qui sotto.

Iscriviti

Giulia Crepaldi - 14 Febbraio 2023
5 4 voti
Vota
Iscriviti
Notificami
guest

5 Commenti
Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Pietro
Pietro
14 Febbraio 2023 14:55

Ottimo lavoro

giova
giova
14 Febbraio 2023 15:10

Chissà se c’è un metodo empirico per rilevare le aflatossone nella frutta secca … al gusto si riconosce?

Valeria Nardi
Reply to  giova
14 Febbraio 2023 15:34

Dal sito dell’AIRC: Le aflatossine non si vedono e non hanno sapore. Se sui cibi sono visibili muffe, ciò non è indicativo di una loro eventuale presenza. Solo seri controlli della filiera di coltivazione, produzione e stoccaggio consentono di raggiungere la sicurezza richiesta per legge, che consente di offrire ai consumatori prodotti non a rischio di contaminazione da aflatossine. https://www.airc.it/cancro/informazioni-tumori/corretta-informazione/aflatossine-muffe-alimenti

Barbara Franco
Barbara Franco
14 Febbraio 2023 18:24

Perché scrivete mandorle s g u s c i a t e e nell’ immagine fate vedere mandorle n o n sgusciate?????????

5
0
Ci piacerebbe sapere che ne pensi, lascia un commento.x